Lavoro 28 Gennaio 2020 09:00

Liste d’attesa, Mazzacane (Cisl medici Lombardia): «Così una app al Niguarda ha risolto il problema»

Per il segretario generale Cisl Medici Lombardia il modello Niguarda, con la App realizzata dal centro di terapia del dolore, è l’esempio da seguire

di Federica Bosco
Liste d’attesa, Mazzacane (Cisl medici Lombardia): «Così una app al Niguarda ha risolto il problema»

Grazie alla tecnologia e ad una riorganizzazione del percorso di accesso alle strutture ospedaliere si potrebbero ridurre le liste d’attesa che oggi rappresentano una delle principali criticità del sistema sanitario a copertura universale. Ne è convinto Danilo Mazzacane, segretario generale Cisl Medici Lombardia, che suggerisce una possibile soluzione.

«Il fenomeno è molto evidente su Milano poiché abbiamo la presenza di strutture di eccellenza – spiega Mazzacane – oltre a stabilire i criteri di priorità già esistenti, andrebbe rivisitato il livello di prestazione. Il paziente, dopo essersi recato dal medico di medicina generale e dal pediatra di libera scelta, dovrebbe essere indirizzato ai medici specialisti del territorio per prestazioni di primo livello. Ovviamente le urgenze vanno invece verso il pronto soccorso degli ospedali. Con una documentazione valida e una motivazione – continua – i casi più complessi andrebbero indirizzati alle strutture di eccellenza in modo da poter affrontare la problematica dal punto di vista diagnostico e terapeutico. Per far ciò, è necessaria un’opera di formazione dei medici stimolata da una maggiore comunicazione e indubbiamente una educazione dei cittadini. Gli strumenti tecnologici possono darci degli aiuti. È il caso della App realizzata dal centro di terapia del dolore del Niguarda che viene utilizzata proprio come mezzo di collegamento tra i medici del territorio, i medici ospedalieri specialistici e i cittadini, con uno spazio riservato alla comunicazione del paziente. Migliorando l’informazione dei servizi presenti nelle strutture di eccellenza, informando i medici del territorio e fornendo percorsi definiti di accesso, sicuramente si può avere una pronta diagnosi ed efficace terapia con una migliore presa in carico del paziente. Bisogna investire delle risorse sul territorio, migliorare la comunicazione al paziente e la formazione al personale sanitario, dando voce anche a chi lavora sul campo per conoscere gli effettivi bisogni del personale sanitario».

LEGGI ANCHE: «FORMAZIONE ECM, SI CAMBIA. UN ANNO PER LA RIFORMA E LA VALORIZZAZIONE DEL SISTEMA

Nell’ambito di questa riforma la Cisl medici, di cui Danilo Mazzacane è Segretario generale, può avere un ruolo propositivo: «Siamo a disposizione della Regione Lombardia per suggerire idee a tutela dei pazienti e permettere ai medici di poter lavorare in serenità e in sicurezza».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Smaltire le liste d’attesa e abbassare i costi per le strutture, la ricetta “Office Based” del professor Peretti di Genova
La pandemia ha allungato ulteriormente i tempi di attesa per interventi a bassa complessità non urgenti ma comunque fondamentali per la salute della popolazione. Il Direttore dell’Unità di Otorinolaringoiatria dell’Ospedale San Martino di Genova spiega a Sanità Informazione cosa è possibile fare (e già si fa) ad aggirare l’ostacolo
Covid-19, Consulcesi: «Formazione unica via per contrastare cultura no vax»
Massimo Tortorella, presidente di Consulcesi, sul caso del medico di Biella con il braccio di silicone e tutti i medici no vax: «Le paure irrazionali si sconfiggono con la conoscenza»
 A chi compete la certificazione dei crediti formativi erogati dal Provider?
La certificazione compete esclusivamente all’Ordine, Collegio o Associazione professionale di appartenenza del partecipante all’evento. Spetta al Provider, oppure nel caso della sperimentazione, all’ente accreditante, inviare i dati al COGEAPS che li rende disponibili alle suddette istituzioni per la certificazione (cfr.: Accordo Stato-Regioni 5 novembre 2009).
Cosa prevede la riforma della sanità lombarda, tra record e critiche
300 audizioni e 200 emendamenti proposti da sindaci, ordini dei medici e professioni sanitarie. Regione Lombardia ha disegnato la nuova sanità sul principio della cura della persona e di una organizzazione territoriale capillare. Critica l’opposizione che prepara per il 2022 una controriforma
Giornata contro AIDS. Andreoni (Simit): «Il 95% dei pazienti oggi ha una vita normale, negli anni ‘80 moriva»
Il direttore scientifico della Simit: «La maggior parte dei soggetti con HIV in cura è over 60: l’età che avanza è la dimostrazione che le terapie funzionano. Necessario incrementare gli screening: con test eseguiti solo alla comparsa dei sintomi le diagnosi sono tardive»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 7 dicembre, sono 266.517.100 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.263.777 i decessi. Ad oggi, oltre 8,22 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

Perché nonostante i vaccini i casi di Covid-19 aumentano?

di Guido Rasi, ex Direttore Esecutivo dell'EMA e Direttore Scientifico Consulcesi
di Guido Rasi, ex Direttore Esecutivo dell'EMA e Direttore Scientifico Consulcesi