Voci della Sanità 13 Maggio 2022 17:49

Diabete, al via il corso di formazione per medici libici della Società Italiana di Diabetologia

Il corso a distanza prenderà il via il 16 maggio. Il diabete è in aumento esponenziale soprattutto nei paesi in via di sviluppo come quelli africani affacciati sul Mediterraneo

Il 16 maggio la SID, Società Italiana di Diabetologia presieduta da Agostino Consoli, lancia il primo corso di formazione per i medici libici impegnati nella gestione dei pazienti con diabete. Tale progetto è il frutto della collaborazione istituzionale tra la SID e le Forze Armate Italiane, nell’ambito della Missione Bilaterale di Assistenza e Supporto in Libia MIASIT, sotto il comando dell’Ammiraglio Placido Torresi.

Il corso di formazione a distanza per medici libici prenderà il via il 16 maggio (dalle ore 9.00 alle ore 13.00), e affronterà il problema di salute pubblica di livello mondiale, con un quadro che si prospetta complicato nel tempo, a causa dell’incidenza del diabete in aumento esponenziale, soprattutto nei paesi in via di sviluppo, come quelli africani affacciati sul Mediterraneo.

Per un insieme di fattori di rischio, che comprendono l’inattività fisica, abitudini alimentari inadeguate, l’aumento della pressione arteriosa, la dislipidemia, l’aumentata prevalenza di obesità, nonché fattori socioeconomici che rendono difficoltosa l’attuazione di piani di educazione sanitaria e un adeguato e sistemico accesso alle cure.

Con una piattaforma web dedicata, messa a disposizione gratuitamente, sarà il primo di quattro incontri SID previsti, con il secondo a giugno e il terzo e il quarto a settembre. Un aiuto concreto ai medici impegnati a Tripoli, Misurata, Bengasi, Sebha, e Cufra, che potranno usufruire per un anno, della registrazione di questi moduli, identici per durata al primo, e lasciati a disposizione anche di medici libici non collegati in diretta tramite piattaforma dedicata.

«Questa iniziativa (la prima di una serie) è stata intrapresa per cercare di soddisfare, almeno in parte, le esigenze manifestate dal gruppo di medici libici che fanno capo al National Centre for Disease Control-Lybia, che nel loro Paese, si prendono cura dei pazienti con diabete in contesti molto difficili ha dichiarato la Prof.ssa Anna Solini dell’Università di Pisa, Coordinatore Didattico SID e Responsabile Scientifico del Corso -. Le difficoltà da superare sono molte: geografiche (pensiamo ad un paese dalla superficie enorme con aree abitate molto distanziate le une dalle altre, e con difficoltà soprattutto nella parte meridionale del paese); politiche (il governo applica delle regole molto stringenti nel permettere ai suoi medici di uscire dal paese per partecipare ad eventi formativi di aggiornamento che si tengono all’estero); economiche (le risorse economiche della Libia non permettono al sistema sanitario nazionale locale di erogare lo stesso tipo di assistenza che il paziente con diabete riceve in paesi più ricchi)».

In un contesto così difficile l’aiuto umanitario diventa di inestimabile valore, tra crisi politica e violazione di ogni diritto. Con un processo di transizione verso pace e democrazia ad oggi mai avvenuto. Considerando tra l’altro che la gestione della malattia e delle sue complicanze, soprattutto l’aumentato rischio cardiorenale, non è semplice, si è proceduto alla definizione del corso di formazione. «Situazione che è stata complicata ulteriormente dalla recente pandemia – sottolinea la professoressa Solini –. Insieme a un gruppo di colleghi libici, abbiamo immaginato un percorso formativo, con iscrizione gratuita e attestato di partecipazione, che potesse raggiungere il maggior numero di medici possibile, fornendo loro degli spunti molto pratici (ma rigorosamente supportati dalle linee guida internazionali) su come si possa offrire una buona assistenza clinica ai pazienti tenendo presente la realtà in cui si opera, per ottimizzare dei percorsi di diagnosi e cura con i mezzi a disposizione in una realtà complessa».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
L’olio evo contrasta diabete, ipertensione e sindrome metabolica
L'olio extravergine di oliva (Evo) gioca un ruolo chiave nel contrastare l'insorgenza delle patologie cronico-degenerative non trasmissibili come il diabete mellito, l'ipertensione arteriosa, la sindrome metabolica, i tumori, le malattie a carico del sistema nervoso e la malattia renale cronica. Lo confermano le ricerche condotte e in corso all'Università degli Studi di Roma Tor Vergata
di V.A.
Diabete di tipo 2: remissione possibile con stile di vita sano, benefici anche per cuore e reni
Il diabete di tipo 2 può essere "curato" perdendo peso e, in generale, adottando uno stile di vita sano, riducendo significativamente il rischio di malattie cardiovascolari e renali. Queste sono le conclusioni di uno studio dell’Associazione europea per lo studio del diabete (EASD), pubblicato sulla rivista Diabetologia
Diabete di tipo 1, se compare in bimbi under 10 ruba 16 anni di vita
L'Italia è il primo paese al mondo ad aver istituito uno screening del diabete di tipo 1 che come prima e importante conseguenza positiva consentirà di prevenire la chetoacidosi. Oggi infatti il 40% delle diagnosi di diabete di tipo 1 avviene in ritardo a seguito di un esordio drammatico, Senza contare che, quando la malattia ha un esordio precoce, prima dei 10 anni di età, si possono arrivare a perdere ben 16 anni di aspettativa di vita. Questi sono i messaggi lanciati da Valentino Cherubini, presidente della Società Italiana di Endocrinologia e Diabetologia Pediatrica (Siedp) che lancia un appello in occasione della Giornata Mondiale del Diabete che si celebra domani
di V.A.
Diabete: nuove linee guida per il trattamento delle malattie cardiovascolari
Sono state pubblicate le nuove linee guida per le malattie cardiovascolari nelle persone con diabete. Molti i temi trattati: dalla stratificazione del rischio cardiovascolare allo screening fino alla diagnosi e il trattamento. Le linee guida valutano e riassumono le evidenze scientifiche disponibili al momento della loro stesura, con l’obiettivo di supportare gli operatori sanitari nel proporre il miglior approccio diagnostico o terapeutico
Diabete: dieta sana non basta se a tavola ci sono cibi ultra-processati
Una ricerca condotta dal Dipartimento di Epidemiologia e Prevenzione dell’I.R.C.C.S. Neuromed di Pozzilli, pubblicata sull'American Journal of Clinical Nutrition, dimostra che il consumo di cibi ultraprocessati aumenta sensibilmente il rischio di morte per persone con diabete di tipo 2, indipendentemente dalla qualità nutrizionale di una dieta attenta e salutare
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Cirrosi epatica, i pazienti chiedono meno burocrazia e maggior accesso al teleconsulto

Nella nuova puntata di The Patient Voice, Ivan Gardini (EpaC Ets), Ilenia Malavasi (Affari Sociali) e Francesca Ponziani (Pol. Gemelli)
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...