Lavoro 28 ottobre 2014

I medici dirigenti contro i tagli in sanità e le polizze folli: “Penalizzano soprattutto i giovani”

Intervista esclusiva a Costantino Troise, segretario nazionale Anaao

Immagine articolo

Mentre il Governo continua con la politica dei tagli, anche per i medici crescono le difficoltà. Tante le incombenze e le incertezze che minano la professione: ne abbiamo parlato con Costantino Troise, segretario nazionale di Anaao.

E’ un periodo buio per la sanità italiana e per i medici: la spending review  ha portato al blocco degli stipendi per gli statali…
Sì, è da anni che i pesantissimi tagli stanno soffocando e riducendo i servizi ai cittadini. Ma il momento è critico anche per i professionisti dipendenti del SSN: inchiodare i salari al valore nominale del 2010 significa perdere una quota consistente di reddito professionale e previdenziale. Ciò vale soprattutto per i giovani, penalizzati da stipendi irrilevanti, con gravi perdite economiche. Per alcuni ambiti professionali il governo ha concesso delle deroghe al blocco, ma non per gli operatori della Sanità: una esclusione immeritata per un settore che garantisce un diritto fondamentale.

A carico dei medici c’è anche l’obbligo assicurativo su cui restano ancora tanti dubbi…
I medici devono fronteggiare una domanda di salute crescente, disponendo di risorse decrescenti. Ciò alimenta il contenzioso, mina la serenità professionale e avvia procedimenti costosi per il sistema. L’obbligo assicurativo per i professionisti è paradossale, in assenza di un analogo obbligo per le aziende assicurative. Il medico è esposto a un vero e proprio ricatto: polizze sempre più onerose ma al contempo sempre più avare di diritti e tutele. Per i giovani precari questo diventa un impedimento all’attività professionale, che può portarli all’esclusione dal mondo del lavoro.

La coperta è sempre più corta, e i medici fanno ricorsi per avere giustizia, avvalendosi di sentenze europee…
La cattiva abitudine del nostro governo di disattendere le direttive europee comporta necessariamente l’avvio di procedure di infrazione. Il caso degli ex specializzandi è eclatante, ma a tutti va riconosciuto il diritto a un corretto trattamento economico, e ciò ha dato il la a migliaia di altri procedimenti. Un altro fronte riguarda l’orario di lavoro: ai medici italiani non sono garantiti gli stessi diritti riconosciuti agli altri lavoratori europei – soprattutto il diritto al riposo fisiologico di 11 ore dopo ogni turno e ad un tetto settimanale  di ore lavorate  – e ciò ha portato la Corte di Giustizia europea a prendere provvedimenti. Il ritardo nell’applicazione della norma creerà un altro filone di contenziosi tra medici e Stato, e un altro ancora rischia di profilarsi sul precariato, che in ambito sanitario è una piaga dilagante che né Governo né Regioni appaiono intenzionati a sanare.

Articoli correlati
Autodimissioni degli ospedalieri e fuga dal SSN, le reazioni dei lettori al racconto di una vita soffocante
L’intervista al vicepresidente della FNOMCeO Giovanni Leoni è stata l’articolo più letto di settembre ed il più condiviso sui social network. È il sintomo della diffusione del malessere di una categoria che, a lavorare nel sistema sanitario pubblico, proprio non ce la fa più
Emilia-Romagna, il Gruppo San Donato acquisisce la Casa di Cura Villa Chiara
Il Gruppo ospedaliero San Donato (GSD) ha perfezionato l’acquisizione della quota di maggioranza del capitale sociale di Villa Chiara S.p.A., ospedale privato accreditato con il servizio sanitario dell’Emilia Romagna. L’Assemblea di Villa Chiara, riunitasi il 28 settembre scorso, ha provveduto al rinnovo del Consiglio di Amministrazione dell’ospedale, che ha nominato Presidente il dottor Paolo Rotelli, […]
Contratto, Vergallo (Aaroi-Emac): «Sciopero di un anestesista blocca dieci professionisti. Faremo sentire peso della categoria»
Il presidente nazionale dell’Associazione anestesisti rianimatori ospedalieri spiega i motivi che hanno condotto l’intersindacale allo stato di agitazione. E manda un messaggio ai cittadini: «Volete il reddito di cittadinanza o la sanità pubblica?»
Aggressioni ai medici, Rostan (LeU) scrive a Salvini: «Più forze dell’ordine per presidiare i nosocomi campani»
«Nella regione sessanta aggressioni denunciate dall’inizio dell’anno ai danni del personale medico e infermieristico», sottolinea la vicepresidente della Commissione Affari sociali della Camera
Ex specializzandi, a Roma il primo convegno nazionale dedicato al diritto al risarcimento e alla prescrizione
Il 18 settembre alle ore 9.30, presso il Senato della Repubblica – Sala Capitolare del Chiostro di Santa Maria sopra Minerva a Roma – si terrà il primo convegno nazionale dedicato alla formazione medica specialistica organizzato da Sanità Informazione.  La conferenza stampa di presentazione all’evento verterà sul “Diritto al risarcimento e prescrizione: limiti ed opportunità nel diritto comunitario […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Salute

Pensioni, i contributi vanno in prescrizione? Cavallero (Cosmed): «Controllate estratto conto Inps»

Tra i temi affrontati alla Giornata della previdenza anche la contribuzione ridotta della quota B («Si può comunicare anche dopo il 30 settembre»), le prospettive di riforma della Legge Fornero ed ...