Salute 10 Ottobre 2019 10:34

Influenza, il virologo Andreoni (Tor Vergata): «Tutti dovrebbero fare il vaccino per proteggere persone fragili»

Manca poco all’arrivo del ceppo influenzale che, come ogni anno, raggiungerà l’Europa dall’altro emisfero. «Over 65 e cardiopatici, nefropatici e diabetici sono i soggetti a rischio, per loro vaccino scelta necessaria» sottolinea Massimo Andreoni, Professore di Malattie Infettive a Tor Vergata

L’influenza sta arrivando. Il virus che ogni mette a letto milioni di italiani sta per sbarcare in Europa e quindi anche in Italia. Proprio pochi giorni fa l’università di Parma è riuscita a isolare il primo virus influenzale della stagione 2019-2020, ma per ora si tratta di casi isolati. Il virus è stato identificato e isolato su un tampone faringeo fatto su una bambina di 6 anni ricoverata con febbre e mal di gola. Con il ritorno del virus, scatta anche il ricorso alle vaccinazioni, necessarie per alcune tipologie di pazienti ma consigliate anche per una larga parte della popolazione che non ha patologie specifiche, come ricorda a Sanità Informazione il virologo Massimo Andreoni, professore di Malattie Infettive all’Università di Tor Vergata. Andreoni sottolinea che il vaccino contro l’influenza «dovrebbe essere un allargato a tutti perché chi si ammala trasmette la malattia. Quindi le persone si devono vaccinare anche per proteggere le persone più fragili e più deboli».

LEGGI ANCHE: #IOMIVACCINO, AL CONGRESSO FIMMG MEDICI TESTIMONIAL DELLA CAMPAGNA DI SENSIBILIZZAZIONE SULLE VACCINAZIONI

Professore, si incomincia a parlare del nuovo ceppo influenzale. Cosa ci aspetta quest’anno?

«Normalmente le notizie che noi prendiamo sull’influenza le prendiamo dall’altro emisfero dove arriva prima che da noi. I ceppi influenzali sono quelli che arrivano dal sudest asiatico. E su quello prepariamo i nostri vaccini. Non sappiamo ancora tantissimo. Quello che è certo è che arriverà e come tutti gli anni colpirà centinaia di migliaia di persone, come tutti gli anni ci saranno dei morti per influenza. Questo è inaccettabile. Per l’influenza esistono dei vaccini comunque efficaci, vengono rinnovati di anno in anno. Sono vaccini che riescono a proteggere le persone dall’influenza. Sappiamo quali sono le categorie a maggior rischio per l’influenza e quindi dobbiamo ricordare a tutti di vaccinarsi. Ormai siamo prossimi. Ai primi di novembre dobbiamo iniziare i cicli vaccinali e quindi è una cosa fondamentale. La sanità italiana perde tante vite e tanti soldi per l’influenza».

Ricordiamo anche quali sono le categorie a rischio che debbono vaccinarsi…

«Innanzitutto le persone sopra i 65 anni di età, anche se sane, comunque con l’influenza corrono dei rischi. E poi tutte le persone con patologie croniche: i cardiopatici, i nefropatici, i diabetici. Una categoria grandissima di persone. E poi l’influenza in realtà è un vaccino che possono fare tutti, anche le persone sane. Perché se pur vero che con l’influenza rischiano meno, in termini di mortalità, comunque l’influenza può essere una malattia seria anche nelle persone giovani e sane e poi ti alletta per tanti giorni. Anche per questo l’influenza dovrebbe essere un vaccino allargato a tutti. E poi ricordiamo che chi si ammala trasmette la malattia. Quindi le persone si devono vaccinare anche per proteggere le persone più fragili e più deboli. Quindi il giovane che si vaccina non prenderà l’influenza e non la trasmetterà magari a una persona giovane o anziana che sia fragile che con l’influenza potrebbe morire. Quindi di fondo conviene vaccinarsi un po’ tutti».

Articoli correlati
Vaccinazione antinfluenzale, Salutequità: «Regioni in ordine sparso per vaccinare 14 milioni di over 65»
«Vaccinare e vaccinarsi è doppiamente importante, sia per proteggere le persone, sia per evitare di sovraccaricare i Pronto Soccorso, già alle prese con enormi carenze di personale», sottolinea Maria Pia Ruggieri, consigliera di Salutequità
Un “Oscar della Sanità” agli Infermieri di Tor Vergata
Premio Lean Healthcare Award 2022 per la prima volta ad un progetto a ideazione e gestione completamente infermieristica. Il Presidente Maurizio Zega: «Esempio impeccabile di quella gestione socio sanitaria che onora la Professione»
Orazio Schillaci è il nuovo ministro della Salute
Il nuovo ministro della Salute è un «tecnico», specializzato in medicina nucleare. Dal 2019 ha ricoperto la carica di rettore all'Università Tor Vergata di Roma
Vaiolo delle scimmie: scoperta nuova variante in Congo, potrebbe diventare globale
Nella Repubbica Democratica del Congo si è diffusa una variante pericolosa del vaiolo delle scimmie che, secondo gli esperti, potrebbe diffondersi anche a livello globale
Ha ancora senso vaccinare i bambini?
La Società italiana di pediatra continua a raccomandare la vaccinazione anti-Covid, soprattutto in considerazione dell'aumento dei contagi nella fascia di popolazione in età scolare
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 5 dicembre 2022, sono 645.344.408 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.641.218 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa