Salute 16 marzo 2018

Disabilità, 2/3 degli ospedali italiani non sono accessibili: puntare su formazione ECM

Giuseppe Trieste, Presidente di Fiaba Onlus, insieme a Consulcesi, lancia l’appello al Ministero della Salute:  «Adeguare gli ospedali per le prassi di presa in cura e per il modo di comunicare con i pazienti, implementando i corsi di aggiornamento per operatori sanitari»

 

Una persona con disabilità in ospedale rischia di essere disabile due volte: secondo i dati dell’Indagine conoscitiva sui percorsi ospedalieri delle persone con disabilità, 2 strutture sanitarie su 3 sono impreparate all’accoglienza di questi pazienti, non prevedendo percorsi accessibili e spazi di assistenza adeguati. Le persone con disabilità, quando si trovano all’interno delle strutture ospedaliere, hanno le esigenze di tutti: potersi muovere e orientare, comprendere quello che si fa su di loro e con loro.  

LEGGI ANCHE: ELEZIONI, LA DISABILITÀ AL CENTRO DELL’IMPEGNO DI ZOCCANO (M5S): «AIUTIAMO I MEDICI AD AVERE STUDI SENZA BARRIERE ARCHITETTONICHE»

«Ciò che occorre adeguare non sono solo i nostri ospedali, ma anche le prassi di presa in cura e il modo di comunicare con i pazienti. È imprescindibile implementare corsi di formazione per operatori sanitari riguardo la disabilità e le problematiche ad essa legate». È l’appello lanciato da Giuseppe Trieste, Presidente di Fiaba Onlus, organizzazione senza scopo di lucro che promuove l’eliminazione di tutte le barriere fisiche, culturali, psicologiche e sensoriali, direttamente dal Ministero della Salute durante il convegno sulla disabilità dal titolo: “Rapporto tra medico e persona con lesione midollare. Conoscere per garantire le risposte più adeguate ed il miglior accesso alle cure”.

Il convegno, organizzato con il supporto del Gruppo Consulcesi, realtà leader in ambito sanitario, in partnership con il provider ECM 2506 Sanità in-Formazione, è patrocinato dall’Ordine Nazionale dei Giornalisti, dal Ministero del Lavoro delle Politiche Sociali, dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri e dal Ministero della Salute.

Le barriere per le persone con disabilità, infatti, non sono solo quelle architettoniche: serve un nuovo paradigma culturale che coinvolga la formazione medico-sanitaria e l’informazione. Fiaba Onlus, insieme a Consulcesi e al provider ECM 2506 Sanità in-Formazione, chiama in causa anche il mondo dell’informazione, affinché si diffonda l’adesione alla Carta Deontologica delle PRM (person with reduce mobility) proposta da Fiaba all’Ordine Nazionale dei Giornalisti e ai professionisti della comunicazione per parlare correttamente di disabilità, evitando termini come “costretto sulla sedia a rotelle”, “menomato” o “handicappato”.

Il dibattito, moderato da Marco Blefari, Direttore Responsabile di “Sanità Informazione”, testata che ha aderito alla Carta Deontologica di Fiaba, è arricchito dalle testimonianze di medici ed esperti del settore. Il professor Francesco Maria Manozzi, Coordinatore del Comitato Scientifico del provider ECM 2506 Sanità in-Formazione, responsabile dei corsi di formazione sulla disabilità on line gratuitamente sul sito www.corsi-ecm-fad.it e Presidente Fiaba Sport, commenta: «Questo evento formativo ben interpreta l’attenzione e il rispetto che da qualche anno il nostro Paese mostra nei confronti della disabilità. Una società a misura delle persone con disabilità, obiettivo peraltro da sempre di Fiaba, è una società migliore per tutti».

«Oggi sono gli stessi medici a proporre un nuovo approccio culturale – conclude Alessandra Zucchiatti, Responsabile Formazione del Provider ECM 2506 Sanità in-Formazione – e a sensibilizzare gli operatori del settore. La persona con disabilità ha diritto a tutte le cure, e il nostro Sistema Sanitario Nazionale deve eliminare ogni possibile ostacolo presente nei luoghi che sono deputati alla cura e all’assistenza».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Il Provider deve richiedere a tutti i relatori l’autocertificazione sul conflitto d’interessi indipendentemente dalla presenza dell’eventuale conflitto?
Il Provider deve richiedere a tutti i relatori l’autocertificazione sul conflitto d’interessi indipendentemente dalla presenza dell’eventuale conflitto? Il Provider deve acquisire la dichiarazione dei rapporti, degli ultimi due anni, di relatori/moderatori/formatori con soggetti portatori d’interessi commerciali in campo sanitario. I docenti, i moderatori, i formatori devono dichiarare eventuali rapporti con aziende con interessi commerciali in […]
L’Azienda che invita dei partecipanti ad un evento ECM cosa deve trasmettere al Provider?
Ai sensi della Determina del 18.01.2011 “Reclutamento dei partecipanti” l’Azienda che invita professionisti sanitari a frequentare un determinato evento formativo, con spese a carico dell’azienda stessa, deve fornire al Provider l’elenco con i nomi dei partecipanti invitati all’evento formativo.
Vodafone e Fondazione Santa Lucia IRCCS presentano il progetto “Sport per Tutti”
Fondazione Santa Lucia IRCCS e Fondazione Vodafone Italia presentano “Sport per Tutti”, progetto che mira a coinvolgere bambini e giovani con disabilità nella pratica sportiva. All’evento, in programma martedì 9 ottobre ore 10.30 al Centro Congressi dell’IRCCS Santa Lucia a Roma, interverranno anche Flavio Insinna, supporter della squadra di Basket in Carrozzina della ASD “Giovani […]
Le Aziende sanitarie possono erogare eventi FAD?
Le Aziende sanitarie possono erogare eventi FAD a condizione che siano rispettati i requisiti di tracciabilità e di completa esclusione dei professionisti che non operano sul territorio dell’Ente accreditante. Se l’accesso è consentito a tutti i professionisti indipendentemente dalla loro sede operativa, deve essere fatta richiesta di accreditamento dell’evento FAD alla CNFC (cfr.: Regolamento applicativo […]
ECM, Bovenga (CoGeAPS): «I medici non conoscono le regole del gioco, occorre ‘aggiornarsi sull’aggiornamento’»
«La prima regola è conoscere le regole del gioco». L’intervista a tutto campo al presidente nazionale del Consorzio Gestione Anagrafica delle Professioni Sanitarie
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila