Formazione 30 Giugno 2020

Bonus ECM, De Paolis (SIC): «Riconosciuta l’eccezionalità del momento, ma non si ripeta più»

Il presidente della Società Italiana di Chirurgia: «Ora è chiara a tutti l’efficacia della formazione a distanza»

«Quest’anno va considerato a sé, e quindi anche gli impegni e le richieste che vengono normalmente poste possono avere un’accezione del tutto particolare». A parlare è Paolo De Paolis, presidente della Società Italiana di Chirurgia. Il riferimento è al bonus ECM previsto dal decreto Scuola. «Una scelta governativa che va nella direzione di comprendere le difficoltà che la classe medica ha avuto in questi mesi di lotta al Covid-19», aggiunge.

«Tuttavia – prosegue De Paolis – quello della formazione e dell’aggiornamento continuo è un tema che le società scientifiche e tutta la classe sanitaria hanno particolarmente a cuore. Un diritto-dovere nei confronti della società, dei pazienti e della propria condizione lavorativa in termini di adeguatezza professionale. Quella di quest’anno, quindi, non deve essere vista come una soluzione al problema o una modalità che possa essere ripetuta. Si tratta semplicemente di un riconoscimento della condizione di criticità che ha portato medici e professionisti sanitari a formarsi direttamente sul campo. Una situazione che ha avuto una valutazione del tutto speciale, e che tale deve rimanere».

Al contempo è stato proprio il Covid ad imporre a medici e professionisti sanitari di formarsi sul virus e la malattia che causa: «Affrontare una situazione nuova ha richiesto un aggiornamento importante», commenta De Paolis. E con lo stop agli eventi residenziali, è stata la formazione a distanza a permettere a migliaia di operatori di conoscere passo passo novità e ultime scoperte. «Abbiamo toccato con mano la forza della modalità di aggiornamento in remoto. Ora è chiaro a tutti – conclude De Paolis – come anche tramite la Fad ci si possa aggiornare bene e in modo molto mirato».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Come deve essere effettuata dal Provider la verifica dell’apprendimento?
La verifica dell’apprendimento può essere effettuata con diversi strumenti: quesiti a scelta multipla o a risposta aperta, esame orale, esame pratico, produzione di un documento, realizzazione di un progetto, ecc. Se vengono usati i quesiti, devono essere standardizzati in almeno 3 quesiti per ogni credito ECM erogato e nel caso si predispongono quesiti a scelta […]
Riforma del sistema ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ecco gli obiettivi da raggiungere»
Dalla qualità dei corsi di formazione all’introduzione di un sistema premiante per i professionisti che si aggiornano, il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici delinea le direttive che la Commissione ECM sta seguendo per riformare la formazione continua
Che cos’è la formazione individuale?
Le attività di “formazione individuale” comprendono tutte le attività formative non erogate da provider accreditati ECM, e possono consistere in: attività di ricerca scientifica, tutoraggio individuale, attività di formazione individuale all’estero e autoformazione. Per maggiori dettagli è possibile consultare il Capitolo 3 (Formazione individuale) del Manuale sulla formazione continua del professionista sanitario.
Da quando decorre l’obbligo formativo?
L’obbligo di formazione continua decorre dal 1° gennaio successivo alla data di iscrizione all’Ordine. Per le professioni il cui esercizio non era precedentemente subordinato all’iscrizione ad Ordini, l’obbligo di formazione decorre dal 1° gennaio successivo al conseguimento del titolo di studio o altro provvedimento abilitante. Da tale data, il professionista sanitario deve maturare i crediti […]
Quali regole deve adottare il Provider sul luogo di svolgimento di un evento?
La sede dell’evento deve essere conforme alla normativa in materia di sicurezza dei luoghi e deve essere adeguata alla tipologia di attività formativa erogata. Il provider non può organizzare eventi formativi presso sedi, anche estere, rese disponibili da aziende aventi interessi commerciali in ambito sanitario.
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 27 ottobre, sono 43.514.678 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.159.708 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 27 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare