Lavoro 1 Dicembre 2020 19:35

Contratto sanità privata, accordo Campus Bio-medico e Cimop: «Così si investe nella serenità personale e professionale dei medici»

«La firma rappresenta la plastica raffigurazione di una sintesi non solo tecnica ma anche valoriale» spiega la dott.ssa Carmela De Rango, Segretario Nazionale della CIMOP

Siglato a Roma l’accordo tra il Policlinico Universitario Campus Bio-Medico e la CIMOP (Confederazione Italiana Medici Ospedalità Privata) per l’applicazione del Contratto Collettivo Nazionale del Lavoro della dirigenza medica della sanità privata a decorrere dal 1° gennaio 2021.

Alla sottoscrizione del contratto sono intervenuti i vertici del Policlinico: il Direttore Generale  ing. Paolo Sormani, il Presidente dott. Felice Barela, il Direttore Sanitario dott. Lorenzo Sommella,  il Direttore delle Risorse Umane, avv. Salvatore Vecchio insieme al consulente legale avv. Giovanni Costantino, i due rappresentanti sindacali aziendali, prof. Rocco Papalia e dott.ssa Ombretta Annibali; e quelli della Cimop, il Segretario Nazionale dott.ssa Carmela De Rango, il Presidente Nazionale, dott. Augusto Rivellini, e il Segretario della Sezione regionale Cimop Lazio, dott. Stefano Neri.

«Un concreto passo in avanti verso la serenità personale e professionale dei professionisti della sanità privata – definisce il contratto la dott.ssa Carmela De Rango, Segretario Nazionale della CIMOP – concretizzatosi in un momento di fortissime tensioni legate all’emergenza sanitaria. Proprio per questa ragione, la firma rappresenta la plastica raffigurazione di una sintesi non solo tecnica ma direi anche valoriale, raggiunta grazie alla preziosa collaborazione del Policlinico Universitario Campus Bio-Medico. Per coglierne il peso specifico è sufficiente pensare allo status stesso di medici che, in questo 2020 per sempre segnato dalla pandemia, non hanno fatto mai mancare spirito di abnegazione e coraggio, per affrontare un nemico comune che sta ancora bussando con tragica insistenza alle nostre porte. La giornata di oggi è dedicata a questi lavoratori, che sono stati come soldati chiamati al fronte».

«La sottoscrizione del contratto collettivo nazionale e del contratto integrativo aziendale è avvenuta nell’assoluta convinzione che solo attraverso il benessere e la serenità del personale possono essere garantite le cure e la migliore assistenza, in linea con la missione della nostra Istituzione – commenta il Direttore Generale del Policlinico Universitario Ing. Paolo Sormani -. La centralità del paziente passa attraverso la centralità dell’operatore sanitario, a cui va la nostra totale riconoscenza per la professionalità e lo spirito di abnegazione da sempre vissuti e ancor più testimoniati in questo periodo di pandemia».

«Entrando nel merito del contratto integrativo aziendale- spiega la Cimop – che consiste in onere quantificabile in 1,2 milioni di euro all’anno, al suo interno è stata individuata una apposita indennità di incarico, specifica per il personale del Policlinico Universitario Campus Bio-Medico, che si aggiunge ai trattamenti previsti dal CCNL, garantendo a tutto il personale una retribuzione sensibilmente superiore a quella prevista dai tabellari del contratto nazionale».

«A tutto il personale che sino ad oggi non ha beneficiato di incrementi retributivi rispetto alla posizione di ingresso- continua – viene garantito un incremento legato all’anzianità, con fasce che scattano a 5 e a 10 anni rispetto alla data di prima assunzione. Tale meccanismo di incremento retributivo legato all’anzianità verrà mantenuto anche nei prossimi anni a favore di tutti».

«A tutto il personale di posizione più elevata viene garantita almeno la retribuzione attuale attraverso un superminimo non riassorbibile. Inoltre, è prevista l’introduzione per le posizioni di incarico professionale (ex assistente ed ex aiuto) la retribuzione di risultato, i cui importi sono definiti nel contratto integrativo aziendale. Cimop – conclude – esprime soddisfazione per il risultato raggiunto e auspica che altre aziende sanitarie possano seguire la lungimiranza dei vertici del Policlinico Universitario Campus Bio-Medico che hanno ritenuto di valorizzane il proprio personale sanitario con l’introduzione di integrazioni economiche ad hoc».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
PNRR e Case della comunità: la sanità privata non le vuole
Vietti (ACOP): «Le case e gli ospedali di comunità, senza un’adeguata programmazione degli investimenti, rischiano di diventare delle cattedrali nel deserto. Per rinforzare l’assistenza territoriale meglio investire sulle strutture sanitarie (private-convenzionate) già esistenti»
Faroni (Gruppo Ini): «No a medici di Serie A e B. Noi tra i primi a sottoscrivere rinnovo del contratto dei medici»
Il Direttore Generale del Gruppo INI, Cristopher Faroni, ribadisce l’importanza dell’impegno firmato lo scorso anno: «Un anno fa abbiamo intrapreso un percorso virtuoso e innovativo. Il medico è una figura sempre più centrale nelle nostre organizzazioni ed è necessario valorizzarne adeguatamente la professionalità»
Contratto medici e dirigenti, Cimo-Fesmed diffida le Regioni per i ritardi
La Federazione Cimo-Fesmed ha inviato una lettera di diffida alla Conferenza delle Regioni e delle Province autonome per provvedere all’emanazione dell’atto di indirizzo per il rinnovo contrattuale della dirigenza sanitaria del triennio 2019-2021
Al via la medicina nucleare al Campus Bio-Medico: più cure per i cittadini di Roma e Lazio
Una nuova Pet-TC di ultima generazione sarà attiva dal 15 febbraio: previsti 3000 esami l’anno
AIOP e le associazioni della sanità privata: «Sì ai nuovi Lea, no al Tariffario»
Aiop, Aris, Andiar, Ansoc, Federanisap, Federbiologi, FederLab, Sbv, Snr, Cic, Sicop ribadiscono la loro contrarietà al nuovo Tariffario dell’assistenza specialistica ambulatoriale e protesica, che prevede riduzioni fino all’80%
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale