Salute 10 Luglio 2017

Linguaggio e disabilità, Spadari (Presidente ODG Lazio): «Necessario sforzo comune per combattere pregiudizi»

Migliorare la realtà scegliendo le parole più idonee per descrivere il mondo. L’invito ai giornalisti: «Il linguaggio può denunciare una carenza o un errore di applicazione di un concetto importante. Spesso le parole sono sintomo di una malattia più generale»

«Le parole sono importanti!», urlava Nanni Moretti nel film “Palombella Rossa” ad una povera giornalista colpevole, a suo dire, di rivolgersi a lui con termini non adeguati alla situazione (un’intervista, ovviamente). Tanto più se ad usare un linguaggio non preciso e troppo convenzionale sono quelle persone che, come il personaggio di quel film (che si prende pure due schiaffoni), fa parte di quella cerchia di persone che delle parole ne hanno fatto una professione e, dunque, dovrebbero saperle usare in maniera più che appropriata. Purtroppo, però, non sempre è così, e spesso una parola sbagliata può generare errori di comprensione e pregiudizi evitabili. Ne è convinta Paola Spadari, Presidente dell’Ordine dei Giornalisti del Lazio intervistata in occasione della  presentazione della “Carta deontologica delle PRM (person with reduced mobility)” promossa dall’associazione FIABA ONLUS.

Presidente Spadari, quanto influiscono il linguaggio e le parole nel creare un pregiudizio che può diventare una condanna?

«Il linguaggio è fondamentale ed è il sintomo spesso di una malattia più generale. Quindi il linguaggio può denunciare una carenza oppure un errore di applicazione di un concetto importante. La disabilità attiene a una sfera importantissima della società che va tutelata nell’ambito dei diritti della persona e dei diritti umani. Noi dell’Ordine dei Giornalisti del Lazio abbiamo fatto uno sforzo proprio sul problema del linguaggio e nella lotta contro i pregiudizi. In particolare, abbiamo fatto un lavoro importante sugli stereotipi di genere. Su come tutto quello che viene enunciato nella narrazione, ad esempio, della sfera femminile, spesso nasconde un problema culturale, un problema che non è solo deontologico ma sociale. Il modo di raccontare la realtà e certi fenomeni così delicati è un sintomo importante ed è tra i cardini della nostra professione».

Quanto è importante, dal suo punto di vista, che realtà che rappresentano la comunicazione e il giornalismo diventino apripista, siano portabandiera del riconoscimento di queste caratteristiche, di questi elementi, per dare un’informazione corretta?

«L’informazione è un bene comune. Appartiene a tutti e non a qualcuno in particolare. Per questo, tutto ciò che contribuisce all’avanzamento del sociale, della percezione del sociale rispetto a certi temi e nel modo con cui si raccontano certe realtà particolari della nostra quotidianità giornalistica e della vita di tutti i giorni, ha una grande rilevanza. Anche le organizzazioni, incluse ovviamente quelle di settore, possono dare una grossa mano a fare avanzare questo processo».

Articoli correlati
Disabilità, parla il sottosegretario Zoccano: «Investire sulle abilità residue. Risorse ci sono, vanno ottimizzate»
Allo studio una collaborazione con l’Ordine degli psicologi per applicare il Sistema internazionale di classificazione della disabilità ICF: «È importante per dare dignità lavorativa e formativa alla persona. Al MEF chiedo sensibilità e collaborazione su tutta la filiera della non autosufficienza»
Giornata Mondiale Sclerosi Multipla. Eleonora racconta la sua voglia di vivere: «Io non sono la mia patologia»
Per l’edizione 2019, che quest’anno si celebra il 30 maggio in 70 paesi del mondo, lanciata la campagna #MyInvisibileMS per sensibilizzare sull’ invisibilità dei sintomi. Questa malattia è la prima causa di disabilità nei giovani dopo gli incidenti stradali: colpisce una persona ogni 3 ore
di Isabella Faggiano
Giornata malato oncologico, De Lorenzo (FAVO): «Spesa aggiuntiva per le famiglie di 40mila euro l’anno, cresce il disagio»
È quanto risulta dall’11esimo Rapporto della FAVO sulla condizione assistenziale dei malati oncologici presentato oggi in Senato. «Fino a 400-450 euro all'anno sono spesi in farmaci non coperti dal SSN» dichiara il presidente Francesco De Lorenzo ai nostri microfoni
Guarire dalla balbuzie si può: Chiara Comastri, psicologa ed ex balbuziente, ci spiega come agisce il metodo Psicodizione
Da balbuziente ad esperta di linguaggio: la psicologa Chiara Comastri si racconta a Sanità Informazione e rivela: «Con un approccio di tipo cognitivo comportamentale e un percorso preciso si possono ottenere ottimi risultati fino a risolvere completamente la balbuzie»
World Down Syndrome Day 2019, CoorDown Onlus lancia la campagna di comunicazione “Reasons to celebrate”
Andare a scuola, praticare uno sport, uscire con gli amici, trovare un lavoro, vivere in autonomia una volta diventati adulti. Una vita fatta di routine, che appare la più ordinaria per la maggioranza della popolazione, è un traguardo possibile, ma raggiungibile ancora da troppe poche persone con sindrome di Down. A partire dall’istruzione, sono ancora […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Formazione

«Numero chiuso non sarà abolito, ma dal 2021 il test sarà dopo il primo anno». Parla il relatore della riforma Manuel Tuzi (M5S)

Il deputato Cinque Stelle, medico specializzando, presenterà a breve il testo base della riforma che andrà in discussione a settembre a Montecitorio. Accesso al primo anno comune a diverse facoltà ...