Voci della Sanità 8 Aprile 2019 15:42

Malattie respiratorie, la riabilitazione deve tener conto dei bisogni reali dei pazienti

Nei giorni scorsi una delegazione delle più importanti Associazioni dei pazienti con malattie respiratorie croniche, in rappresentanza di oltre 10.000 iscritti e di un universo sociale di oltre 4milioni di persone, è stata ricevuta presso il Ministero della Salute dal Direttore Generale della Programmazione Sanitaria, dott. Andrea Urbani. L’appuntamento è stato organizzato in risposta alla […]

Nei giorni scorsi una delegazione delle più importanti Associazioni dei pazienti con malattie respiratorie croniche, in rappresentanza di oltre 10.000 iscritti e di un universo sociale di oltre 4milioni di persone, è stata ricevuta presso il Ministero della Salute dal Direttore Generale della Programmazione Sanitaria, dott. Andrea Urbani.
L’appuntamento è stato organizzato in risposta alla richiesta di chiarimenti inviata dai pazienti al Ministro della Salute, On. Giulia Grillo, in merito ai documenti “Criteri di appropriatezza dell’accesso ai ricoveri di riabilitazione ospedaliera” e “Individuazione dei percorsi appropriati nella rete di riabilitazione” che sono in via di definizione a seguito di una serie di incontri sviluppati in collaborazione con alcune sigle scientifiche del settore riabilitativo.

La delegazione si è fatta portavoce presso il Ministero di alcune profonde preoccupazioni legate alle notizie trapelate nei giorni scorsi attraverso le campagne sui social e le comunicazioni di alcune società scientifiche presenti al tavolo di lavoro sviluppato per produrre i documenti citati.
«Innanzitutto esprimiamo un profondo rammarico per non essere stati coinvolti come associazioni dei pazienti nella elaborazione dei due documenti, visto il forte impatto che avranno sul nostro futuro – è il commento di Fausta Franchi, Garante Etico dell’Associazione Italiana Pazienti BPCO Onlus – . Crediamo che sarebbe stato molto semplice coinvolgere nel percorso la GARD-Italia (Global Alliance for Respiratory Diseases), organismo interno al Ministero della Salute, che raccoglie tutte le associazioni di pazienti con malattia respiratoria e le società scientifiche che si occupano di tali patologie».

Nei documenti “incriminati”, si indica pericolosamente il concetto di soglia che dovrebbe limitare il numero di accessi dal domicilio – fino ad un massimo del 20% del numero dei ricoveri annui, stabilito in base ai dati cumulativi dello storico su base nazionale – una impostazione che non tiene assolutamente conto del naturale percorso tipico delle malattie respiratorie croniche e che rischia di penalizzare la già scarsissima e mal distribuita disponibilità di posti letto delle pneumologie riabilitative. «Pur comprendendo la volontà di migliorare l’appropriatezza dei ricoveri riabilitativi, la realtà quotidiana ci insegna quanto sia difficile, se non impossibile, per noi pazienti respiratori trovare posto in centri specializzati in riabilitazione pneumologica prima che sia troppo tardi”, ha voluto ricordare Sandra Frateiacci rappresentante di Federasma e Allergie onlus, “prima, cioè, che le condizioni cliniche siano così gravi da doversi rivolgere al Pronto soccorso, o addirittura prima di finire in rianimaz ione con un ventilatore per poter respirare ancora, con evidenti ripercussioni sui costi sanitari, sulla qualità di vita e i costi umani, sociali ed economici che tutto questo comporta».

Nella discussione tra Associazioni e Ministero si è parlato anche di valutazione dell’appropriatezza per i ricoveri riabilitativi e qui è stata espressa la seconda preoccupazione dei pazienti, a cui ha dato voce Franco Pasqua volontario e consulente scientifico di Respiramo Insieme: «Noi temiamo che si diffonda in tutta la Penisola quello che sta avvenendo in alcune regioni dove per accedere ad un posto letto di Riabilitazione Pneumologia ci si deve mettere in lista per una visita fisiatrica o presso una commissione medica (Unità di Valutazione Multidimensionale, UVM) non comprensiva di specialisti competenti in materia. Molti pazienti inseriti in questi percorsi nel frattempo sono finiti in terapia intensiva, mentre alcuni – purtroppo – non ne sono mai usciti».

«Noi e le persone che rappresentiamo abbiamo malattie respiratorie croniche: più volte all’anno siamo soggetti a riacutizzazioni che non sempre sono gestibili a casa o attraverso i servizi territoriali – è stata la sottolineatura di Rosa Ioren Napoli, presidente di Un Respiro di Speranza, associazione che raccoglie pazienti, medici e ricercatori impegnati sul fronte della Fibrosi Polmonare Idiopatica. «Abbiamo pertanto bisogno di una adeguata e tempestiva disponibilità di centri specializzati in malattie respiratorie e Riabilitazione Pneumologica, dove poter ricevere il giusto intervento, al momento giusto con i giusti professionisti e cioè specialisti pneumologi e fisioterapisti respiratori. La disponibilità di centri di riabilitazione specializzati è già diminuita negli ultimi anni: se verrà messo un limite ai ricoveri dal domicilio e ulteriori filtri all’accesso (UVM), senza un’adeguata alternativa territoriale, l’unico risultato per noi sarà quello di ritrovarci di nuovo ad affollare i Pronto soccorso e i corridoi delle medicine generali».
Durante l’incontro il Dottor Urbani e il suo staff hanno rassicurato i presenti che le istanze discusse durante l’appuntamento saranno attentamente considerate, e che le bozze dei due documenti in questione saranno inviati dagli uffici ministeriali alle Associazioni, affinché queste ultime possano attentamente analizzarli prima della loro presentazione alle Regioni. «Dopo la lettura dei testi integrali che stiamo per ricevere – hanno confermato tutte le Associazioni facenti parte della delegazione – chiederemo l’apertura di un tavolo di discussione e ci impegneremo ad avviare le necessarie azioni di sensibilizzazione dell’opinione pubblica. Ministro Grillo: la posta in gioco è la nostra vita».

Articoli correlati
La ricerca non può ignorare le differenze di genere. Prevenzione e cura su misura per uomini e donne
Scambia (ginecologo): «Necessario inserire, all’interno della facoltà di Medicina e Chirurgia, insegnamenti legati alla medicina di genere. Non è escluso che anche all’interno delle stesse specialità mediche possano formarsi professionisti specializzati nella cura di uomini o donne»
di Isabella Faggiano
«Le cure domiciliari sono un’illusione». L’opinione controcorrente di Diego Pavesio (Patto per la Scienza) che difende la “vigile attesa”
Il medico piemontese ha pubblicato un post su Facebook in cui parlava di “terapia domiciliare come specchietto per le allodole”: «La gente, comprensibilmente stanca ed esasperata, è in cerca di soluzioni facili per problemi complessi. In realtà si fa finta di non capire che non c’è ancora una cura per questa malattia»
Sud e sviluppo sostenibile, Colao (cattedra Unesco): «Preoccupante la riduzione degli screening di prevenzione oncologica»
All'evento promosso dalla Cattedra Unesco della Federico II di Napoli la prof. Colao: «Quest’anno ha portato una riduzione dell’aspettativa di vita che è più drammatica al Nord e un po’ più limitata al Sud, ma perché il Sud aveva già una riduzione dell'aspettativa di vita»
Chemioterapia ‘ad alta temperatura’ in sala operatoria e radioterapia in sole tre sedute. Le nuove sperimentazioni dell’oncologia
Al Gemelli è stato eseguito con successo, su un uomo di 63 anni affetto da mesotelioma pleurico, un intervento di resezione chirurgica della pleura con successiva infusione locale di chemioterapico a 41°C. All’Istituto Tumori Regina Elena, oltre 140 pazienti con neoplasia della prostata sono stati trattati in sole 3 sedute di radioterapia
di Isabella Faggiano
Costa: «Recovery opportunità per garantire concretamente diritto alla salute»
«Solo quest'anno 400mila persone non hanno potuto accedere alle cure farmacologiche – ha precisato il sottosegretario alla Salute -. Garantire il diritto alla salute significa renderla accessibile a tutti»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 17 maggio, sono 163.082.347 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.379.501 i decessi. Ad oggi, oltre 1,46 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Cause

Medico denuncia per diffamazione paziente che lo aveva portato in tribunale per lesioni personali. Risarcito

Donna denuncia penalmente dermatologo ma l’accusa cade. Il medico avvia a sua volta un iter processuale verso la paziente che lo aveva accusato pubblicamente. «Una sentenza che farà...