Salute 19 Marzo 2018 16:11

Disabilità, Pilati (CTO Alesini): «Le barriere architettoniche negli ospedali creano una frattura nel rapporto medico-paziente»

«La difficoltà di accesso all’ospedale non è un problema solo del paziente ma anche del medico» spiega il Direttore dell’Unità Spinale dell’Ospedale romano Andrea Alesini. «Si tratta innanzitutto di un problema culturale, istituzioni e politica lavorino per risolverlo» così Giuseppe Trieste, Presidente Fiaba Onlus

Strutture ospedaliere fuori dalla portata di disabile. È questa la denuncia della rete di associazioni che tutelano le persone vulnerabili per richiamare l’attenzione delle istituzioni. «È innegabile che il problema delle barriere architettoniche in ospedale indisponga il paziente con mobilità ridotta. Questo crea sin dall’inizio una frattura nel rapporto con il professionista sanitario» dichiara ai nostri microfoni Claudio Pilati, Direttore del reparto di Unità Spinale Unipolare dell’Ospedale CTO “Alesini” di Roma, intervenuto all’incontro sulla disabilità al Ministero della Salute ‘Rapporto tra medico e persona con lesione midollare’.

«La difficoltà di accesso all’ospedale non è un problema solo del paziente ma anche del medico e dell’operatore sanitario che dovranno cercare di colmare la difficoltà che la persona disabile incontrerà lungo il percorso – prosegue il dottor Pilati -. Questo crea un malessere nel paziente che si ripercuote inevitabilmente su chi lo prende in cura».

LEGGI ANCHE: LINGUAGGIO E DISABILITÀ, SPADARI (PRESIDENTE ODG LAZIO): «NECESSARIO SFORZO COMUNE PER COMBATTERE PREGIUDIZI»

La situazione descritta dal Dottor Pilati purtroppo coinvolge 2/3 degli ospedali italiani, una percentuale allarmante che dà la misura di quanto l’Italia sia, per molti aspetti, un Paese ostile per chi vive in una situazione di fragilità. «Quando una persona con disabilità si reca dal medico si crea, molto spesso, una situazione di ansia soprattutto da parte del professionista che, purtroppo, può succedere non sappia gestire la situazione». Poche ma incisive le parole di Giuseppe Trieste, Presidente di Fiaba Onlus, associazione senza scopo di lucro che da anni promuove l’eliminazione di tutte le barriere fisiche, culturali e psicologiche.

«Il problema è culturale – prosegue Triste -, basti pensare che nei bagni degli ospedali, come in altri ambienti aperti al pubblico, ci sono solo specchi ad altezza di persone normodotate. Chi si muove su una sedia a rotelle deve poter godere di una visibilità ampia e deve poter usufruire dei servizi igienici nel pieno delle possibilità. Dunque occorre che ci sia un dialogo fra le istituzioni per consentire alle persone disabili di vivere una vita normale. In questo senso è fondamentale anche la formazione del professionista sanitario».

«Occorre che medici e paramedici siano al passo con il cambiamento dei tempi – conclude il Presidente di Fiaba – e possano accogliere tutte le persone nella loro diversità perché deve essere la normalità poter godere tutti di una buona accoglienza quando ci si rivolge ad una struttura sanitaria».

 

Articoli correlati
Disabilità, Falabella (FISH): «Serve Fondo unico per dare concretezza a riforme»
Parla il Presidente della Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap che plaude al Decreto LEA ma chiede un aggiornamento del nomenclatore tariffario. Sulla Disability card chiarisce: «Strumento utile ma al momento è una semplice sostituzione della certificazione di invalidità della legge 104. Dobbiamo inserire più servizi»
Salute orale e disabilità, un binomio complicato. E spesso le famiglie sono costrette a rivolgersi all’ospedale
«Nel campo della salute orale il 50% dei professionisti ha poche competenze sulla gestione del paziente con disabilità» racconta Alberto Aureli, Igienista dentale e padre di un paziente con autismo. Che lancia un progetto di formazione per gli studi privati
Andrea Costa torna al Ministero della Salute come esperto PNRR
«È un grande opportunità per la quale ringrazio il ministro della Salute Schillaci» ha affermato l'ex Sottosegretario alla Salute del governo Draghi
La quarta dose è obbligatoria?
La quarta dose di vaccino anti-Covid è importante per rafforzare l'immunità in vista della stagione invernale. Tuttavia, viene solo raccomandata e non c'è alcun obbligo per nessuno, neanche per gli operatori sanitari
Le politiche future per la disabilità, l’appello di FISH per la nuova legislatura
In un documento la FISH chiede politiche e servizi inclusivi, strumenti normativi ed interventi normativi adeguati, il tutto in linea con i principi valoriali della Convenzione Onu sui diritti per le persone con disabilità
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il caldo è arrivato! Ecco i suggerimenti di AIFA per conservare e utilizzare correttamente i medicinali

Con il caldo, prima della partenza per le vacanze, è bene osservare alcune semplici accortezze
Salute

Gioco patologico, in uno studio la strategia di “autoesclusione fisica”

Il Dipartimento di Scienze cliniche e Medicina traslazionale dell'Università Tor Vergata ha presentato una misura preventiva mirata a proteggere i giocatori a rischio di sviluppare problemi leg...
Advocacy e Associazioni

“Una Vita Senza Inverno”: conoscere l’Anemia emolitica autoimmune da anticorpi freddi attraverso il vissuto dei pazienti  

Nato da una iniziativa di Sanofi in collaborazione FB&Associati, e con il contributo di Cittadinanzattiva e UNIAMO, oltre alle storie dei pazienti racconta anche quelle dei loro caregiver, mettendo in...
Salute

Cervello, le emozioni lo ‘accendono’ come il tatto o il movimento. Lo studio

Dagli scienziati dell'università Bicocca di Milano la prima dimostrazione della 'natura corporea' dei sentimenti, i ricercatori: "Le emozioni attivano regioni corticali che tipicamente rispondo...