Salute 26 Luglio 2018 09:36

Salute nelle città, Troncarelli (Welfare Lazio): «Occorre migliorare stili di vita: presto legge su invecchiamento attivo»

Nel 2050 sette persone su dieci vivranno in contesto urbano con aumento delle malattie non trasmissibili, a partire dal diabete. «Salute non è solo assenza di malattia. Bisogna lavorare per far sì che lo sport sia alla portata di tutti»

Salute nelle città, Troncarelli (Welfare Lazio): «Occorre migliorare stili di vita: presto legge su invecchiamento attivo»

Cento anni fa solo due persone su dieci della popolazione mondiale vivevano nelle aree urbane. Nel XX secolo il rapporto si è ribaltato e oggi la tendenza sembra rafforzarsi: nel 2050 ben sette persone su dieci vivranno in contesti urbani. Un cambiamento epocale destinato ad incidere fortemente sugli stili di vita delle persone e anche sullo stato di salute dei cittadini con l’aumento di patologie non trasmissibili come diabete, cancro, disturbi respiratori e cardiovascolari. Il tema è stato affrontato nel terzo Health City Forum che si è svolto a Roma dove politici, medici, sportivi e professori si sono confrontati in un dibattito che ha visto un focus particolare sul diabete, definito ormai una vera e propria “pandemia mondiale”. L’incidenza dell’urbanizzazione sulla salute della popolazione mondiale è ormai un dato di fatto: l’inattività fisica causa 3,2 milioni di morti ogni anno, l’ipertensione 0,4 milioni, l’obesità è responsabile di 4,4 milioni di morti e l’inquinamento di 3,7 milioni. «È necessario che le istituzioni a tutti i livelli mettano in campo tutte le risorse finanziarie possibili affinché venga migliorato lo stile di vita quotidiano di ogni singolo cittadino», spiega a Sanità Informazione l’assessore al Welfare della Regione Lazio Alessandra Troncarelli.

LEGGI ANCHE: BOLOGNA, TRE PREMI NOBEL AL 3,2 MILIONI DI MORTI ALL’ANNO PER INATTIVITÀ FISICA, 0,4 PER IPERTENSIONE, 4,4 PER OBESITÀ. ECCO I NUMERI DELL’URBANIZZAZIONE

Assessore, oggi si consegnano dei premi importanti, si parla di lotta al diabete e in generale di benessere nelle città, un tema che con il welfare ha molto a che fare. Quali sono le vostre iniziative in materia?

«Finalmente si parla di salute e non è un concetto ascrivibile soltanto all’assenza di malattia ma appunto dev’essere valorizzato a 360 gradi. È necessario che le istituzioni a tutti i livelli mettano in campo tutte le risorse finanziarie possibili affinché venga migliorato lo stile di vita quotidiano di ogni singolo cittadino. Purtroppo sono stili di vita frenetici, quindi bisogna cercare di aiutare il più possibile a rendere più facile l’accesso nelle nostre città anche creando dei percorsi alternativi rispetto alla vita sedentaria che oggi è invece quella che predomina».

Abbiamo visto che la città metropolitana di Roma ha il numero più elevato di malati di diabete d’Italia, una malattia che si può tenere a bada con corretti stili di vita. Ma sappiamo che a Roma fare sport non sempre è alla portata di tutti. Cosa può fare la politica?

«È vero, fare sport non è alla portata di tutti. E penso soprattutto a chi ha un handicap. Quindi è importante in primis eliminare le barriere architettoniche e rendere fruibili tutti i percorsi a cui una persona normodotata può accedere. Poi serve educazione sanitaria tra i giovani, quindi introdurre durante la formazione scolastica un corso che possa educarli fin da subito a mantenersi attivi perché anche il giovane in una fase di studio vive una vita sedentaria. Creare delle attività alternative allo studio ma che comunque lo aiutino nella sua crescita formativa. E poi anche gli anziani, perché anche loro, per quanto si possa parlare di terza età, hanno bisogno di attività motoria e una proposta che mi auguro di portare a termine durante il mandato è proprio quella della legge sull’invecchiamento attivo in cui la prevenzione è la chiave di tutto».

LEGGI ANCHE: DISABILITÀ, PILATI (CTO ALESINI): «LE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI OSPEDALI CREANO UNA FRATTURA NEL RAPPORTO MEDICO-PAZIENTE»

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Tumore testa e collo, oltre mille pazienti trattati con l’adroterapia. Ecco cos’è
Sono 5 i centri in tutto il mondo, in Italia si trova a Pavia. 1185 pazienti con tumori del distretto testa collo resistenti ad altre terapie sono stati trattati con protoni e ioni di carbonio
di Federica Bosco
Diabete, 100 anni dalla scoperta dell’insulina. La conferenza dell’Intergruppo obesità in collaborazione con Simt
L’Intergruppo parlamentare obesità e diabete, in collaborazione con la SIMT, celebra i 100 anni della scoperta che ha modificato il corso del diabete tipo 1, malattia dalla prognosi infausta sino al 1921, oggi condizione con la quale convivere e condurre una vita con prospettive di piena normalità
Gliomi, compreso il meccanismo di crescita grazie al moscerino della frutta
Una scoperta che porta la firma di Thomas Vaccari, ricercatore dell’Università di Milano, e che permetterà, con la medicina di precisione, di aumentare la sopravvivenza dei malati di uno dei tumori cerebrali più aggressivi
di Federica Bosco
Grazie ai tumoroidi hi-tech scoperte le proteine responsabili della formazione della maggior parte dei tumori
Lo studio di IFOM con l’università di Milano e Padova diretto dai professori Pagani e Piccolo ha permesso di identificare le proteine responsabili della crescita delle cellule tumorali. Prossimo obiettivo comprendere il meccanismo che le alimenta e studiare una cura farmacologica mirata
di Federica Bosco
Nutrizione clinica, un paziente oncologico su cinque muore per carenze alimentari
Dal corso di formazione di Nutrizione Medica – Unione Italiana Food emerge che il 75% dei pazienti neoplastici è malnutrito al momento della diagnosi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 15 giugno, sono 176.273.244 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.812.157 i decessi. Ad oggi, oltre 2,37 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Cause

Primario imputato per associazione a delinquere insieme ad un centinaio di colleghi: assolto 7 anni dopo. La sua storia

Giornali e tv, locali e nazionali, diedero la notizia dell’indagine con tanto di nomi e cognomi. «All’assoluzione, invece, al massimo un trafiletto». Quando il mostro sbattuto ...