Lavoro 28 Gennaio 2020 09:00

Liste d’attesa, Mazzacane (Cisl medici Lombardia): «Così una app al Niguarda ha risolto il problema»

Per il segretario generale Cisl Medici Lombardia il modello Niguarda, con la App realizzata dal centro di terapia del dolore, è l’esempio da seguire

di Federica Bosco
Liste d’attesa, Mazzacane (Cisl medici Lombardia): «Così una app al Niguarda ha risolto il problema»

Grazie alla tecnologia e ad una riorganizzazione del percorso di accesso alle strutture ospedaliere si potrebbero ridurre le liste d’attesa che oggi rappresentano una delle principali criticità del sistema sanitario a copertura universale. Ne è convinto Danilo Mazzacane, segretario generale Cisl Medici Lombardia, che suggerisce una possibile soluzione.

«Il fenomeno è molto evidente su Milano poiché abbiamo la presenza di strutture di eccellenza – spiega Mazzacane – oltre a stabilire i criteri di priorità già esistenti, andrebbe rivisitato il livello di prestazione. Il paziente, dopo essersi recato dal medico di medicina generale e dal pediatra di libera scelta, dovrebbe essere indirizzato ai medici specialisti del territorio per prestazioni di primo livello. Ovviamente le urgenze vanno invece verso il pronto soccorso degli ospedali. Con una documentazione valida e una motivazione – continua – i casi più complessi andrebbero indirizzati alle strutture di eccellenza in modo da poter affrontare la problematica dal punto di vista diagnostico e terapeutico. Per far ciò, è necessaria un’opera di formazione dei medici stimolata da una maggiore comunicazione e indubbiamente una educazione dei cittadini. Gli strumenti tecnologici possono darci degli aiuti. È il caso della App realizzata dal centro di terapia del dolore del Niguarda che viene utilizzata proprio come mezzo di collegamento tra i medici del territorio, i medici ospedalieri specialistici e i cittadini, con uno spazio riservato alla comunicazione del paziente. Migliorando l’informazione dei servizi presenti nelle strutture di eccellenza, informando i medici del territorio e fornendo percorsi definiti di accesso, sicuramente si può avere una pronta diagnosi ed efficace terapia con una migliore presa in carico del paziente. Bisogna investire delle risorse sul territorio, migliorare la comunicazione al paziente e la formazione al personale sanitario, dando voce anche a chi lavora sul campo per conoscere gli effettivi bisogni del personale sanitario».

LEGGI ANCHE: «FORMAZIONE ECM, SI CAMBIA. UN ANNO PER LA RIFORMA E LA VALORIZZAZIONE DEL SISTEMA

Nell’ambito di questa riforma la Cisl medici, di cui Danilo Mazzacane è Segretario generale, può avere un ruolo propositivo: «Siamo a disposizione della Regione Lombardia per suggerire idee a tutela dei pazienti e permettere ai medici di poter lavorare in serenità e in sicurezza».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Elezioni, maggioranza al centrodestra e Meloni verso Palazzo Chigi. Ecco il programma sanità della coalizione
Oltre il 44% per il centrodestra, con Fdi primo partito al 26,15. Staccato il centrosinistra al 26,3%, M5S regge con il 15,5%. Tra le proposte di Fratelli d’Italia una commissione d’inchiesta sulla gestione del Covid e la creazione di una Autorità Garante della Salute. Cambiamenti attesi anche per la riforma della sanità territoriale
di Francesco Torre
Come deve essere effettuata dal Provider la verifica dell’apprendimento?
La verifica dell’apprendimento può essere effettuata con diversi strumenti: quesiti a scelta multipla o a risposta aperta, esame orale, esame pratico, produzione di un documento, realizzazione di un progetto, ecc. Se vengono usati i quesiti, devono essere standardizzati in almeno 3 quesiti per ogni credito ECM erogato e nel caso si predispongono quesiti a scelta […]
Non solo Covid. Guido Rasi invita a recuperare le vaccinazioni “in sospeso”
Nel nuovo ebook del direttore Consulcesi, non solo un dettagliato elenco delle vaccinazioni oggi disponibili, ma anche consigli utili agli operatori sanitari per convincere quel 15% della popolazione italiana “esitante”
 A chi compete la certificazione dei crediti formativi erogati dal Provider?
La certificazione compete esclusivamente all’Ordine, Collegio o Associazione professionale di appartenenza del partecipante all’evento. Spetta al Provider, oppure nel caso della sperimentazione, all’ente accreditante, inviare i dati al COGEAPS che li rende disponibili alle suddette istituzioni per la certificazione (cfr.: Accordo Stato-Regioni 5 novembre 2009).
Elezioni, Gemmato (Fdi): «Le Case di Comunità non bastano, puntare sulla capillarità di MMG e farmacie»
Il responsabile sanità di Fratelli d’Italia Marcello Gemmato rilancia il superamento del test di medicina con l’adozione di una selezione al secondo anno in base ai risultati degli esami. Nel programma di Fdi anche l’istituzione di una commissione d’inchiesta sulla gestione del Covid
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 settembre 2022, sono 615.555.422 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.538.312 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi