Salute 19 Marzo 2018 16:11

Disabilità, Pilati (CTO Alesini): «Le barriere architettoniche negli ospedali creano una frattura nel rapporto medico-paziente»

«La difficoltà di accesso all’ospedale non è un problema solo del paziente ma anche del medico» spiega il Direttore dell’Unità Spinale dell’Ospedale romano Andrea Alesini. «Si tratta innanzitutto di un problema culturale, istituzioni e politica lavorino per risolverlo» così Giuseppe Trieste, Presidente Fiaba Onlus

Strutture ospedaliere fuori dalla portata di disabile. È questa la denuncia della rete di associazioni che tutelano le persone vulnerabili per richiamare l’attenzione delle istituzioni. «È innegabile che il problema delle barriere architettoniche in ospedale indisponga il paziente con mobilità ridotta. Questo crea sin dall’inizio una frattura nel rapporto con il professionista sanitario» dichiara ai nostri microfoni Claudio Pilati, Direttore del reparto di Unità Spinale Unipolare dell’Ospedale CTO “Alesini” di Roma, intervenuto all’incontro sulla disabilità al Ministero della Salute ‘Rapporto tra medico e persona con lesione midollare’.

«La difficoltà di accesso all’ospedale non è un problema solo del paziente ma anche del medico e dell’operatore sanitario che dovranno cercare di colmare la difficoltà che la persona disabile incontrerà lungo il percorso – prosegue il dottor Pilati -. Questo crea un malessere nel paziente che si ripercuote inevitabilmente su chi lo prende in cura».

LEGGI ANCHE: LINGUAGGIO E DISABILITÀ, SPADARI (PRESIDENTE ODG LAZIO): «NECESSARIO SFORZO COMUNE PER COMBATTERE PREGIUDIZI»

La situazione descritta dal Dottor Pilati purtroppo coinvolge 2/3 degli ospedali italiani, una percentuale allarmante che dà la misura di quanto l’Italia sia, per molti aspetti, un Paese ostile per chi vive in una situazione di fragilità. «Quando una persona con disabilità si reca dal medico si crea, molto spesso, una situazione di ansia soprattutto da parte del professionista che, purtroppo, può succedere non sappia gestire la situazione». Poche ma incisive le parole di Giuseppe Trieste, Presidente di Fiaba Onlus, associazione senza scopo di lucro che da anni promuove l’eliminazione di tutte le barriere fisiche, culturali e psicologiche.

«Il problema è culturale – prosegue Triste -, basti pensare che nei bagni degli ospedali, come in altri ambienti aperti al pubblico, ci sono solo specchi ad altezza di persone normodotate. Chi si muove su una sedia a rotelle deve poter godere di una visibilità ampia e deve poter usufruire dei servizi igienici nel pieno delle possibilità. Dunque occorre che ci sia un dialogo fra le istituzioni per consentire alle persone disabili di vivere una vita normale. In questo senso è fondamentale anche la formazione del professionista sanitario».

«Occorre che medici e paramedici siano al passo con il cambiamento dei tempi – conclude il Presidente di Fiaba – e possano accogliere tutte le persone nella loro diversità perché deve essere la normalità poter godere tutti di una buona accoglienza quando ci si rivolge ad una struttura sanitaria».

 

Articoli correlati
Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»
«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Erich Grimaldi, Presidente del Comitato Cure Domiciliari Covid-19
Vaccino AstraZeneca raccomandato agli over 60: la circolare del Ministero della Salute
Locatelli (CSS): «Trombosi superiori all’aspettato fino ai 60 anni ma inferiori all’atteso negli over 60. Obiettivo è mettere in sicurezza le popolazioni con la letalità più alta»
Caregiver, FISH e FAND incontrano ministra Erika Stefani: «Presto tavolo tecnico per sbloccare Ddl fermo in Senato»
«Occorre agire oltre che a livello economico, soprattutto a livello previdenziale ed assistenziale, in modo da garantire ai caregiver, di accedere ad un percorso pensionistico agevolato» sottolineano i presidenti Vincenzo Falabella e Nazaro Pagano
“Sirio e i tetrabondi”, il racconto social di un percorso rivoluzionario verso l’autonomia e la felicità
Sirio è un bambino di 7 anni tetraplegico. La sua mamma, Valentina, da due anni ha deciso di condividere la quotidianità della sua famiglia, sconvolta da una disabilità gravissima, sui social con un racconto ironico e provocatorio. Ora sogna di istituire una Fondazione
di Isabella Faggiano
Sport e salute, così Special Olympics si prende cura degli atleti con disabilità intellettiva. E il Covid non ferma le attività di screening
L’associazione, fondata nel 1968 da Eunice Kennedy Shrive, conta in Italia 18mila atleti e 8mila volontari. Alla base non c’è l’agonismo ma una filosofia educativa. La responsabile Area Salute Alice Volpini: «Con gli screening online seguiamo l’atleta non solo nel suo percorso sportivo ma anche nel suo percorso di salute»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 14 maggio, sono 161.188.177 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.344.757 i decessi. Ad oggi, oltre 1,38 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Cause

Medico denuncia per diffamazione paziente che lo aveva portato in tribunale per lesioni personali. Risarcito

Donna denuncia penalmente dermatologo ma l’accusa cade. Il medico avvia a sua volta un iter processuale verso la paziente che lo aveva accusato pubblicamente. «Una sentenza che farà...