Ambiente 12 Luglio 2023 12:05

Temperature record: il Ministero della Salute lancia la campagna “proteggiamoci dal caldo”

Dieci consigli utili per difendersi dalle temperature record di questi giorni. A rischio in particolare anziani, bambini, cronici e chi svolge un’attività all’aria aperta.

Temperature record: il Ministero della Salute lancia la campagna “proteggiamoci dal caldo”

Temperature record in tutta Italia: da nord a Sud oscillano tra i 32 e i 37 gradi con punte di 40 gradi nelle pianure e nelle isole. Caldo torrido, dunque, che non darà tregua anche nei prossimi giorni tanto che il Ministero della Salute ha lanciato la campagna “Proteggiamoci dal caldo”.

Troppo caldo, a rischio la salute di milioni di italiani

Troppo caldo può causare gravi problemi di salute. La conferma arriva dai dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità che nel 2022 hanno registrato 15 mila morti in Europa a causa delle temperature estreme. In Italia il sistema nazionale di sorveglianza ha altresì rilevato un incremento della mortalità rispetto alla media del 2015-2019 del 15% con più 5635 decessi.  Ad essere maggiormente a rischio sono gli anziani, infatti tra gli over 85 l’aumento è stato addirittura del 21%.

Al via la campagna “proteggiamoci dal caldo”

Per mettere al riparo gli italiani da rischi legati a temperature elevate, il Ministero della Salute ha stilato una sorta di vademecum di abitudini comportamentali e misure di prevenzione che possono ridurre le conseguenze nocive delle ondate di calore. Non solo, dallo scorso  15 maggio è stato attivato  il Sistema nazionale di previsione e prevenzione degli effetti del caldo sulla salute con la pubblicazione dei bollettini per l’estate 2023 consultabile sul sito del Ministero della Salute con previsione a 24, 48 e 72 ore.

Scopri se l’Aria che respiri è Pulita

Scopri se puoi aderire all’Azione Legale Collettiva e unisciti a noi. Ti aiutiamo a ottenere un risarcimento per gli anni in cui hai vissuto in città inquinate.

I soggetti più a rischio

Ad essere a rischio sono in particolare anziani, malati cronici, bambini, donne in gravidanza e persone che assumono alcuni tipi di farmaci. Per loro, ancora di più, è importante  limitare l’esposizione alle alte temperature, facilitare il raffreddamento del corpo ed evitare la disidratazione. Gli anziani se vivono soli devono avere sempre a disposizione i numeri utili da contattare in caso di emergenza (ambulatorio medico, guardia medica, 118). Bambini e soprattutto neonati se soggetti ad un colpo di calore sono esposti al rischio disidratazione e possono avere conseguenze sul sistema cardiocircolatorio, respiratorio e neurologico. Per questo è importante reintegrare i liquidi persi, evitare però bevande troppo zuccherate, integratori dello sport e succhi di frutta. Nella donna in gravidanza  il calore può determinare disidratazione e perdita di liquidi e sali minerali preziosi per l’equilibrio materno fetale. Anche in questo caso è fondamentale un reintegro dei liquidi persi assumendo acqua in abbondanza.

Le malattie croniche nemiche del caldo

I pazienti ipertesi e cardiopatici sono particolarmente sensibili al caldo. Un abbassamento della pressione arteriosa può causare anche momentanea perdita di coscienza, pertanto è bene durante la stagione estiva controllare più frequentemente i livelli della pressione arteriosa e contattare il medico per eventuali aggiustamenti delle terapie. I diabetici con neuropatia periferica sono particolarmente sensibili al caldo perché la sudorazione è inefficiente per via dell’interruzione del segnale diretto alle ghiandole sudoripare. In questo caso è opportuno aumentare la frequenza dei controlli glicemici e avere una adeguata idratazione evitando bevande zuccherate e succhi di frutta.

Chi fa esercizio fisico, lavoro  all’aria aperta  o in ospedale

Non solo anziani, cronici, o chi assume farmaci per ipertensione, malattie cardiovascolari, malattie neurologiche, psichiatriche, disturbi della tiroide e malattie respiratorie croniche può subire gli effetti negativi del caldo eccessivo. Anche le persone che svolgono un’intensa attività fisica, chi  lavora all’aperto, o gli operatori sociosanitari  che devono tenere dispositivi di protezione, possono sviluppare disturbi a causa di colpi di calore. Per proteggersi devono fare pause frequenti in luoghi rinfrescati, reintegrare sali e liquidi persi, adottare un abbigliamento leggero.

Dieci regole per proteggersi dal caldo

Per difendersi dal caldo record di questi giorni il Ministero della Salute ha stilato i dieci consigli utili per tutti i cittadini:

  • Non uscire nelle ore più calde. Evitare anche l’esposizione al sole diretto tra le 11 e le 18
  • Migliorare l’ambiente domestico e di lavoro: schermare finestre esposte a sud e sud ovest con tende e oscuranti che blocchino il passaggio della luce, non quello dell’aria però. Usare l’aria condizionata con attenzione, una temperatura tra i 25 e i 27 gradi con un basso tasso di umidità è sufficiente a garantire benessere e a non esporre a bruschi sbalzi termici.
  • Bere molti liquidi e mangiare frutta fresca. Meglio dissetarsi con acqua naturale e consultare il medico se si hanno particolari condizioni di salute (epilessia, malattie del cuore, dei reni o del fegato) per i quali una eccessiva assunzione dei liquidi può essere controindicata.
  • Moderare l’assunzione di bevande contenenti caffeina e alcoliche
  • Fare pasti leggeri
  • Vestire abiti comodi meglio se di cotone, lino o fibre naturali e proteggere gli occhi, anche dei bambini, con occhiali da sole con filtri UV.
  • Ventilare l’abitacolo dell’auto prima di mettersi in viaggio ed evitare per gli spostamenti le ore più calde.
  • Evitare esercizio fisico nelle ore più calde della giornata
  • Offrire assistenza a persone a maggiore rischio, come anziani che vivono soli per i quali occorre segnalare eventuali situazioni di disagio ai servizi socio-sanitari.

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

 

 

 

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Mieloma multiplo. Aspettativa di vita in aumento e cure sul territorio, il paradigma di un modello da applicare per la prossimità delle cure

Il mieloma multiplo rappresenta, tra le patologie onco-ematologiche, un caso studio per l’arrivo delle future terapie innovative, dato anche che i centri ospedalieri di riferimento iniziano a no...
Salute

Parkinson, la neurologa Brotini: “Grazie alla ricerca, siamo di fronte a una nuova alba”

“Molte molecole sono in fase di studio e vorrei che tutti i pazienti e i loro caregiver guardassero la malattia di Parkinson come fossero di fronte all’alba e non di fronte ad un tramonto&...
di V.A.
Advocacy e Associazioni

Oncologia, Iannelli (FAVO): “Anche i malati di cancro finiscono in lista di attesa”

Il Segretario Generale Favo: “Da qualche anno le attese per i malati oncologici sono sempre più lunghe. E la colpa non è della pandemia: quelli con cui i pazienti oncologici si sco...