Salute 19 Giugno 2018

Tumori, Amadori (AIL): «Immunoterapia e Car-T stanno rivoluzionando la cura di leucemie, linfomi e mielomi»

«Nuove cure che colpiscono in maniera selettiva le cellule tumorali risparmiando le cellule normali, un altro orizzonte rispetto alla chemioterapia» così Sergio Amadori, Presidente dell’Associazione italiana contro le leucemie

Immagine articolo

Nel 2017 in Italia sono stati diagnosticati complessivamente 31.700 nuovi casi di tumori ematologici. L’immunoterapia e la CAR-T (Chimeric Antigen Receptor T-cell) sono le speranze concrete per la cura di queste malattie che potrebbero in un prossimo futuro sostituire le cure tradizionali. L’argomento è stato al centro della presentazione, oggi a Roma, della 13° Giornata nazionale contro leucemie, linfomi e mieloma che sarà celebrata il 21 giugno.

«Le nuove prospettive terapiche rappresentano un importante passo in avanti considerando che, fino a pochi anni fa, l’unico metodo di cura era la chemioterapia, con significativi effetti collaterali» dichiara ai nostri microfoni Sergio Amadori, Presidente Nazionale AIL e Professore Onorario di Ematologia dell’Università di Roma Tor Vergata. «La ricerca sulle malattie tumorali del sangue ha fatto dei progressi straordinari negli ultimi 20 anni. Le possibilità di controllare la malattia stanno crescendo continuamente, la sopravvivenza dei pazienti si allunga in maniera significativa e la proporzione di quelli che guariscono sta incrementandosi in maniera continuativa».

LEGGI ANCHE: LEUCEMIA INFANTILE, TRA LE CAUSE ANCHE LA MANCATA ESPOSIZIONE AI MICROBI. LA RICERCA PUBBLICATA SU NATURE

«Oggi – prosegue il Presidente – possono essere utilizzati farmaci innovativi in particolare quelli cosiddetti ‘intelligenti’ cioè capaci di colpire in maniera selettiva le cellule tumorali risparmiando le cellule normali, cosa che invece tipicamente non fa la chemioterapia tradizionale. Ecco queste terapie intelligenti utilizzate in combinazione con la chemioterapia, hanno consentito di ottenere risultati veramente straordinari».

Altra frontiera in via di sviluppo è l’immunoterapia, quella soluzione curativa che tratta il cancro come fosse un’infezione scatenandogli contro il sistema immunitario. «Tra le varie possibilità terapeutiche che si sono presentate nell’ultimo decennio – aggiunge Amadori -, l’applicazione di terapie immunoterapiche sta producendo risultati molto eclatanti. Credo che tutti hanno sentito parlare recentemente delle famose cellule CAR-T: linfociti del paziente affetto da tumore che, prelevate e ingegnerizzate in laboratorio, vengono armate di tutto punto per combattere il tumore dall’interno. Queste CAR-T hanno ottenuto la remissione in oltre l’80% dei pazienti, una remissione duratura nel tempo che ha dato vita a potenziali guarigioni».

«Ritengo che questa soluzione diventerà una delle colonne portanti di tutto il trattamento dei tumori del sangue – conclude – e siamo molto fiduciosi che, con l’aiuto dei nostri ricercatori e di AIL, questo orizzonte di successo possa diventare sempre più prossimo».

LEGGI ANCHE: TERAPIA GENICA, IL CASO DI SUCCESSO DEL BAMBINO GESÙ. QUINTARELLI (OPBG): «POTREBBE ESSERE IL FUTURO ANCHE PER LE MALATTIE AUTOIMMUNI»

Articoli correlati
AIL incontra il ministro Grillo: «Garantire accesso tempestivo alle cure CAR-T»
In occasione dei 50 anni dalla sua fondazione l’Associazione Italiana contro Leucemie, linfomi e mieloma ha presentato la sua attività di supporto ai pazienti ematologici in tutta Italia e affrontato le prospettive future nella cura dei tumori del sangue
Maratona Patto per la salute, le richieste di Ail: equità nell’accesso alle cure e garantire accessibilità ai farmaci
L'associazione italiana contro le leucemie, i linfomi e il mieloma ha presentato al ministro Grillo le sue proposte su equità nell’accesso alle cure, mobilità sanitaria e governance farmaceutica nel corso delle tre giornate di ascolto e confronto dedicate ai protagonisti del servizio sanitario nazionale
Lotta alle Leucemie, la giornata nazionale celebra la ricerca scientifica: «Sviluppati farmaci innovativi»
A parlare è il presidente nazionale Ail, Sergio Amadori: «L’obiettivo di tutti noi è quello di riuscire a guarire tutti i tumori del sangue». Durante la giornata sarà attivo il numero verde per entrare in contatto con illustri ematologi italiani
21 giugno 2019: Giornata Nazionale per la lotta contro leucemie, linfomi e mieloma
La parola Leucemia oggi fa meno paura. Grazie alle nuove terapie su misura è possibile selezionare la cura più adatta alle caratteristiche del paziente e della sua malattia, e grazie alla ricerca le leucemie acute, le mielodisplasie e molti tumori del sangue sono malattie sempre più curabili. È all’insegna della speranza per i pazienti e […]
Tumori del sangue, AIL e Leukemia insieme per ricerca e sostegno al paziente. Amadori (AIL): «Nessuno deve restare solo»
AIL (Associazione italiana contro leucemie, linfomi e mieloma), in occasione dei suoi 50 anni, rilancia insieme a Leukemia, meeting annuale sulle leucemie, la battaglia contro i tumori del sangue
di Lucia Oggianu
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone