Lavoro 14 Ottobre 2019

Aggressioni al personale sanitario, Tommasa Maio (FIMMG): «Subito status pubblico ufficiale per medici»

Presentato al 76° Congresso FIMMG un ‘video-denuncia’: i camici bianchi che lavorano di notte il bersaglio principale

Immagine articolo

«Il fenomeno delle aggressioni contro il personale sanitario e in particolare contro i medici di Continuità Assistenziale che lavorano di notte rimane putroppo una seria emergenza. Non c’è più tempo da perdere di fronte ad una escalation di violenza che riusciamo a documentare solo in parte. Servono soluzioni definitive. Chiediamo con forza il riconosciumento dello status di pubblico ufficiale, ritenendolo strumento indispensabile per arginare queste violenze». Lo dichiara il segretario nazionale di FIMMG Continuità Assistenziale, Tommasa Maio.

LEGGI ANCHE: NAPOLI, AL SANTOBONO PADRE ROMPE UN DITO A INFERMIERE

«Il problema della sicurezza è un tema complesso che necessita di interventi su molteplici fronti – sottolinea Tommasa Maio – Ma appare evidente che una vera tutela non possa essere garantita senza leggi adeguate che sanciscano tre punti fermi: il riconoscimento dello status di pubblico ufficiale, la procedibilità d’ufficio per chiunque aggredisca un operatore in servizio, un aggravamento delle pene previste. Il riconoscimento dello status di pubblico ufficiale ha inoltre un forte valore simbolico: chi colpisce un medico di Continuità Assistenziale deve sapere che sta colpendo un servitore dello Stato e che come tale lo Stato non può non proteggere ai massimi livelli. La recente notizia dell’impunibilità di un soggetto, che non sarà perseguito nonostante abbia violentato un medico in servizio perché il reato venne denunciato oltre i termini, è emblematico e rappresenta una ulteriore violenza».

Quello delle aggressioni è stato uno dei temi centrali del 76° Congresso nazionale FIMMG- Metis che si è svolto la scorsa settimana a Villasimius. Le violenze denunciate contro gli operatori sanitari nel 2019 sono circa 1200. In Italia si verificano in media 3 aggressioni al giorno, il numero potrebbe essere anche più alto calcolando gli episodi non denunciati. A farne le spese sono principalmente le donne che essendo le più numerose sono bersaglio di aggressioni nel 68% dei casi. La fascia oraria più a rischio è la notte con il 65% delle aggressioni. Sono i dati del “Dossier violenza” realizzato da FIMMG Continuità Assistenziale e riassunti in un ‘video-denuncia’ presentato in occasione di una tavola rotonda dedicata alla sicurezza degli operatori sanitari nei luoghi di lavoro, a cui hanno partecipato tra gli altri i deputati della XII Commissione Affari Sociali della Camera Michela Rostan e Paolo Siani.

LEGGI ANCHE: #IOMIVACCINO, AL CONGRESSO FIMMG MEDICI TESTIMONIAL DELLA CAMPAGNA DI SENSIBILIZZAZIONE SULLE VACCINAZIONI

Nel video si lancia un vero e proprio ‘alert’ elencando le principali criticità finora segnalate dai medici e raccolte da FIMMG attraverso il progretto ‘Ispezione da dentro’. Tra queste la mancanza di sistemi di allarme, videosorveglianza e vigilanza notturna nelle sedi di guardia medica; postazioni con un unico medico, assenza di illuminazione all’esterno e porte d’ingresso non blindate.

Nel corso della tavola rotonda si è fatto anche il punto sulle varie iniziative attuate finora in tema sicurezza con un focus sul protocollo avviato a luglio tra FIMMG e Croce rossa italiana per sensibilizzare sul tema della sicurezza degli operatori sanitari e su diversi protocolli operativi avviati a tutela degli operatori in molte realtà.
«Ma noi non ci fermeremo – conclude Maio -. Non siamo per niente soddisfatti. Quanto fatto per mettere i medici di CA in sicurezza rimane ancora insufficiente e comunque non ha ricadute eguali su tutto il territorio nazionale. Servono interventi strutturali nelle varie realtà ma non solo. Per questo stiamo lavorando su tutti i tavoli negoziali, aziendali, regionali e nazionale».

Articoli correlati
Contagi tra medici, Fadoi: «Subito i test e studio su personale». Aderiscono all’appello associazioni e società scientifiche
«Il bollettino quotidiano degli operatori sanitari contagiati dal virus SARS -Cov-2 cresce ogni giorno – si legge nel comunicato della Fadoi, Federazione dei medici internisti – . Solo ieri l’Istituto superiore di sanità ha registrato oltre 6.400 casi e la Fnomceo segnalava tra il personale medico ben 41 decessi». «E negli ultimi giorni – continua […]
“Insieme senza Paura”, Industrie Farmaceutiche Italiane FAB13 aderiscono a iniziativa FIMMG e Cittadinanzattiva
Verranno donati oltre 3 milioni di euro in risorse finanziarie e beni strumentali per fronteggiare l’emergenza Covid19
Coronavirus, lo psicologo: «L’incubo peggiore di chi lavora in ospedale è contagiare i propri cari»
Piero Gaspa cura il progetto di sostegno psicologico per il personale sanitario in prima linea nell'emergenza al San Giovanni Addolorata di Roma: «Non c’è stato sentore di una crisi, ma serve a prevenire e ovviare al sovraccarico emotivo. Medici e professionisti sanitari soffrono un accumulo di tensione, lavoriamo per evitare che diventi patologico»
Coronavirus, D’Amato: «Consegnate 31.450 FFP2. Domani altre 30 mila, entro la settimana 1 mln di pezzi»
«Si sta facendo uno sforzo senza precedenti per consentire agli operatori di lavorare in sicurezza». Lo dichiara l’assessore alla Sanità e l’Integrazione Sociosanitaria della Regione Lazio, Alessio D’Amato. LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS, CISL MEDICI LAZIO A D’AMATO: «METTA IN SICUREZZA IL PERSONALE SANITARIO» «Oggi sono state consegnate 31.450 mascherine FFP2 e domani sono in consegna ulteriori […]
“A un metro da te”: a Bologna parte la mobilitazione studentesca volontaria in risposta all’emergenza sanitaria
«Controllare che le persone che accedono agli ospedali Maggiore e Bellaria non abbiano sintomi influenzali, parainfluenzali o comunque riconducibili al COVID, aiutare le direzioni sanitarie nella gestione dei posti letto, coadiuvare il laboratorio di microbiologia per la gestione dei flussi dei campioni da analizzare e nei prossimi giorni anche garantire una presenza in PS per […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 28 marzo, sono 622.450 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 28.794 i decessi e 135.779 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA   Bollettino...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...
Salute

«Scovare i positivi casa per casa: così abbiamo sconfitto il virus a Vo’». Il virologo Crisanti racconta il modello veneto

Il professore di Microbiologia e virologia Andrea Crisanti ha coordinato lo studio sugli abitanti di Vo’ Euganeo: «Con il tampone abbiamo identificato fin dall’inizio sia le persone asintomatiche...