Lavoro 16 Febbraio 2021 17:51

Controlli dei NAS alle guardie mediche: 99 strutture con locali inadeguati e farmaci scaduti

Tommasa Maio (Fimmg): «Una verità che denunciamo da anni, chiediamo un incontro urgente con il ministro Speranza»

Controlli dei NAS alle guardie mediche: 99 strutture con locali inadeguati e farmaci scaduti

Su 390 presidi pubblici di Continuità Assistenziale su tutto il territorio nazionale, 99 presentano criticità strutturali ed organizzative. È il risultato della campagna di controllo effettuata dai Carabinieri dei NAS, d’intesa con il Ministro della Salute, che continuano a svolgere verifiche sui servizi sanitari di continuità assistenziale (guardie mediche) che svolgono prestazioni mediche e sanitarie in orari notturni e festivi. Gli accertamenti hanno determinato la denuncia di 19 persone all’Autorità giudiziaria e la segnalazione di 85 alle Autorità amministrative e sanitarie regionali: responsabili dei Servizi e dirigenti delle relative Aziende Sanitarie Locali ma anche il personale medico e infermieristico.

Carenze igienico sanitarie, tecnologiche, organizzative e strutturali

In tre casi su quattro le irregolarità sono riconducibili a strutture ed immobili con carenze igienico sanitarie, tecnologiche, organizzative e strutturali, ambienti interessati da muffe ed umidità, mancanza di vie di fuga, locali privi di accesso per persone disabili e servizi igienici non funzionanti o non distinti per operatori e utenti. Ulteriori mancanze sono state riscontrate nell’attuazione di misure di contenimento epidemico da Covid-19, dovute all’assenza di protocolli preventivi e di dispositivi di protezione individuale e anche nella gestione della sicurezza degli operatori sanitari da potenziali aggressioni a causa dell’assenza di sistemi di allarme, di videosorveglianza o del servizio di vigilanza. Durante le verifiche dei NAS sono stati sequestrati complessivamente 260 confezioni di farmaci scaduti di validità e conservati in condizioni che ne escludevano la possibile somministrazione ai pazienti.

Maio (Fimmg): «Da anni denunciamo carenze. Urge incontro con Speranza»

«La situazione rilevata dai Carabinieri del NAS nelle sedi di continuità assistenziale non ci stupisce, sono anni che denunciamo tutte le carenze che oggi trovano riscontro – commenta con amara consapevolezza Tommasa Maio, segretario nazionale di FIMMG Continuità Assistenziale -. In epoca Covid – continua la Maio – mancano i più elementari sistemi di sicurezza. È a rischio la sopravvivenza stessa di un sistema vitale per l’assistenza, sul quale non si è voluto investire». Nell’interesse della salute pubblica «queste carenze ora vanno affrontate e risolte – prosegue -. Ritengo necessario un incontro urgente con il Ministro Roberto Speranza per affrontare e superare i problemi in maniera unitaria».

Aggressioni ai sanitari e sicurezza degli ambienti di lavoro

Tra i temi di cui discutere ci sono la sicurezza dei sanitari sotto il profilo delle aggressioni e l’inadeguatezza degli ambienti di lavoro. «È necessario – conclude il segretario nazionale Maio – che si introducano tutte le azioni atte a garantire un contrasto reale dei fenomeni di aggressione ai danni dei medici. Servono procedure e tecnologie che possano garantire una riconoscibilità di quanti accedono al servizio ed è essenziale che gli ambienti di lavoro rispettino i requisiti minimi previsti dalla legge per la tutela della salute».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Infortuni, Inail: in 8 mesi oltre il 141% denunce in più in sanità
Tra gennaio e agosto gli infortuni sul lavoro sono aumentati di oltre il 38%. Rispetto allo stesso periodo nel 2021, i decessi sono diminuiti del 12%. Il settore della sanità resta quello più colpito
Fimmg: ok a «storico» accordo nazionale per medici dell’Inps
Approvato l'accordo nazionale per le attività libero professionali in convenzione dei medici Inps. Ne dà notizia Alfredo Petrone, segretario nazionale settore Fimmg Inps che definisce la firma della convenzione «un momento storico»
Cina: milioni di persone in lockdown senza cibo e medicine
Decine di milioni di persone sono bloccate in Cina a causa di lockdown estesi. I residenti denunciano carenze di beni di prima necessità
Batteri fecali in parchi acquatici e piscine: chiuse 10 strutture, 83 sanzionate. Rischio di tossinfezioni
I Carabinieri dei Nas, d’intesa con il Ministero della Salute, hanno condotto una serrata campagna di controlli in tutta Italia. Rilevati coliformi fecali, elevate cariche batteriche pericolose per la salute umana, irregolarità strutturali e igienico-sanitarie in parchi acquatici e piscine ad uso ricreativo
Medici di famiglia: «Di questo passo entro agosto saremo in piena emergenza». Prevale il test “fai da te” per non perdere le ferie
«Di questo passo, entro agosto potremmo trovarci in piena emergenza Covid. Uno scenario al quale i cittadini non pensano più, perché ritengono che il Covid sia ormai una banale influenza, senza comprendere che il virus può ancora essere letale»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 settembre 2022, sono 615.555.422 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.538.312 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi