Salute 10 Ottobre 2019

Influenza, il virologo Andreoni (Tor Vergata): «Tutti dovrebbero fare il vaccino per proteggere persone fragili»

Manca poco all’arrivo del ceppo influenzale che, come ogni anno, raggiungerà l’Europa dall’altro emisfero. «Over 65 e cardiopatici, nefropatici e diabetici sono i soggetti a rischio, per loro vaccino scelta necessaria» sottolinea Massimo Andreoni, Professore di Malattie Infettive a Tor Vergata

L’influenza sta arrivando. Il virus che ogni mette a letto milioni di italiani sta per sbarcare in Europa e quindi anche in Italia. Proprio pochi giorni fa l’università di Parma è riuscita a isolare il primo virus influenzale della stagione 2019-2020, ma per ora si tratta di casi isolati. Il virus è stato identificato e isolato su un tampone faringeo fatto su una bambina di 6 anni ricoverata con febbre e mal di gola. Con il ritorno del virus, scatta anche il ricorso alle vaccinazioni, necessarie per alcune tipologie di pazienti ma consigliate anche per una larga parte della popolazione che non ha patologie specifiche, come ricorda a Sanità Informazione il virologo Massimo Andreoni, professore di Malattie Infettive all’Università di Tor Vergata. Andreoni sottolinea che il vaccino contro l’influenza «dovrebbe essere un allargato a tutti perché chi si ammala trasmette la malattia. Quindi le persone si devono vaccinare anche per proteggere le persone più fragili e più deboli».

LEGGI ANCHE: #IOMIVACCINO, AL CONGRESSO FIMMG MEDICI TESTIMONIAL DELLA CAMPAGNA DI SENSIBILIZZAZIONE SULLE VACCINAZIONI

Professore, si incomincia a parlare del nuovo ceppo influenzale. Cosa ci aspetta quest’anno?

«Normalmente le notizie che noi prendiamo sull’influenza le prendiamo dall’altro emisfero dove arriva prima che da noi. I ceppi influenzali sono quelli che arrivano dal sudest asiatico. E su quello prepariamo i nostri vaccini. Non sappiamo ancora tantissimo. Quello che è certo è che arriverà e come tutti gli anni colpirà centinaia di migliaia di persone, come tutti gli anni ci saranno dei morti per influenza. Questo è inaccettabile. Per l’influenza esistono dei vaccini comunque efficaci, vengono rinnovati di anno in anno. Sono vaccini che riescono a proteggere le persone dall’influenza. Sappiamo quali sono le categorie a maggior rischio per l’influenza e quindi dobbiamo ricordare a tutti di vaccinarsi. Ormai siamo prossimi. Ai primi di novembre dobbiamo iniziare i cicli vaccinali e quindi è una cosa fondamentale. La sanità italiana perde tante vite e tanti soldi per l’influenza».

Ricordiamo anche quali sono le categorie a rischio che debbono vaccinarsi…

«Innanzitutto le persone sopra i 65 anni di età, anche se sane, comunque con l’influenza corrono dei rischi. E poi tutte le persone con patologie croniche: i cardiopatici, i nefropatici, i diabetici. Una categoria grandissima di persone. E poi l’influenza in realtà è un vaccino che possono fare tutti, anche le persone sane. Perché se pur vero che con l’influenza rischiano meno, in termini di mortalità, comunque l’influenza può essere una malattia seria anche nelle persone giovani e sane e poi ti alletta per tanti giorni. Anche per questo l’influenza dovrebbe essere un vaccino allargato a tutti. E poi ricordiamo che chi si ammala trasmette la malattia. Quindi le persone si devono vaccinare anche per proteggere le persone più fragili e più deboli. Quindi il giovane che si vaccina non prenderà l’influenza e non la trasmetterà magari a una persona giovane o anziana che sia fragile che con l’influenza potrebbe morire. Quindi di fondo conviene vaccinarsi un po’ tutti».

Articoli correlati
Codici: «Ricorso al Tar contro l’obbligo del vaccino antinfluenzale per tutelare anche il personale sanitario»
 «Si allarga la campagna di adesione al ricorso presentato dall’associazione Codici contro l’ordinanza con cui la Regione Lazio ha disposto l’obbligo del vaccino antinfluenzale per gli over 65 ed il personale sanitario. Non solo i cittadini, anche gli operatori stanno dimostrando interesse nei confronti dell’azione legale che il 9 giugno sarà discussa nella prima udienza […]
Covid-19, come affrontare un eventuale nuovo picco in autunno? Andreoni (Tor Vergata): «Vaccinazione antinfluenzale obbligatoria per tutti»
Il direttore scientifico della Simit: «Vaccinarsi non preclude tutte le altre misure di contenimento. Diminuire la circolazione di patologie che danno manifestazioni polmonari renderà più agevole il riconoscimento e il trattamento dell’infezione da SARS-CoV-2»
di Isabella Faggiano
Test sierologici privati in Lombardia, migliaia di prenotazioni e prime positività
Multimedica, rete di strutture che ha messo a disposizione i test, informa: 18% ha IgG e 5,5% IgM. Poliambulanza Brescia: su 688 test, 50 con IgG
Pediatri, Biasci (Fimp): «Chiediamo l’estensione del vaccino antinfluenzale ai bambini e di poter prescrivere i tamponi per Sars-Cov-2»
«Se rileviamo casi sospetti dobbiamo avere la certezza dell’effettuazione del tampone diagnostico. Senza una diagnosi precisa non potremo far tornare i bambini a scuola». E su Kawasaki: «Abbiamo raccolto un’anomala frequenza di manifestazioni cutanee simil geloni ma è ancora presto per correlazione con Covid-19». Così il presidente della Federazione italiana medici pediatri
Covid-19, l’arma terapeutica potrebbe arrivare dalle cellule staminali del cordone
Studi clinici dimostrano l’efficacia delle cellule staminali prelevate da cordone ombelicale: infuse per endovena riducono l’infiammazione dovuta alla tempesta citochinica e consentono un miglioramento delle condizioni dei pazienti. Totta (Futura Stem Cells): «Legge italiana andrebbe rivista, terapia cellulare nuova frontiera»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 22 maggio, sono 5.106.155 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 332.978 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 22 ma...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

«A Piacenza onda d’urto impressionante, per questo abbiamo il più alto numero di morti». Parla il pioniere della lotta al virus Luigi Cavanna

L’oncologo noto per i suoi interventi ‘casa per casa’ per sconfiggere l’epidemia: «Azione precoce arma vincente, nessun paziente curato a domicilio è morto». E ricorda i primi giorni dell'e...