Voci della Sanità 19 Febbraio 2020

Codici: «Chiediamo al Ministero di fare chiarezza sulle ricerche cliniche all’Ospedale Niguarda di Milano»

Prima l’inserimento del paziente in uno studio clinico senza consenso informato specifico e senza autorizzazione del comitato etico, poi l’intervento eseguito con protesi che hanno avuto effetti avversi non segnalati al Ministero, che non è stato informato nemmeno sulla consegna delle protesi alla ditta, di cui non sono stati registrati i lotti utilizzati. È quanto […]

Prima l’inserimento del paziente in uno studio clinico senza consenso informato specifico e senza autorizzazione del comitato etico, poi l’intervento eseguito con protesi che hanno avuto effetti avversi non segnalati al Ministero, che non è stato informato nemmeno sulla consegna delle protesi alla ditta, di cui non sono stati registrati i lotti utilizzati. È quanto accaduto nel 2015 all’Ospedale Niguarda di Milano e che oggi è finito all’attenzione del Ministero della Salute, a cui l’associazione Codici ha inviato un esposto per chiedere di fare chiarezza. Il paziente, un uomo di 76 anni, era stato ricoverato nel reparto di Chirurgia per sottoporsi a terapie in grado di migliorare le sue condizioni ed invece ha iniziato un calvario.

“Il paziente era affetto da una condizione polipatologica, in cui spiccava un’insufficienza aortica – spiega l’avvocato Ivano Giacomelli, Segretario Nazionale di Codici – ma ciò nonostante è stato inserito in uno studio clinico di cui non era stato informato, per il quale non aveva firmato il consenso e su cui non c’è stata nemmeno l’autorizzazione da parte del Comitato Etico. Siamo di fronte ad una serie di irregolarità che ci lasciano basiti e che purtroppo rappresentano solo una parte dei motivi che ci hanno spinto a richiedere l’intervento del Ministero”.

LEGGI ANCHE: LISTE D’ATTESA, MAZZACANE (CISL MEDICI LOMBARDIA): «COSÌ UNA APP AL NIGUARDA HA RISOLTO IL PROBLEMA»

L’altro aspetto da chiarire in questa triste vicenda riguarda l’operazione. “Stando a quanto riportato sul verbale operatorio – dichiara l’avvocato Giacomelli – l’intervento è stato sospeso dopo diversi tentativi di posizionamento di ben due valvole aortiche sostitutive, entrambi falliti. Dopo alcuni giorni, è stato fatto un altro tentativo, che all’apparenza sembrava tecnicamente riuscito, ma che in realtà ha causato una serie di complicazioni, aggravate da infezioni legate all’assistenza. Le condizioni del paziente sono progressivamente peggiorate, fino al decesso”.

LEGGI ANCHE: VACCINI, AL NIGUARDA PRIMO AMBULATORIO INTRA-OSPEDALIERO PER PAZIENTI CRONICI, FRAGILI E DONNE IN GRAVIDANZA

Per fare chiarezza sull’intervento, il Codici ha chiesto anche informazioni sul materiale utilizzato nel corso dell’operazione. E qui la vicenda si tinge di giallo. “Dall’Ospedale Niguarda – afferma l’avvocato Giacomelli – ci è stato riferito che i dispositivi medici utilizzati nel tentativo d’impianto sono stati ritirati dalla ditta fornitrice e non è stata tenuta traccia dei relativi lotti. Una risposta inquietante, come la mancata comunicazione al Ministero dei problemi emersi nel corso degli interventi. Non abbiamo contezza del tipo di protesi utilizzato, del materiale con cui è fabbricata né di eventuali controindicazioni previste. A nostro avviso si tratta di un comportamento doloso, che fa ricadere sull’operatore sanitario e sulla struttura ospedaliera la responsabilità di quanto accaduto, avendo con coscienza e volontà assunto i rischi e cercato di occultare le prove dell’illecito. Tutto questo è inaccettabile – conclude il Segretario Nazionale di Codici – per questo abbiamo chiesto al Ministero di verificare l’accaduto e appurare eventuali responsabilità”.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Codici: «Ricorso al Tar contro l’obbligo del vaccino antinfluenzale per tutelare anche il personale sanitario»
 «Si allarga la campagna di adesione al ricorso presentato dall’associazione Codici contro l’ordinanza con cui la Regione Lazio ha disposto l’obbligo del vaccino antinfluenzale per gli over 65 ed il personale sanitario. Non solo i cittadini, anche gli operatori stanno dimostrando interesse nei confronti dell’azione legale che il 9 giugno sarà discussa nella prima udienza […]
Coronavirus: Fondo Est in campo per oltre 1 milione di lavoratori a rischio cassa integrazione
Assistenza garantita ed estesa per i dipendenti iscritti, sostegno alle aziende, pacchetto Emergenza Covid-19 per i contagiati: ecco le misure messe in campo da Fondo Est, ente di assistenza sanitaria integrativa del commercio, del turismo, dei servizi e dei settori affini
Protezione civile: due nuovi bandi per reclutare medici e operatori sociosanitari
I due bandi coinvolgeranno medici - a completare la task force già inviata sul territorio - e 1500 operatori sociosanitari destinati a strutture sanitarie assistenziali, residenze per disabili e istituti penitenziari
Degenza di Sorveglianza: apre a Milano il primo reparto per pazienti Covid-19 con sintomi lievi
Venti posti letto all’Ospedale San Paolo per assistere pazienti positivi che non possono restare al proprio domicilio
Covid-19, ritardi nei tamponi e mancata assistenza domiciliare. Tanti gli sfoghi online dei contagiati
La storia del professor Valli, deceduto a Roma, che aveva denunciato accessi differenziati ai tamponi per la ricerca del Coronavirus nonostante i sintomi conclamati. Numerose le testimonianze di cittadini abbandonati a se stessi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 22 maggio, sono 5.410.439 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 345.105 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA     Bollettino delle ore 18:00 de...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

«A Piacenza onda d’urto impressionante, per questo abbiamo il più alto numero di morti». Parla il pioniere della lotta al virus Luigi Cavanna

L’oncologo noto per i suoi interventi ‘casa per casa’ per sconfiggere l’epidemia: «Azione precoce arma vincente, nessun paziente curato a domicilio è morto». E ricorda i primi giorni dell'e...