Voci della Sanità 19 Febbraio 2020

Codici: «Chiediamo al Ministero di fare chiarezza sulle ricerche cliniche all’Ospedale Niguarda di Milano»

Prima l’inserimento del paziente in uno studio clinico senza consenso informato specifico e senza autorizzazione del comitato etico, poi l’intervento eseguito con protesi che hanno avuto effetti avversi non segnalati al Ministero, che non è stato informato nemmeno sulla consegna delle protesi alla ditta, di cui non sono stati registrati i lotti utilizzati. È quanto […]

Prima l’inserimento del paziente in uno studio clinico senza consenso informato specifico e senza autorizzazione del comitato etico, poi l’intervento eseguito con protesi che hanno avuto effetti avversi non segnalati al Ministero, che non è stato informato nemmeno sulla consegna delle protesi alla ditta, di cui non sono stati registrati i lotti utilizzati. È quanto accaduto nel 2015 all’Ospedale Niguarda di Milano e che oggi è finito all’attenzione del Ministero della Salute, a cui l’associazione Codici ha inviato un esposto per chiedere di fare chiarezza. Il paziente, un uomo di 76 anni, era stato ricoverato nel reparto di Chirurgia per sottoporsi a terapie in grado di migliorare le sue condizioni ed invece ha iniziato un calvario.

“Il paziente era affetto da una condizione polipatologica, in cui spiccava un’insufficienza aortica – spiega l’avvocato Ivano Giacomelli, Segretario Nazionale di Codici – ma ciò nonostante è stato inserito in uno studio clinico di cui non era stato informato, per il quale non aveva firmato il consenso e su cui non c’è stata nemmeno l’autorizzazione da parte del Comitato Etico. Siamo di fronte ad una serie di irregolarità che ci lasciano basiti e che purtroppo rappresentano solo una parte dei motivi che ci hanno spinto a richiedere l’intervento del Ministero”.

LEGGI ANCHE: LISTE D’ATTESA, MAZZACANE (CISL MEDICI LOMBARDIA): «COSÌ UNA APP AL NIGUARDA HA RISOLTO IL PROBLEMA»

L’altro aspetto da chiarire in questa triste vicenda riguarda l’operazione. “Stando a quanto riportato sul verbale operatorio – dichiara l’avvocato Giacomelli – l’intervento è stato sospeso dopo diversi tentativi di posizionamento di ben due valvole aortiche sostitutive, entrambi falliti. Dopo alcuni giorni, è stato fatto un altro tentativo, che all’apparenza sembrava tecnicamente riuscito, ma che in realtà ha causato una serie di complicazioni, aggravate da infezioni legate all’assistenza. Le condizioni del paziente sono progressivamente peggiorate, fino al decesso”.

LEGGI ANCHE: VACCINI, AL NIGUARDA PRIMO AMBULATORIO INTRA-OSPEDALIERO PER PAZIENTI CRONICI, FRAGILI E DONNE IN GRAVIDANZA

Per fare chiarezza sull’intervento, il Codici ha chiesto anche informazioni sul materiale utilizzato nel corso dell’operazione. E qui la vicenda si tinge di giallo. “Dall’Ospedale Niguarda – afferma l’avvocato Giacomelli – ci è stato riferito che i dispositivi medici utilizzati nel tentativo d’impianto sono stati ritirati dalla ditta fornitrice e non è stata tenuta traccia dei relativi lotti. Una risposta inquietante, come la mancata comunicazione al Ministero dei problemi emersi nel corso degli interventi. Non abbiamo contezza del tipo di protesi utilizzato, del materiale con cui è fabbricata né di eventuali controindicazioni previste. A nostro avviso si tratta di un comportamento doloso, che fa ricadere sull’operatore sanitario e sulla struttura ospedaliera la responsabilità di quanto accaduto, avendo con coscienza e volontà assunto i rischi e cercato di occultare le prove dell’illecito. Tutto questo è inaccettabile – conclude il Segretario Nazionale di Codici – per questo abbiamo chiesto al Ministero di verificare l’accaduto e appurare eventuali responsabilità”.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Gli anestesisti in tour da Torino a Bari. Petrini (Siaarti): «Contro il Covid siamo stati brillanti»
Un'iniziativa per raccontare una professione in prima linea ed incontrare medici e istituzioni. La presidente della Società italiana di anestesia, analgesia, rianimazione e terapia intensiva: «Suggerimenti positivi per il governo su organizzazione e follow up»
di Federica Bosco
Psiche e lockdown, quando una telefonata può salvare dal buio…
Il servizio di assistenza psicologica telefonica fornito dalla Asl Napoli 1 per intercettare il malessere della popolazione e degli operatori sanitari dopo il lockdown
In un anno 6 mila incidenti con dispositivi medici. Il 50% dei decessi collegati riguarda apparecchi per il cuore
Il Ministero della Salute ha pubblicato il primo Rapporto sulle attività di vigilanza sui dispositivi medici relativo all’anno 2018. Ecco cosa emerge
Sanità lombarda: il ruolo delle Professioni Sanitarie nella riforma della L.R. 23/2015. Un ponte fra paziente e territorio
All’incontro del luglio scorso, organizzato dai vertici della Sanità di Regione Lombardia, presenti gli ordini TSRM e PSTRP di Milano, Como, Lecco, Lodi, Monza Brianza e Sondrio per delineare i passi da compiere nell’attuazione della Legge Regionale n. 23/2015 che regola il sistema sociosanitario lombardo
Lombardia, l’appello dei geriatri: «Aumentare i reparti per acuti e riconoscere il nostro ruolo»
Dopo l'emergenza occorre ripensare l'organizzazione e la diffusione dei reparti ospedalieri di Geriatria per acuti, in Lombardia come in tutto il Paese. L’appello di SIGOT, SIGG e AGE ai vertici della Regione Lombardia e alle istituzioni nazionali per aumentare i posti letto per anziani in ospedale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 23 ottobre, sono 41.705.699 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.137.333 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 23 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Ecm

ECM, De Pascale (Co.Ge.APS): «Entro fine anno azzereremo posizioni arretrate e Ordini potranno certificare formazione»

Il presidente del Co.Ge.APS racconta a Sanità Informazione i mesi appena trascorsi e anticipa il cambiamento di forma giuridica che il Consorzio avrà dal prossimo anno. E sulla riforma del sistema E...