Formazione 15 maggio 2017

Otiti, vertigini e sinusite? Ora si risolvono con un ‘palloncino’ stappa orecchio

Una tecnica mininvasiva che si applica in due minuti. È la ‘sinuplastica dilatativa’ conosciuta in Italia grazie al Dottor Lino Di Rienzo Businco, Specialista in Otorinolaringoiatria e Audiologia che ha conquistato la copertina di una delle riviste mediche più illustri a livello mondiale

Immagine articolo

Un palloncino per guarire l’otite. Addio a vertigini, perdita dell’equilibrio e fischi cronici: da oggi è possibile ‘stappare’ l’orecchio con un semplice ‘balloon’. Si tratta della terapia definita ‘sinuplastica dilatativa’ (BSP Balloon SinuPlasty), che viene realizzata mediante un palloncino latex-free gonfiato per 6-12 secondi a livello dell’ostio del seno coinvolto dall’infiammazione, consentendo in questo modo il rapido drenaggio e la guarigione. «La tecnica consiste nel gonfiaggio di un palloncino a pressione all’interno della Tuba di Eustachio» spiega il Dottor Lino Di Rienzo Businco, Specialista in Otorinolaringoiatria e Audiologia, a cui va il merito di aver portato questa tecnica in Italia.

«Insieme all’azione della risonanza quantico-molecolare – prosegue il Dottore intervistato in occasione del XII° Corso Teorico-Pratico sulle Malattie Respiratorie “Sindromi Respiratorie: Un approccio Integrato e Risolutivo” – che è una radiofrequenza in grado di ridurre il problema senza ripercuotersi sui tessuti per le aperture più ristrette dei nostri bambini, si ottiene una migliore ventilazione che migliora l’udito e la possibilità di non soffrire di catarro durante i viaggi in aereo e treno. Inoltre, un altro vantaggio di questo trattamento è che si esclude il rischio che un semplice raffreddore diventi una otite catarrale. Insomma, affrontare e risolvere questi problemi con un trattamento della durata di un paio di minuti è un grande passo avanti».

La terapia approfondita in tutte le varie sfaccettature tecniche e cliniche, è valsa la copertina di una prestigiosa rivista internazionale, ‘HNO’ importante per diffondere la tecnica a livello globale perché «quello che manca spesso negli studi e nelle ricerche mediche – spiega il Dottor Di Rienzo Businco – è proprio il consenso scientifico mondiale, non solo nazionale. HNO ha ratificato in sostanza dei nostri protocolli per il trattamento mininvasivo delle disfunzioni tubariche e delle otiti catarrali, che rende possibile una personalizzazione delle terapie a seconda della gravità, evitando un over trattamento farmacologico o chirurgico».

Otiti a parte, raffreddori, lievi insufficienze respiratorie, tosse e asma, sono tutti sintomi che segnalano la possibile presenza di una malattia dell’apparato respiratorio. Ci tiene a precisare il Dottor Di Rienzo Businco: «Dunque, è bene non sottovalutare la gravità di queste patologie. Quello che abbiamo finalmente compreso oramai da alcuni anni, è che la malattia respiratoria rappresenta un unicum, una e vera e propria sindrome. Apparentemente la malattia respiratoria si caratterizza per una serie di sintomi scollegati: la sinusite, respirare male dal naso, i raffreddori, l’orecchio chiuso, la tosse, in realtà sono tutti riassumibili in questa patologia ed è molto importante un approccio quanto più possibile condiviso per massimizzare i risultati e ridurre al minimo l’impatto traumatico sul paziente sia in merito al numero di farmaci sia in termini di interventi chirurgici».

Per ottenere questi risultati è fondamentale che il medico si tenga aggiornato e informato: «la conoscenza è nulla se non viene diffusa – segnala il Dottore – e oggi l’educazione continua in medicina è decisiva. Basta pensare a quello che fa Consulcesi, afferire a queste informazioni banalmente con i social piuttosto che navigando su internet, ci consente veramente di diffondere le informazioni in maniera rapidissima e orizzontale, quindi quello che noi facciamo insieme allo sforzo di Sidero Onlus, Società Italiana per la Diffusione dell’ Endoscopia e della Ridotta Invasività Operatoria, di cui sono Presidente, è diffondere l’esistenza di queste metodiche mininvasive per formare i medici e informare i pazienti».

Articoli correlati
AIPO, a Verona l’ottava edizione di “Orizzonti in Pneumologia”
Si terrà a Verona il 15 e 16 Febbraio, presso il Palazzo della Gran Guardia, l’ottava edizione di “Orizzonti in Pneumologia”, l’evento organizzato dall’Associazione Italiana Pneumologi Ospedalieri (AIPO). L’AIPO si propone di fare il punto sulle più recenti scoperte e sulle prospettive future (orizzonti, appunto) nell’ambito delle malattie respiratorie. A dare il via ai lavori, dopo […]
Non solo ai polmoni, l’inquinamento nuoce anche al cervello. L’intervista a Giovanni Viegi
Dall'Associazione Italiana Pneumologi Ospedalieri l'intervista a Giovanni Viegi, ricercatore del Cnr di Palermo in occasione del 44esimo Congresso della Pneumologia italiana
Combattere per un respiro: AIPO, l’innovazione al servizio della pneumologia
Grande partecipazione al XLIV Congresso Nazionale AIPO. Presidente Gasparini: «Grande adesione e nuove frontiere che rivoluzioneranno la pneumologia. La tecnologia viene in soccorso alla vita»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Nuovi LEA, assistenza psicologica diventa diritto. Lazzari (CNOP): «Svolta per professione e cittadini»

«Grazie ai nuovi Livelli Essenziali di Assistenza, il supporto psicologico sarà garantito». Con Davide Lazzari, coordinatore della Task Force sui LEA, istituita dall’Ordine degli Psicologi, riper...
di Isabella Faggiano
Salute

Carenza medici, Anaao: «35mila specialisti via nei prossimi cinque anni». Biasci (FIMP): «Pediatri a rischio, servono risorse e strutture»

Studio rivela: dai cardiologi ai ginecologi, dieci specializzazioni a rischio estinzione. Palermo: «Aumentare le borse di studio o far accedere i giovani medici al Ssn dopo la laurea». Il Presidente...
di Giovanni Cedrone e Serena Santi
Lavoro

Medici in pensione, liquidato il primo cumulo e gli aumenti per inflazione. Ecco quanto crescono gli assegni

L’Enpam comunica che appena le autorità vigilanti daranno il via libera arriveranno gli adeguamenti scattati dal primo gennaio con tutti gli arretrati. Intanto arriva la liquidazione della prima pe...