Salute 19 Marzo 2018 16:11

Disabilità, Pilati (CTO Alesini): «Le barriere architettoniche negli ospedali creano una frattura nel rapporto medico-paziente»

«La difficoltà di accesso all’ospedale non è un problema solo del paziente ma anche del medico» spiega il Direttore dell’Unità Spinale dell’Ospedale romano Andrea Alesini. «Si tratta innanzitutto di un problema culturale, istituzioni e politica lavorino per risolverlo» così Giuseppe Trieste, Presidente Fiaba Onlus

Strutture ospedaliere fuori dalla portata di disabile. È questa la denuncia della rete di associazioni che tutelano le persone vulnerabili per richiamare l’attenzione delle istituzioni. «È innegabile che il problema delle barriere architettoniche in ospedale indisponga il paziente con mobilità ridotta. Questo crea sin dall’inizio una frattura nel rapporto con il professionista sanitario» dichiara ai nostri microfoni Claudio Pilati, Direttore del reparto di Unità Spinale Unipolare dell’Ospedale CTO “Alesini” di Roma, intervenuto all’incontro sulla disabilità al Ministero della Salute ‘Rapporto tra medico e persona con lesione midollare’.

«La difficoltà di accesso all’ospedale non è un problema solo del paziente ma anche del medico e dell’operatore sanitario che dovranno cercare di colmare la difficoltà che la persona disabile incontrerà lungo il percorso – prosegue il dottor Pilati -. Questo crea un malessere nel paziente che si ripercuote inevitabilmente su chi lo prende in cura».

LEGGI ANCHE: LINGUAGGIO E DISABILITÀ, SPADARI (PRESIDENTE ODG LAZIO): «NECESSARIO SFORZO COMUNE PER COMBATTERE PREGIUDIZI»

La situazione descritta dal Dottor Pilati purtroppo coinvolge 2/3 degli ospedali italiani, una percentuale allarmante che dà la misura di quanto l’Italia sia, per molti aspetti, un Paese ostile per chi vive in una situazione di fragilità. «Quando una persona con disabilità si reca dal medico si crea, molto spesso, una situazione di ansia soprattutto da parte del professionista che, purtroppo, può succedere non sappia gestire la situazione». Poche ma incisive le parole di Giuseppe Trieste, Presidente di Fiaba Onlus, associazione senza scopo di lucro che da anni promuove l’eliminazione di tutte le barriere fisiche, culturali e psicologiche.

«Il problema è culturale – prosegue Triste -, basti pensare che nei bagni degli ospedali, come in altri ambienti aperti al pubblico, ci sono solo specchi ad altezza di persone normodotate. Chi si muove su una sedia a rotelle deve poter godere di una visibilità ampia e deve poter usufruire dei servizi igienici nel pieno delle possibilità. Dunque occorre che ci sia un dialogo fra le istituzioni per consentire alle persone disabili di vivere una vita normale. In questo senso è fondamentale anche la formazione del professionista sanitario».

«Occorre che medici e paramedici siano al passo con il cambiamento dei tempi – conclude il Presidente di Fiaba – e possano accogliere tutte le persone nella loro diversità perché deve essere la normalità poter godere tutti di una buona accoglienza quando ci si rivolge ad una struttura sanitaria».

 

Articoli correlati
Giornata disabilità, l’Italia verso la legge delega. Ecco cosa cambierà
Cutrera (FISH): «Con questa legge sarà possibile definire un progetto individuale di vita che dovrà, necessariamente, coinvolgere la persona disabile. Maggiore sarà l’autonomia garantita, minore sarà la necessità di assistenza»
Giornata della disabilità, FNO TSRM PSTRP: «Domiciliarità cure azione vincente a favore dei più fragili»
«Siamo convinti - spiega la Federazione delle professioni sanitarie TSRM PSTRP - che questi temi necessitino di continua attenzione da parte dei decisori politici e delle istituzioni con programmi di prevenzione su tutto il territorio per la popolazione di riferimento che potrebbero facilitare il benessere delle persone con disabilità»
Gli invalidi parziali che lavorano non avranno più diritto all’assegno di assistenza. L’appello: «Sanare stortura»
CoorDown e Uniamo a Governo e Parlamento: «Intervenire subito per restituire un segnale positivo a favore dell’occupabilità delle persone con disabilità». Il question time di Orlando
di Isabella Faggiano
Disabilità, D’Arrando (M5S): «Bene legge delega ma budget di salute e altri ddl proseguano iter»
«Accogliamo con favore l’approvazione da parte del Consiglio dei ministri del disegno di legge delega in materia di disabilità per riformare e riorganizzare la normativa in questo ambito. Si tratta di una delle riforme previste dal PNRR e ci auguriamo possa essere l’occasione giusta per venire incontro alle richieste di famiglie, associazioni e cittadini con […]
Assegni invalidità, Falabella (FISH): «Interpretazione INPS restrittiva, intervenga ministro Stefani»
«Ancora una volta si gettano nello sconforto le persone con disabilità e le loro famiglie, che sono state tra le più colpite in questi due anni di pandemia»: così il presidente della FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap) Vincenzo Falabella, di fronte al recente messaggio prodotto dall’INPS, che ha stabilito come, per avere diritto all’assegno per invalidi […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 3 dicembre, sono 264.261.428 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.235.680 i decessi. Ad oggi, oltre 8,08 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

«A Natale 25-30mila casi al giorno e 1000 decessi settimanali. Tutto dipenderà dal Governo». L’analisi del fisico Sestili

L’intervista al divulgatore scientifico Giorgio Sestili: «La curva continuerà a crescere di un 25-30% settimanale. Lo scenario drammatico in Austria e Germania si può ripropo...