Meteo 24 Settembre 2018

Roma, effettuato primo trapianto facciale in Italia al Sant’Andrea

Il primo trapianto di faccia effettuato in Italia è stato eseguito all‘ospedale Sant’Andrea di Roma, su una paziente di 49 anni affetta da neurofibromatosi di tipo I. Si tratta di una malattia genetica rara che attacca pesantemente sistema nervoso, pelle e occhi.

L’operazione è stata possibile grazie a una donatrice di 21 anni. Le equipe per il prelievo del tessuto facciale da donatore deceduto e per il successivo trapianto sono dirette dal professor Fabio Santanelli di Pompeo, Responsabile dell’Unità Operativa di Chirurgia Plastica dell’A.O. Sant’Andrea di Roma, e dal dottore Benedetto Longo.

«Le condizioni generali della paziente sono buone, non ci sono preoccupazioni per la sua vita. L’intervento chirurgico è tecnicamente riuscito – fa sapere in una nota l’azienda ospedaliera universitaria Sant’Andrea – tuttavia i tessuti trapiantati hanno manifestato durante la scorsa notte, segni di sofferenza del microcircolo per sospetto rigetto. Per prevenire ulteriori rischi, come previsto dal protocollo, si sta prendendo in considerazione la possibilità di una ricostruzione temporanea con tessuti autologhi della paziente nell’attesa di un’ulteriore ricostruzione con un nuovo donatore».

Il prossimo bollettino medico è previsto per questa sera.

Articoli correlati
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 4 dicembre, sono 65.277.100 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.507.323 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 3 dicembre: ...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli