Salute 14 Gennaio 2020 10:46

Vaccini, al Niguarda primo ambulatorio intra-ospedaliero per pazienti cronici, fragili e donne in gravidanza

Collaborazione tra specialisti e medici affinché le vaccinazioni siano parte del piano terapeutico dei pazienti. Orso (Responsabile del centro vaccinale): «Triplice vantaggio per i pazienti: profilassi all’interno del percorso ospedaliero, tempi rapidi di realizzazione e vaccinazione parte integrante del percorso terapeutico»

di Federica Bosco
Vaccini, al Niguarda primo ambulatorio intra-ospedaliero per pazienti cronici, fragili e donne in gravidanza

Ha aperto presso l’ospedale Niguarda di Milano il primo ambulatorio intra-ospedaliero per le vaccinazioni di pazienti cronici, fragili e donne in gravidanza. Si tratta di una start up innovativa che ha preso il via lo scorso 17 dicembre e prevede la vaccinazione di una media  di 180 pazienti al mese.

LEGGI ANCHE: VACCINI, ULTIMI GIORNI PER METTERSI IN REGOLA. GENITORI INADEMPIENTI RISCHIANO MULTE E AFFIEVOLIMENTO DELLA RESPOSABILITÀ

«Si tratta di un punto dove i pazienti, che vengono seguiti all’interno dell’ospedale dai nostri clinici – spiega Maurizio Orso, responsabile del Centro Vaccinale di Niguarda – possono presentarsi per fare le vaccinazioni ritenute necessarie in base alla patologia o alla gravidanza».

Quali sono i vantaggi?

«Intanto di trovarsi all’interno di un circuito diagnostico terapeutico anche per questo tipo di provvedimento; l’altro vantaggio è che la vaccinazione può essere fatta contemporaneamente ad un accesso che il paziente avrebbe fatto comunque presso l’ospedale, quindi facendo risparmiare tempo al paziente per queste pratiche e la terza cosa importante è che la vaccinazione diventa un punto di riferimento all’interno del suo percorso terapeutico. Per la donna in gravidanza, la comodità è data dal fatto che nel momento in cui è chiamata a fare un controllo presso il  ginecologo, per fare una ecografia o una visita, può essere inserita all’interno di un percorso di vaccinazione ad esempio antipertosse, che si fa preferibilmente alla 28° settimana, ma comunque tra la 27° e la 36° e serve per far sì che la donna produca una dose di anticorpi tali  da proteggere il neonato da una infezione che può essere mortale».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE

Al servizio aperto tre giorni la settimana presso il centro prelievi, al piano terra del Blocco nord del presidio ospedaliero, i pazienti accedono tramite una prenotazione fatta direttamente dallo specialista.

«Ci sono patologie croniche – prosegue Orso -come diabete insulinodipendente che prevede tra le pratiche terapeutiche e diagnostiche anche la vaccinazione nei confronti di tutti i sierotipi della meningite, così come anche i pazienti in attesa di un trapianto o coloro che potrebbero avere patologie croniche ed essere più facilmente esposti a questo tipo di infezioni. Pensiamo ad esempio ad un paziente che ha una patologia polmonare cronica che è candidato a fare la vaccinazione per il pneumococco, o il paziente che è stato splenectomizzato per un trauma o per una patologia, che è candidato a fare una vaccinazione per pneumococco, meningococchi e  l’emofilus-influenze. Quindi, a seconda del tipo di morbilità del paziente, ci sono delle vaccinazioni consigliate, che vengono eseguite in un centro interno, senza la necessità che il paziente sia costretto a cercare quello di competenza della zona di residenza».

Tutto ciò è a carico del sistema sanitario?

«Ovviamente tutto ciò che è all’interno delle linee guida previste per il tipo di patologia del paziente è all’interno di vaccinazioni istituzionali e quindi non a pagamento, resta fermo che qualunque persona o paziente che volesse fare delle vaccinazioni relativamente al meningococco al papillomavirus o all’herpes zoster può sottoporsi a queste vaccinazioni, indipendentemente dall’avere indicazioni istituzionali, con una formula che in Regione Lombardia si chiama di co-pagamento. Ovvero, il paziente, presentandosi presso un centro vaccinale che ha questo tipo di prestazione, paga il costo del vaccino più 13 euro per la somministrazione che è una tariffa stabilita da Regione Lombardia».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Vaiolo delle scimmie: contagiata bambina di 4 anni. Primo caso pediatrico in Germania
La piccola, totalmente asintomatica, vive nel sud-ovest del Paese con due adulti già precedentemente contagiati dal virus. In Italia stimati 599 casi e un’età media di 37 anni. Dopo Roma, da oggi al via le vaccinazioni anche in Emilia-Romagna
Vaccini adattati alle varianti per l’autunno-inverno: accordo tra Ue e Moderna
Moderna sposta dall'estate in corso al prossimo inverno i calendari di consegna dei vaccini agli Stati membri, quando ce ne sarà più bisogno. La commissaria Ue alla Salute Kyriakides: «In autunno ci saranno vaccini adattati alle varianti Covid»
Sono 4.000 i medici non vaccinati contro il Covid. Anelli (FNOMCeO): «Esigua minoranza»
Circa 4.000 medici hanno detto no al vaccino e non possono esercitare la professione. Si tratta di un'esigua minoranza su 468mila professionisti vaccinati
Vaccini Covid «aggiornati» pronti a ottobre, scetticismo su tempistiche
La BioNTech ha annunciato che le consegne dei due vaccini anti-Covid 19 adattati a Omicron sono previste già in ottobre «Sono scettico», ammette Claudio Cricelli, presidente della Società italiana di medicina generale
Vaiolo delle scimmie. In Italia aumentano i casi e il Ministero diffonde le linee guida per le quarantene
In Italia accertati 505 casi, 26 in più di 4 giorni fa. Il Ministero della Salute ha diffuso una circolare sulle misure da adottare in vista di possibili quarantene. In attesa di direttive su un’eventuale campagna vaccinale lo Spallanzani di Roma ha annunciato di essere già pronto a partire con la vaccinazione
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 9 agosto, sono 585.421.147 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.420.315 i decessi. Ad oggi, oltre 12,01 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale