Salute 19 Marzo 2018 16:11

Disabilità, Pilati (CTO Alesini): «Le barriere architettoniche negli ospedali creano una frattura nel rapporto medico-paziente»

«La difficoltà di accesso all’ospedale non è un problema solo del paziente ma anche del medico» spiega il Direttore dell’Unità Spinale dell’Ospedale romano Andrea Alesini. «Si tratta innanzitutto di un problema culturale, istituzioni e politica lavorino per risolverlo» così Giuseppe Trieste, Presidente Fiaba Onlus

Strutture ospedaliere fuori dalla portata di disabile. È questa la denuncia della rete di associazioni che tutelano le persone vulnerabili per richiamare l’attenzione delle istituzioni. «È innegabile che il problema delle barriere architettoniche in ospedale indisponga il paziente con mobilità ridotta. Questo crea sin dall’inizio una frattura nel rapporto con il professionista sanitario» dichiara ai nostri microfoni Claudio Pilati, Direttore del reparto di Unità Spinale Unipolare dell’Ospedale CTO “Alesini” di Roma, intervenuto all’incontro sulla disabilità al Ministero della Salute ‘Rapporto tra medico e persona con lesione midollare’.

«La difficoltà di accesso all’ospedale non è un problema solo del paziente ma anche del medico e dell’operatore sanitario che dovranno cercare di colmare la difficoltà che la persona disabile incontrerà lungo il percorso – prosegue il dottor Pilati -. Questo crea un malessere nel paziente che si ripercuote inevitabilmente su chi lo prende in cura».

LEGGI ANCHE: LINGUAGGIO E DISABILITÀ, SPADARI (PRESIDENTE ODG LAZIO): «NECESSARIO SFORZO COMUNE PER COMBATTERE PREGIUDIZI»

La situazione descritta dal Dottor Pilati purtroppo coinvolge 2/3 degli ospedali italiani, una percentuale allarmante che dà la misura di quanto l’Italia sia, per molti aspetti, un Paese ostile per chi vive in una situazione di fragilità. «Quando una persona con disabilità si reca dal medico si crea, molto spesso, una situazione di ansia soprattutto da parte del professionista che, purtroppo, può succedere non sappia gestire la situazione». Poche ma incisive le parole di Giuseppe Trieste, Presidente di Fiaba Onlus, associazione senza scopo di lucro che da anni promuove l’eliminazione di tutte le barriere fisiche, culturali e psicologiche.

«Il problema è culturale – prosegue Triste -, basti pensare che nei bagni degli ospedali, come in altri ambienti aperti al pubblico, ci sono solo specchi ad altezza di persone normodotate. Chi si muove su una sedia a rotelle deve poter godere di una visibilità ampia e deve poter usufruire dei servizi igienici nel pieno delle possibilità. Dunque occorre che ci sia un dialogo fra le istituzioni per consentire alle persone disabili di vivere una vita normale. In questo senso è fondamentale anche la formazione del professionista sanitario».

«Occorre che medici e paramedici siano al passo con il cambiamento dei tempi – conclude il Presidente di Fiaba – e possano accogliere tutte le persone nella loro diversità perché deve essere la normalità poter godere tutti di una buona accoglienza quando ci si rivolge ad una struttura sanitaria».

 

Articoli correlati
Un giro d’Italia a nuoto, l’impresa di Salvatore Cimmino per accendere un faro sulla disabilità
L’atleta del Circolo Canottieri Roma, senza una gamba dall’età di 15 anni, percorrerà quasi 300 chilometri da Ventimiglia a Trieste in 14 tappe. «Le persone con disabilità e le loro famiglie sono sempre più invisibili. La politica ha deciso che non è conveniente vedere la loro realtà»
Slitta la data del concorso per medici di famiglia. Fnomceo: «Preoccupati per borse stanziate»
La data del 28 gennaio per il concorso di ammissione ai corsi di formazione specifica in Medicina Generale per il triennio 20-23 è stata annullata. La certezza arriva dal Ministero della Salute, decisione dovuta alla situazione epidemiologica
Disability manager, il professionista per l’inclusione dei lavoratori disabili e malati cronici
Leonardi (neurologa): «Finora sono pochissime le amministrazioni pubbliche ad aver individuato la figura del disability manager. La Lombardia è l’unica regione a riconoscere il percorso di studi universitario come abilitante. La pandemia porterà ad un ulteriore aumento dei malati cronici.  Attendiamo l’albo professionale».
di Isabella Faggiano
Il teatro salva Covid: gli attori disabili de Il Veliero di Monza in strada per vincere l’isolamento
Il regista Roveris, da 20 anni alla guida del progetto: «Da marzo abbiamo inventato degli esercizi di vita e raccontato la quotidianità da lockdown in una serie di video. Per Natale grande festa via Zoom»
di Federica Bosco
Telemedicina, cos’è? Ecco cosa dice la norma
L’analisi delle «Indicazioni nazionali per l’erogazione di prestazioni in telemedicina» diffuse dal ministero della Salute
di Tommaso Caldarelli
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 22 gennaio, sono 97.536.545 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.091.848 i decessi. Ad oggi, oltre 57,58 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Lavoro

Medici di famiglia vaccinatori, Scotti (Fimmg): «Impensabile coinvolgerci a queste condizioni»

Il Segretario Nazionale si scaglia contro la mancanza di programmazione: «Per noi nessun fondo in Finanziaria, ma non esiste vaccinazione di massa senza medicina del territorio»