Lavoro 16 Febbraio 2021 17:51

Controlli dei NAS alle guardie mediche: 99 strutture con locali inadeguati e farmaci scaduti

Tommasa Maio (Fimmg): «Una verità che denunciamo da anni, chiediamo un incontro urgente con il ministro Speranza»

Controlli dei NAS alle guardie mediche: 99 strutture con locali inadeguati e farmaci scaduti

Su 390 presidi pubblici di Continuità Assistenziale su tutto il territorio nazionale, 99 presentano criticità strutturali ed organizzative. È il risultato della campagna di controllo effettuata dai Carabinieri dei NAS, d’intesa con il Ministro della Salute, che continuano a svolgere verifiche sui servizi sanitari di continuità assistenziale (guardie mediche) che svolgono prestazioni mediche e sanitarie in orari notturni e festivi. Gli accertamenti hanno determinato la denuncia di 19 persone all’Autorità giudiziaria e la segnalazione di 85 alle Autorità amministrative e sanitarie regionali: responsabili dei Servizi e dirigenti delle relative Aziende Sanitarie Locali ma anche il personale medico e infermieristico.

Carenze igienico sanitarie, tecnologiche, organizzative e strutturali

In tre casi su quattro le irregolarità sono riconducibili a strutture ed immobili con carenze igienico sanitarie, tecnologiche, organizzative e strutturali, ambienti interessati da muffe ed umidità, mancanza di vie di fuga, locali privi di accesso per persone disabili e servizi igienici non funzionanti o non distinti per operatori e utenti. Ulteriori mancanze sono state riscontrate nell’attuazione di misure di contenimento epidemico da Covid-19, dovute all’assenza di protocolli preventivi e di dispositivi di protezione individuale e anche nella gestione della sicurezza degli operatori sanitari da potenziali aggressioni a causa dell’assenza di sistemi di allarme, di videosorveglianza o del servizio di vigilanza. Durante le verifiche dei NAS sono stati sequestrati complessivamente 260 confezioni di farmaci scaduti di validità e conservati in condizioni che ne escludevano la possibile somministrazione ai pazienti.

Maio (Fimmg): «Da anni denunciamo carenze. Urge incontro con Speranza»

«La situazione rilevata dai Carabinieri del NAS nelle sedi di continuità assistenziale non ci stupisce, sono anni che denunciamo tutte le carenze che oggi trovano riscontro – commenta con amara consapevolezza Tommasa Maio, segretario nazionale di FIMMG Continuità Assistenziale -. In epoca Covid – continua la Maio – mancano i più elementari sistemi di sicurezza. È a rischio la sopravvivenza stessa di un sistema vitale per l’assistenza, sul quale non si è voluto investire». Nell’interesse della salute pubblica «queste carenze ora vanno affrontate e risolte – prosegue -. Ritengo necessario un incontro urgente con il Ministro Roberto Speranza per affrontare e superare i problemi in maniera unitaria».

Aggressioni ai sanitari e sicurezza degli ambienti di lavoro

Tra i temi di cui discutere ci sono la sicurezza dei sanitari sotto il profilo delle aggressioni e l’inadeguatezza degli ambienti di lavoro. «È necessario – conclude il segretario nazionale Maio – che si introducano tutte le azioni atte a garantire un contrasto reale dei fenomeni di aggressione ai danni dei medici. Servono procedure e tecnologie che possano garantire una riconoscibilità di quanti accedono al servizio ed è essenziale che gli ambienti di lavoro rispettino i requisiti minimi previsti dalla legge per la tutela della salute».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Medicina di famiglia, tra presente e futuro i nodi da sciogliere per una sanità migliore
La pandemia ha evidenziato l’ovvio: la branca meno valorizzata è quella di cui avremo sempre più bisogno. Tra riforme sbandierate e finanziamenti arenati c’è necessità di rinnovare, per i mmg ma soprattutto per il bene della comunità
Campania Digital Summit, così cambia (in meglio) la sanità regionale
Dal cambio di passo segnato dall’avvento della piattaforma unica ai big data per prevedere l’impatto della pandemia: ecco come la Campania sta rimontando uno storico gap
Vaccino anti-Covid dal medico di famiglia, dopo l’accordo nazionale ecco come verrà attuato il piano nelle Regioni
In Campania si parte a breve anche negli studi, nel Lazio la fornitura è a macchia di leopardo, l’Emilia Romagna marcia a ritmi sostenuti con il personale sanitario
Case di comunità: e se fossero un altro flop come quelle della salute? La soluzione della Fimmg in tre modelli flessibili
L’analisi del vicesegretario nazionale Fimmg Domenico Crisarà: «Le case di comunità non risolveranno il problema dell’assistenza territoriale. Il progetto prevede di istituirne una ogni 24.500 abitanti, che in Basilicata significa una casa ogni 435 kmq»
di Isabella Faggiano
Bozza intesa per vaccinazioni anti-Covid dal medico di famiglia. Le reazioni dei sindacati
Fimmg: «Vanno omogeneizzati percorsi e procedure per garantire cittadini e operatori». Snami: «No alle nozze con i fichi secchi»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 13 maggio, sono 160.469.865 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.331.823 i decessi. Ad oggi, oltre 1,35 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Cause

Medico denuncia per diffamazione paziente che lo aveva portato in tribunale per lesioni personali. Risarcito

Donna denuncia penalmente dermatologo ma l’accusa cade. Il medico avvia a sua volta un iter processuale verso la paziente che lo aveva accusato pubblicamente. «Una sentenza che farà...