Salute 20 giugno 2017

FIABA: da “handicap” a “menomazione”, le parole da non usare

Cento giornalisti alla Lumsa per una nuova deontologia sulle disabilità portata avanti dal Presidente Trieste e da molte redazioni tra cui Sanità Informazione. Spadari: «Mi farò carico di queste istanze presso il Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Giornalisti»

Modificare il linguaggio giornalistico all’insegna della parità e del diritto. Non scrivere più “handicap” e “menomazione”, abolire l’utilizzo della locuzione “costretto su una carrozzina”. FIABA chiama a raccolta i giornalisti per scrivere la “Carta deontologica delle PRM (person with reduced mobility)” che garantisca, nella comunicazione giornalistica, l’utilizzo di termini appropriati e corretti in riferimento alle fasce più deboli della popolazione.

«Il disabile è percepito come un soggetto completamente a parte dal resto della comunità – interviene Giuseppe Trieste, Presidente di FIABA in occasione della presentazione della Carta deontologica avvenuta di recente all’Università LUMSA di Roma -. Forse cambiando le parole possono cambiare alcune situazioni rimaste immodificate da decenni. Per esempio, le strutture ospedaliere non sono affatto pronte ad accogliere chi soffre di qualche disabilità – prosegue il Presidente -, ci sono evidenti ed estreme difficoltà proprio in una struttura che invece dovrebbe essere agibile soprattutto a chi ha vissuto un trauma o ha una malattia che gli impedisce una mobilità regolare. I fatti spesso sono frutto di parole: allora cominciamo proprio da qui, cambiando proprio le parole».

La proposta di FIABA ha ricevuto l’adesione di molte realtà, fra le quali disabili.com, Unitalsi, Comunità di Capodarco, Rete Sole, CESV, FNSI, ODG Abruzzo e Sanità Informazione.

«Abbiamo aderito con entusiasmo a questa carta per un modo diverso di comunicare – spiega Marco Blefari, Direttore Responsabile di Sanità Informazione -. Io ritengo che talvolta sfugga il concetto più importante, l’elemento alla base di tutto: siamo tutti delle persone. La difficoltà non è nelle persone, la difficoltà eventualmente è nell’accessibilità nei luoghi e nei contesti per le persone che hanno diverse esigenze. Questo vuole essere il messaggio che noi inviamo in qualità di comunicatori. Sanità Informazione ha prevalentemente lettori medici – conclude – e  anche per questo abbiamo aderito a questa carta perché riteniamo fondamentale che per primi i professionisti sanitari imparino ad utilizzare un corretto linguaggio e un approccio universale, uguale per tutti».

Nello specifico FIABA ha sottolineato la necessità di rivedere alcuni termini  e perifrasi come “costretto sulla sedia a rotelle” o espressioni come “menomato” o “handicappato” percepite come denigratorie. La parola handicap (originariamente la “zavorra di piombo che serviva a livellare la differenza di peso dei fantini nelle corse di cavalli”), che negli anni ’80 è stata accolta come innovativa e quasi “liberatoria”, attualmente è percepita come insulto (sondaggio rivista Focus, 2009). Inoltre, l’Organizzazione Mondiale della Sanità l’ha completamente cassata da ogni documento: l’Italia non ha ancora formalmente recepito la nuova classificazione delle disabilità che sostituisce la sequenza menomazione-disabilità-handicap con funzioni corporee-attività personale -partecipazione sociale.

A seguito del Seminario di formazione avvenuto ad aprile ad Avezzano (dove i presenti hanno votato favorevolmente alla proposta), FIABA aveva chiesto all’ODG Abruzzo di presentare le proprie istanze al CNoG (Consiglio Nazionale Ordine dei Giornalisti): il Testo Unico sia epurato dall’espressione “menomazione” e si apra un tavolo per la stesura di buone pratiche nella narrazione giornalistica sul tema della disabilità. Anche Paola Spadari, Presidente dell’OdG del Lazio, ha annunciato che si farà carico di queste richieste presso il CnoG.

Articoli correlati
Vodafone e Fondazione Santa Lucia IRCCS presentano il progetto “Sport per Tutti”
Fondazione Santa Lucia IRCCS e Fondazione Vodafone Italia presentano “Sport per Tutti”, progetto che mira a coinvolgere bambini e giovani con disabilità nella pratica sportiva. All’evento, in programma martedì 9 ottobre ore 10.30 al Centro Congressi dell’IRCCS Santa Lucia a Roma, interverranno anche Flavio Insinna, supporter della squadra di Basket in Carrozzina della ASD “Giovani […]
Assistenza ai disabili, Fiorda (Opi Roma): «Li accompagnamo verso autosufficienza. Ma servono percorsi formativi ad hoc»
«Non esiste una formazione specifica per l’infermiere che assiste il disabile, ma l’invecchiamento della popolazione e l’aumento delle disabilità richiedono un implemento delle specialistiche post-laurea. Prevedere l’infermiere per le persone con disabilità anche nelle scuole». Parla Maurizio Fiorda, consigliere dell’Opi di Roma
di Isabella Faggiano
Conferenza Regioni, via libera al riparto di 110,1 miliardi del fondo sanitario. Borse MMG aumentano di 800 unità
Assegnati 75 milioni del Fondo disabili alle Regioni a statuto ordinario. Saitta (Coordinatore Commissione Salute): «Gli specializzandi dell’ultimo anno operino immediatamente nell’ambito del sistema sanitario. L'auspicio è che il Governo riallinei il Fondo sanitario a livelli pari a quelli di altri Paesi europei e che soprattutto termini la stagione dei tagli»
Disabilità, parla il Ministro Fontana: «Redigeremo Codice. Borse di studio e pensione anticipata per caregiver»
Tra gli obiettivi quello di potenziare e rendere più fruibile l’assistenza sanitaria domiciliare, favorire l’inclusione scolastica e universitaria. «Il governo deve avere al centro queste persone perché penso che essere loro vicini sia un segno di civiltà», afferma il titolare della Famiglia
Malattie Rare, presentato il IV Rapporto MonitoRare: focus su Nuovi LEA, SNE, Registri e Rappresentanza Europea dei pazienti
È stato presentato nella Sala del Refettorio della Camera dei Deputati MonitoRare, il IV Rapporto sulla condizione delle persone con Malattia Rara in Italia. Nato quattro anni fa dall’intuizione che una sfida così impegnativa al Sistema Sanitario Nazionale come le Malattie Rare non poteva neppure essere affrontata senza uno strumento per misurare e valutare l’entità dei problemi, […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Salute

Pensioni, i contributi vanno in prescrizione? Cavallero (Cosmed): «Controllate estratto conto Inps»

Tra i temi affrontati alla Giornata della previdenza anche la contribuzione ridotta della quota B («Si può comunicare anche dopo il 30 settembre»), le prospettive di riforma della Legge Fornero ed ...