Lavoro 4 Febbraio 2021 11:58

Campagna vaccinale, primo bilancio della fase 1: bene il dato sui MMG, ma mancano ancora i liberi professionisti

Anelli (FNOMCeO): «La prima fase non può considerarsi conclusa se non verrà garantito il vaccino a tutti gli operatori sanitari». Scotti (FIMMG): «Solo il 3% dei MMG non è stato contattato per la vaccinazione. Adesione pressoché totale»

Campagna vaccinale, primo bilancio della fase 1: bene il dato sui MMG, ma mancano ancora i liberi professionisti

La fase 1 del piano vaccinale anti-Covid volge al termine. La quota dei 2 milioni di soggetti da vaccinare prioritariamente (1,4 milioni di operatori sanitari e sociosanitari e 570mila tra ospiti e personale delle Rsa) è stata ampiamente superata. Ma nel balletto delle cifre c’è più di una nota stonata. In primis, nel computo di quei 2 milioni di italiani già vaccinati figurano oltre 350mila non appartenenti alla categoria degli operatori sanitari, un dato che ha sollevato le critiche della FNOMCeO. Ma non è tutto: il piano, che prevede la vaccinazione, in fase 1, di 1,4 milioni di operatori sanitari non tiene conto, di fatto, di tutti i liberi professionisti del settore. I quali, infatti, risultano per il 90% ancora non vaccinati.

Anelli (FNOMCeO): «Non lasciare indietro i liberi professionisti»

«Il piano vaccinale parla chiaro – dichiara ai nostri microfoni Filippo Anelli, presidente della FNOMCeO -. Tra i destinatari del vaccino in fase 1 ci sono tutti gli operatori sanitari, ed è quindi incomprensibile che odontoiatri e medici liberi professionisti non siano contemplati. Esercitare il nostro lavoro significa garantire l’assistenza sanitaria nel nostro Paese, indipendentemente se nell’ambito del Ssn o in regime di libera professione. Su questo – afferma – non possono esserci discriminazioni. La prima fase non può considerarsi conclusa se non verrà garantito il vaccino a tutti gli operatori sanitari».

«Certo, la battuta d’arresto nella fornitura delle dosi non ha aiutato. Vedremo l’evolversi della situazione. Ad oggi – aggiunge – gli Ordini regionali si sono attivati, e si sta cercando di correre ai ripari, con differenze abbastanza significative su base regionale e provinciale. Nel Lazio ad esempio – conclude Anelli – su 15mila liberi professionisti ne sono stati vaccinati tra i 700 e gli 800».

Anelli ha quindi inviato, questa mattina, una lettera al Commissario straordinario per l’emergenza Domenico Arcuri e una al Direttore generale della Prevenzione del Ministero della Salute Gianni Rezza per ribadire la necessità che i 2700 medici e odontoiatri liberi professionisti siano inclusi nella fascia prioritaria dei soggetti da vaccinare contro il Covid.

«L’indignazione e frustrazione che ci viene espressa – scrive Anelli – è fondata sulla convinzione che la strategia adottata finora sembra mettere in sicurezza il personale sanitario della sanità pubblica/convenzionata, non tenendo in debito conto che la valutazione di fondo dovrebbe essere quella di scongiurare il rischio di diffusione in tutti i luoghi in cui l’assistenza sanitaria è assicurata includendo tutti i medici e gli odontoiatri in qualunque ambito essi operino  I colleghi lamentano pure la disomogeneità a livello regionale che ha registrato episodi inaccettabili di somministrazione del vaccino a soggetti estranei alla sanità, non legittimati a riceverlo in questa fase».

Scotti (FIMMG): «Percentuali confortanti, fiduciosi per seconde dosi»

Soddisfazione invece espressa dai medici di medicina generale a commento di questa prima fase: dopo un iniziale stallo risalente ai primi di gennaio, in cui la categoria sembrava essere incomprensibilmente lasciata in disparte dal calendario vaccinale, la campagna è entrata correttamente a regime per il settore, come spiega ai nostri microfoni il Segretario Nazionale FIMMG Silvestro Scotti.

«Dalla sorveglianza che abbiamo effettuato lo scorso 17 gennaio su un campione di circa 4mila colleghi, è emerso che l’88% dei medici di famiglia aveva già ricevuto, a quella data, la prima dose. Percentuale – continua Scotti – che saliva al 93% contando anche coloro i quali erano già prenotati per la prima dose entro la fine di gennaio. Con i prenotati per febbraio, invece, si arriva a quota 97%. Solo il 3% riferiva di non essere stato ancora contattato. Per metà febbraio, sullo stesso campione, ci accerteremo che siano state somministrate anche le seconde dosi. Ma possiamo dire che il dato in nostro possesso è già abbastanza confortante e uniforme sul territorio».

Il Segretario Nazionale FIMMG precisa inoltre che «la categoria dei medici di medicina generale ha fatto registrare un’adesione pressoché totale al vaccino anti-Covid. Le motivazioni sono da ricercare nel fatto che, come è noto, siamo tra i più esposti al rischio di contagio. Ricordiamo – conclude – che la maggior parte degli operatori sanitari morti per Covid erano medici di famiglia».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Draghi: «Assurdo vaccinare uno psicologo di 35 anni». La risposta degli psicologi: «È stato il Governo a sancire l’obbligo per tutti i sanitari»
Lazzari (CNOP): «Siamo increduli. Quando il vaccino era volontario circa la metà degli psicologi vi aveva rinunciato, mostrando un grande senso di responsabilità. Si tratta di professionisti che onestamente avevano ritenuto che le proprie condizioni di lavoro (a distanza) non potessero mettere a rischio lo stato di salute dei propri pazienti»
di Isabella Faggiano
Vaccino AstraZeneca raccomandato agli over 60: la circolare del Ministero della Salute
Locatelli (CSS): «Trombosi superiori all’aspettato fino ai 60 anni ma inferiori all’atteso negli over 60. Obiettivo è mettere in sicurezza le popolazioni con la letalità più alta»
“No profit on pandemic”, al via la raccolta firme europea contro i brevetti dei vaccini anti-Covid
Cimino (Medicina democratica): «Solo la diffusione su scala globale dei vaccini può fermare l’emergenza Covid. La pandemia non è il momento per il segreto industriale. L’Italia punta alla raccolta di 180 mila firme»
di Isabella Faggiano
Ostetriche, oltre 20mila professioniste pronte a sostenere la campagna vaccini anti-Covid
La presidente Vicario: «Già nel Regio Decreto, nei primi decenni del ‘900, promuovevamo la diffusione delle vaccinazioni disponibili in qualità di ostetriche condotte. Oggi, sosteniamo la prevenzione di malattie come l’Hpv o le patologie che si possono contrarre in gravidanza»
di Isabella Faggiano
Vaccini, GIMBE: «Solo il 28,3% degli over 80 ha ricevuto entrambe le dosi»
Il monitoraggio della Fondazione GIMBE rileva, nella settimana 24-30 marzo, una lieve riduzione dei nuovi casi, un aumento dei decessi e un peggioramento degli indicatori ospedalieri
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 aprile, sono 136.063.656 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.937.096 i decessi. Ad oggi, oltre 773,55 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Vaccini, mai più dosi avanzate: come funzionano le “liste di sostituti” in Lombardia, Lazio e Campania

Le chiamano "panchine", sono le liste straordinarie che le Regioni utilizzano per ottimizzare le dosi dopo l'ordinanza di Figliuolo. Ma chi rientra tra coloro che verranno contattati?
di Federica Bosco e Gloria Frezza
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...