Salute 17 Ottobre 2019

Influenza, Burioni: «Troppo pochi i medici vaccinati. Ministero e farmaceutiche si impegnino a promuovere vaccinazioni»

Il noto virologo contesta l’omeopatia: «Non ha alcuna efficacia e i preparati omeopatici non contengono nulla. Insensato che università propongano corsi su materie che non hanno nulla di scientifico»

Immagine articolo

Questa volta è polemico con i medici e le istituzioni, Roberto Burioni. Con l’avvicinarsi della stagione dell’influenza, il professore di Virologia dell’università San Raffaele di Milano si scaglia contro i camici bianchi che non si vaccinano: «Sono troppo pochi i medici che si vaccinano per l’influenza. Dovremmo partire da loro, che altrimenti danno un cattivo esempio e rappresentano un pericolo per i loro pazienti. E poi dobbiamo convincere le persone dell’importanza delle vaccinazioni. Nel nostro Paese, le coperture contro l’influenza sono vergognosamente basse».

LEGGI ANCHE: INFLUENZA, IL VIROLOGO ANDREONI (TOR VERGATA): «TUTTI DOVREBBERO FARE IL VACCINO PER PROTEGGERE PERSONE FRAGILI»

Pone quindi l’accento sulla «necessità di una campagna intensa per la vaccinazione antinfluenzale che, al momento, non vedo», continua Burioni. E allora si rivolge alle istituzioni: «Il ministero della Salute, ma anche le case farmaceutiche che da queste vaccinazioni traggono un giusto profitto economico, potrebbero impegnarsi maggiormente per promuoverle e per far sì che più persone si vaccinino migliorando la salute di tutti. Perché, anche in questo caso, chi è vaccinato trasmette meno la malattia».

Oltre ai vaccini, da qualche mese le sferzanti critiche del Professore sono indirizzate anche all’omeopatia, tema che dà il titolo al suo ultimo libro “Omeopatia. Bugie leggende e verità”: «L’omeopatia – spiega ai nostri microfoni – è una teoria che non ha alcuna plausibilità scientifica. La chimica ci dice che i preparati omeopatici non contengono nulla e quindi, com’è naturale ricavare da queste due considerazioni, l’omeopatia non ha alcuna efficacia».

LEGGI ANCHE: OMEOPATIA, FNOMCEO: «NON È SCIENZA, NESSUNA PATOLOGIA MIGLIORA». LA REPLICA: «È ATTO MEDICO»

«Studi molto rigorosi – prosegue Burioni – dimostrano che non è utile per curare o per far regredire le malattie. E questi sono dati oggettivi, non sono opinioni. Se la scienza dice che 2 più 2 fa 4, non ci si può mettere d’accordo e dire che fa 3,8».

«E allora mi chiedo – conclude – qual è il senso che le università che propongono corsi sull’omeopatia danno al metodo scientifico. Come si fa da un lato ad insegnare la scienza e dall’altro tentare di trasmettere concetti che non hanno nulla di scientifico?».

Articoli correlati
Vaccini antinfluenzali, Federfarma Roma: «Già esaurite le prime 20mila dosi»
Già disponibili altre 20mila dosi per la popolazione tra i 18 e i 59 anni. Cicconetti: «Ulteriore prova dell’importanza delle farmacie nel sistema salute regionale e italiano. Entrare nella rete di sorveglianza sanitaria ci permetterà di seguire i soggetti eventualmente positivi fino alla somministrazione del tampone»
Vaccini in farmacia. Magi (Omceo Roma): «Pronti a collaborare purché si cambi la norma. Altrimenti siamo tutti fuorilegge»
La posizione del presidente dell’ordine dei medici di Roma, Antonio Magi, in merito al tavolo tecnico che si è svolto ieri in regione Lazio. «La legge purtroppo impedisce la presenza del medico in farmacia. La vaccinazione è e resta un atto medico»
Aumento casi Covid, Anelli (FNOMCeO): «Siamo preoccupati. Tamponi rapidi possono essere svolta»
Intervenuto al Congresso della Fimmg, il presidente della Federazione degli Ordini dei Medici: «Mai più carenza mascherine per medici. Superato il modello del medico di medicina generale che lavora da solo»
Influenza, per il 50% dei medici di famiglia le dosi di vaccino non saranno sufficienti
Sondaggio Fimmg: l'86% dei medici di famiglia aumenterà la presenza in studio per effettuare le vaccinazioni, ma il 66% segnala carenza di dpi
Vaccini in farmacia, le dosi scarseggiano: «Intervenire subito o sarà il caos»
La campagna vaccinale è partita in anticipo ma scatta l’allarme sulle dosi a disposizione delle farmacie. Speranza: «Dobbiamo affrontare e risolvere nel tempo più breve possibile la questione delle farmacie in condivisone con le Regioni»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 22 ottobre, sono 41.243.013 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.131.528 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 21 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Ecm

ECM, De Pascale (Co.Ge.APS): «Entro fine anno azzereremo posizioni arretrate e Ordini potranno certificare formazione»

Il presidente del Co.Ge.APS racconta a Sanità Informazione i mesi appena trascorsi e anticipa il cambiamento di forma giuridica che il Consorzio avrà dal prossimo anno. E sulla riforma del sistema E...