Lavoro 3 Febbraio 2015 17:04

Ex specializzandi, il nuovo anno si apre all’insegna dei rimborsi

A Genova consegnati altri 2 milioni a decine di medici liguri

Ex specializzandi, il nuovo anno si apre all’insegna dei rimborsi

Il 2015 si è aperto col botto per i medici ex specializzandi, protagonisti e vincitori di nuove azioni collettive che hanno portato ad altrettanti rimborsi.

Continuano ad arrivare, infatti, dai Tribunali di tutta Italia sentenze favorevoli nei confronti di chi ricorre per non aver ricevuto l’adeguato trattamento economico durante gli anni di scuola post-laurea tra il 1982 ed il 2006, come invece stabilito da diverse direttive europee. Nei giorni scorsi a Genova, alla presenza di Enrico Bartolini, presidente dell’OMCeO genovese, sono stati consegnati assegni per oltre 2 milioni di euro a decine di medici, tutti ex specializzandi liguri, che si erano affidati alla realtà leader in Italia ed Europa nell’ambito della tutela dei camici bianchi. “Sono felice per i colleghi – ha dichiarato Bartolini – e va riconosciuto che questo risultato è stato raggiunto grazie alla professionalità e alla competenza dei legali Consulcesi”.

Sono arrivati a ben 373 i milioni già riconosciuti ai medici – 60 dei quali consegnati soltanto negli ultimi mesi – con rimborsi che arrivano sempre più rapidamente. “Questa rapidità – spiega Marco Tortorella, legale Consulcesi – si deve sostanzialmente a due fattori: una giurisprudenza ormai consolidata e totalmente favorevole al medico ricorrente e la presa d’atto della Presidenza del Consiglio dei Ministri. Lo Stato, infatti, ormai paga spontaneamente e subito, già dopo la notifica della sentenza per risparmiare su spese e interessi”. Il rischio totale per le casse pubbliche supera infatti i 4 miliardi di euro. Al fine di evitare una simile eventualità, Consulcesi ha già ottenuto la presentazione di tre Disegni di legge volti a garantire il diritto dei medici ed evitare allo Stato un esborso eccessivo; diritto al risarcimento che spetta però solo a coloro che avranno fatto ricorso prima della trasformazione in legge.

“A breve non ci saranno più ex specializzandi senza rimborsi – annuncia Sara Saurini, Responsabile Area Legale Consulcesi – e la prossima azione collettiva è imminente. Sono già tanti gli OMCeO, gli Enti e le Società scientifiche che hanno aderito, ma sono migliaia i professionisti ancora in attesa di vedersi rimborsare ciò che è loro diritto ricevere. Resta alta la nostra attenzione anche sul fronte della mancata applicazione della direttiva europea 2003/88 CE relativa alle ore di lavoro in più. Su questo fronte, Consulcesi, insieme agli studi legali nostri partner in Francia, Germania, Spagna e Inghilterra, sta vagliando e predisponendo azioni collettive – nei confronti dello Stato e non contro le aziende – a tutela dei medici sottoposti a turni massacranti”.

Per informazioni è a disposizione il numero verde 800.122.777 ed il sito www.consulcesi.it  

Articoli correlati
Test Medicina, Consulcesi: «Con riforma “doppia” chance per entrare, ma non premia merito»
Marco Tortorella, legale di Consulcesi: «Dare agli studenti la possibilità di ripetere il test di ingresso alla facoltà di Medina non è una riforma vera e propria. Il sistema di accesso è sempre lo stesso e non premia i meritevoli. Il ricorso continuerà a rimanere una possibilità concreta per tutti gli aspiranti medici esclusi ingiustamente»
Relazioni tossiche: l’amore patologico colpisce almeno il 5% della popolazione
Gori (docente Consulcesi): «Ce ne accorgiamo solo quando sfocia in gesti estremi, necessaria sensibilizzazione tra medici ed educazione affettiva»
Test Medicina: con ricorso iscrizione con riserva, per esclusi “ultima spiaggia”
Marco Tortorella, legale di Consulcesi: «Negli ultimi 20 anni lo strumento del ricorso alla giustizia amministrativa ha permesso a decine di migliaia di studenti, esclusi ai test di selezione alla Facoltà di Medicina, di iscriversi ai corsi, di studiare, di fare gli esami e infine di laurearsi. L'esperienza indica che gli studenti entrati con il ricorso, forse anche perché più motivati, sono tra coloro che possono vantare un ottimo percorso accademico»
Mese della prevenzione del tumore al seno. Petrella (Consulcesi): «Troppa disparità tra Nord e Sud»
L’oncologo e docente Consulcesi: «Necessario potenziare prevenzione e diagnosi precoce»
Non solo Covid. Guido Rasi invita a recuperare le vaccinazioni “in sospeso”
Nel nuovo ebook del direttore Consulcesi, non solo un dettagliato elenco delle vaccinazioni oggi disponibili, ma anche consigli utili agli operatori sanitari per convincere quel 15% della popolazione italiana “esitante”
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Mieloma multiplo. Aspettativa di vita in aumento e cure sul territorio, il paradigma di un modello da applicare per la prossimità delle cure

Il mieloma multiplo rappresenta, tra le patologie onco-ematologiche, un caso studio per l’arrivo delle future terapie innovative, dato anche che i centri ospedalieri di riferimento iniziano a no...
Salute

Parkinson, la neurologa Brotini: “Grazie alla ricerca, siamo di fronte a una nuova alba”

“Molte molecole sono in fase di studio e vorrei che tutti i pazienti e i loro caregiver guardassero la malattia di Parkinson come fossero di fronte all’alba e non di fronte ad un tramonto&...
di V.A.
Advocacy e Associazioni

Oncologia, Iannelli (FAVO): “Anche i malati di cancro finiscono in lista di attesa”

Il Segretario Generale Favo: “Da qualche anno le attese per i malati oncologici sono sempre più lunghe. E la colpa non è della pandemia: quelli con cui i pazienti oncologici si sco...