Voci della Sanità 13 Maggio 2022 17:49

Diabete, al via il corso di formazione per medici libici della Società Italiana di Diabetologia

Il corso a distanza prenderà il via il 16 maggio. Il diabete è in aumento esponenziale soprattutto nei paesi in via di sviluppo come quelli africani affacciati sul Mediterraneo

Il 16 maggio la SID, Società Italiana di Diabetologia presieduta da Agostino Consoli, lancia il primo corso di formazione per i medici libici impegnati nella gestione dei pazienti con diabete. Tale progetto è il frutto della collaborazione istituzionale tra la SID e le Forze Armate Italiane, nell’ambito della Missione Bilaterale di Assistenza e Supporto in Libia MIASIT, sotto il comando dell’Ammiraglio Placido Torresi.

Il corso di formazione a distanza per medici libici prenderà il via il 16 maggio (dalle ore 9.00 alle ore 13.00), e affronterà il problema di salute pubblica di livello mondiale, con un quadro che si prospetta complicato nel tempo, a causa dell’incidenza del diabete in aumento esponenziale, soprattutto nei paesi in via di sviluppo, come quelli africani affacciati sul Mediterraneo.

Per un insieme di fattori di rischio, che comprendono l’inattività fisica, abitudini alimentari inadeguate, l’aumento della pressione arteriosa, la dislipidemia, l’aumentata prevalenza di obesità, nonché fattori socioeconomici che rendono difficoltosa l’attuazione di piani di educazione sanitaria e un adeguato e sistemico accesso alle cure.

Con una piattaforma web dedicata, messa a disposizione gratuitamente, sarà il primo di quattro incontri SID previsti, con il secondo a giugno e il terzo e il quarto a settembre. Un aiuto concreto ai medici impegnati a Tripoli, Misurata, Bengasi, Sebha, e Cufra, che potranno usufruire per un anno, della registrazione di questi moduli, identici per durata al primo, e lasciati a disposizione anche di medici libici non collegati in diretta tramite piattaforma dedicata.

«Questa iniziativa (la prima di una serie) è stata intrapresa per cercare di soddisfare, almeno in parte, le esigenze manifestate dal gruppo di medici libici che fanno capo al National Centre for Disease Control-Lybia, che nel loro Paese, si prendono cura dei pazienti con diabete in contesti molto difficili ha dichiarato la Prof.ssa Anna Solini dell’Università di Pisa, Coordinatore Didattico SID e Responsabile Scientifico del Corso -. Le difficoltà da superare sono molte: geografiche (pensiamo ad un paese dalla superficie enorme con aree abitate molto distanziate le une dalle altre, e con difficoltà soprattutto nella parte meridionale del paese); politiche (il governo applica delle regole molto stringenti nel permettere ai suoi medici di uscire dal paese per partecipare ad eventi formativi di aggiornamento che si tengono all’estero); economiche (le risorse economiche della Libia non permettono al sistema sanitario nazionale locale di erogare lo stesso tipo di assistenza che il paziente con diabete riceve in paesi più ricchi)».

In un contesto così difficile l’aiuto umanitario diventa di inestimabile valore, tra crisi politica e violazione di ogni diritto. Con un processo di transizione verso pace e democrazia ad oggi mai avvenuto. Considerando tra l’altro che la gestione della malattia e delle sue complicanze, soprattutto l’aumentato rischio cardiorenale, non è semplice, si è proceduto alla definizione del corso di formazione. «Situazione che è stata complicata ulteriormente dalla recente pandemia – sottolinea la professoressa Solini –. Insieme a un gruppo di colleghi libici, abbiamo immaginato un percorso formativo, con iscrizione gratuita e attestato di partecipazione, che potesse raggiungere il maggior numero di medici possibile, fornendo loro degli spunti molto pratici (ma rigorosamente supportati dalle linee guida internazionali) su come si possa offrire una buona assistenza clinica ai pazienti tenendo presente la realtà in cui si opera, per ottimizzare dei percorsi di diagnosi e cura con i mezzi a disposizione in una realtà complessa».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Scadenza triennio formativo, gli Ordini richiamano gli iscritti con informativa personalizzata
Il contenuto della lettera inviata agli iscritti all'Ordine dei medici di Siena. Del Gaudio (Opi Foggia): «Evitare rischio mancata copertura assicurativa». D’Avino (FIMP): «Il Cogeaps ha agito secondo la normativa, che gli iscritti conoscono». Antonazzo (Opi Lecce): «Solo il 28% degli iscritti certificabile»
Diabete: influenza triplica il rischio di ricoveri. L’appello degli esperti AME: «Il vaccino salva la vita»
In occasione della Giornata Mondiale del Diabete, che si celebra lunedì 14 novembre 2022 gli specialisti dell'Associazione Medici Endocrinologi (AME-ETS) invitano le persone con diabete a sottoporsi tempestivamente alla vaccinazione antinfluenzale
Diabete e obesità, le prospettive nel 29esimo congresso della Sid (tra PNRR e formazione)
Intervista al presidente della Società Italiana Diabetologia Agostino Consoli
Diabete, Consoli (Sid): «Diventi priorità sanitaria»
Appello al neoministro della Salute Schillaci dal 29 durante il Congresso Nazionale della Società Italiana di Diabetologia. Oggi apertura dei lavori
Relazioni tossiche: l’amore patologico colpisce almeno il 5% della popolazione
Gori (docente Consulcesi): «Ce ne accorgiamo solo quando sfocia in gesti estremi, necessaria sensibilizzazione tra medici ed educazione affettiva»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 2 dicembre 2022, sono 644.116.374 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.637.943 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa