Lavoro 16 Febbraio 2021 17:51

Controlli dei NAS alle guardie mediche: 99 strutture con locali inadeguati e farmaci scaduti

Tommasa Maio (Fimmg): «Una verità che denunciamo da anni, chiediamo un incontro urgente con il ministro Speranza»

Controlli dei NAS alle guardie mediche: 99 strutture con locali inadeguati e farmaci scaduti

Su 390 presidi pubblici di Continuità Assistenziale su tutto il territorio nazionale, 99 presentano criticità strutturali ed organizzative. È il risultato della campagna di controllo effettuata dai Carabinieri dei NAS, d’intesa con il Ministro della Salute, che continuano a svolgere verifiche sui servizi sanitari di continuità assistenziale (guardie mediche) che svolgono prestazioni mediche e sanitarie in orari notturni e festivi. Gli accertamenti hanno determinato la denuncia di 19 persone all’Autorità giudiziaria e la segnalazione di 85 alle Autorità amministrative e sanitarie regionali: responsabili dei Servizi e dirigenti delle relative Aziende Sanitarie Locali ma anche il personale medico e infermieristico.

Carenze igienico sanitarie, tecnologiche, organizzative e strutturali

In tre casi su quattro le irregolarità sono riconducibili a strutture ed immobili con carenze igienico sanitarie, tecnologiche, organizzative e strutturali, ambienti interessati da muffe ed umidità, mancanza di vie di fuga, locali privi di accesso per persone disabili e servizi igienici non funzionanti o non distinti per operatori e utenti. Ulteriori mancanze sono state riscontrate nell’attuazione di misure di contenimento epidemico da Covid-19, dovute all’assenza di protocolli preventivi e di dispositivi di protezione individuale e anche nella gestione della sicurezza degli operatori sanitari da potenziali aggressioni a causa dell’assenza di sistemi di allarme, di videosorveglianza o del servizio di vigilanza. Durante le verifiche dei NAS sono stati sequestrati complessivamente 260 confezioni di farmaci scaduti di validità e conservati in condizioni che ne escludevano la possibile somministrazione ai pazienti.

Maio (Fimmg): «Da anni denunciamo carenze. Urge incontro con Speranza»

«La situazione rilevata dai Carabinieri del NAS nelle sedi di continuità assistenziale non ci stupisce, sono anni che denunciamo tutte le carenze che oggi trovano riscontro – commenta con amara consapevolezza Tommasa Maio, segretario nazionale di FIMMG Continuità Assistenziale -. In epoca Covid – continua la Maio – mancano i più elementari sistemi di sicurezza. È a rischio la sopravvivenza stessa di un sistema vitale per l’assistenza, sul quale non si è voluto investire». Nell’interesse della salute pubblica «queste carenze ora vanno affrontate e risolte – prosegue -. Ritengo necessario un incontro urgente con il Ministro Roberto Speranza per affrontare e superare i problemi in maniera unitaria».

Aggressioni ai sanitari e sicurezza degli ambienti di lavoro

Tra i temi di cui discutere ci sono la sicurezza dei sanitari sotto il profilo delle aggressioni e l’inadeguatezza degli ambienti di lavoro. «È necessario – conclude il segretario nazionale Maio – che si introducano tutte le azioni atte a garantire un contrasto reale dei fenomeni di aggressione ai danni dei medici. Servono procedure e tecnologie che possano garantire una riconoscibilità di quanti accedono al servizio ed è essenziale che gli ambienti di lavoro rispettino i requisiti minimi previsti dalla legge per la tutela della salute».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Case di comunità: e se fossero un altro flop come quelle della salute? La soluzione della Fimmg in tre modelli flessibili
L’analisi del vicesegretario nazionale Fimmg Domenico Crisarà: «Le case di comunità non risolveranno il problema dell’assistenza territoriale. Il progetto prevede di istituirne una ogni 24.500 abitanti, che in Basilicata significa una casa ogni 435 kmq»
di Isabella Faggiano
Bozza intesa per vaccinazioni anti-Covid dal medico di famiglia. Le reazioni dei sindacati
Fimmg: «Vanno omogeneizzati percorsi e procedure per garantire cittadini e operatori». Snami: «No alle nozze con i fichi secchi»
Un software per le vaccinazioni. Scotti (FIMMG): «Strumento gratuito per medici e istituzioni. Mmg pronti a fare la propria parte»
Si tratta di un algoritmo in grado di elaborare le banche dati e di definire, grazie all’intelligenza artificiale, quali sono i pazienti da vaccinare prioritariamente perché legati ad una prognosi a rischio nel caso di infezione da SARS-CoV-2
Campagna vaccinale, primo bilancio della fase 1: bene il dato sui MMG, ma mancano ancora i liberi professionisti
Anelli (FNOMCeO): «La prima fase non può considerarsi conclusa se non verrà garantito il vaccino a tutti gli operatori sanitari». Scotti (FIMMG): «Solo il 3% dei MMG non è stato contattato per la vaccinazione. Adesione pressoché totale»
Ritardi o omissione delle cure a causa della pandemia, chi ne risponderà legalmente?
L’analisi del professore Antonio Oliva, associato di Medicina Legale all’università Cattolica: «Le aziende ospedaliere potrebbero essere chiamate in causa per il risarcimento del danno per colpa organizzativa»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 26 febbraio, sono 113.025.730 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.507.803 i decessi. Ad oggi, oltre 221,80 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata da...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolta con un d...
Professioni Sanitarie

Osteopati, raggiunto l’accordo per la definizione del profilo professionale ma manca il decreto attuativo

Sciomachen (ROI): «Il Miur istituirà il percorso di laurea triennale in osteopatia. A completare l’iter verso il riconoscimento tra le professioni sanitarie sarà, poi, l’equipollenza dei titoli...
di Isabella Faggiano