Salute 19 giugno 2018

Tumori, Amadori (AIL): «Immunoterapia e Car-T stanno rivoluzionando la cura di leucemie, linfomi e mielomi»

«Nuove cure che colpiscono in maniera selettiva le cellule tumorali risparmiando le cellule normali, un altro orizzonte rispetto alla chemioterapia» così Sergio Amadori, Presidente dell’Associazione italiana contro le leucemie

Immagine articolo

Nel 2017 in Italia sono stati diagnosticati complessivamente 31.700 nuovi casi di tumori ematologici. L’immunoterapia e la CAR-T (Chimeric Antigen Receptor T-cell) sono le speranze concrete per la cura di queste malattie che potrebbero in un prossimo futuro sostituire le cure tradizionali. L’argomento è stato al centro della presentazione, oggi a Roma, della 13° Giornata nazionale contro leucemie, linfomi e mieloma che sarà celebrata il 21 giugno.

«Le nuove prospettive terapiche rappresentano un importante passo in avanti considerando che, fino a pochi anni fa, l’unico metodo di cura era la chemioterapia, con significativi effetti collaterali» dichiara ai nostri microfoni Sergio Amadori, Presidente Nazionale AIL e Professore Onorario di Ematologia dell’Università di Roma Tor Vergata. «La ricerca sulle malattie tumorali del sangue ha fatto dei progressi straordinari negli ultimi 20 anni. Le possibilità di controllare la malattia stanno crescendo continuamente, la sopravvivenza dei pazienti si allunga in maniera significativa e la proporzione di quelli che guariscono sta incrementandosi in maniera continuativa».

LEGGI ANCHE: LEUCEMIA INFANTILE, TRA LE CAUSE ANCHE LA MANCATA ESPOSIZIONE AI MICROBI. LA RICERCA PUBBLICATA SU NATURE

«Oggi – prosegue il Presidente – possono essere utilizzati farmaci innovativi in particolare quelli cosiddetti ‘intelligenti’ cioè capaci di colpire in maniera selettiva le cellule tumorali risparmiando le cellule normali, cosa che invece tipicamente non fa la chemioterapia tradizionale. Ecco queste terapie intelligenti utilizzate in combinazione con la chemioterapia, hanno consentito di ottenere risultati veramente straordinari».

Altra frontiera in via di sviluppo è l’immunoterapia, quella soluzione curativa che tratta il cancro come fosse un’infezione scatenandogli contro il sistema immunitario. «Tra le varie possibilità terapeutiche che si sono presentate nell’ultimo decennio – aggiunge Amadori -, l’applicazione di terapie immunoterapiche sta producendo risultati molto eclatanti. Credo che tutti hanno sentito parlare recentemente delle famose cellule CAR-T: linfociti del paziente affetto da tumore che, prelevate e ingegnerizzate in laboratorio, vengono armate di tutto punto per combattere il tumore dall’interno. Queste CAR-T hanno ottenuto la remissione in oltre l’80% dei pazienti, una remissione duratura nel tempo che ha dato vita a potenziali guarigioni».

«Ritengo che questa soluzione diventerà una delle colonne portanti di tutto il trattamento dei tumori del sangue – conclude – e siamo molto fiduciosi che, con l’aiuto dei nostri ricercatori e di AIL, questo orizzonte di successo possa diventare sempre più prossimo».

LEGGI ANCHE: TERAPIA GENICA, IL CASO DI SUCCESSO DEL BAMBINO GESÙ. QUINTARELLI (OPBG): «POTREBBE ESSERE IL FUTURO ANCHE PER LE MALATTIE AUTOIMMUNI»

Articoli correlati
Malata di leucemia, tutta la classe si vaccina per farla tornare a scuola
Il ministro dell’Istruzione Marco Bussetti si è detto fiero dei bambini della scuola di Faenza (Ravenna) dove una classe di quarta elementare si è vaccinata contro l’influenza per permettere a una compagna malata di leucemia di poter tornare a scuola sicura. «Voglio ringraziarli, insieme ai loro genitori e ai loro insegnanti, per la sensibilità e la prontezza che […]
Perugia, arriva il riconoscimento mondiale per il medico anti-leucemia Brunangelo Falini
Il professor Brunangelo Falini, Ordinario di Ematologia dell’Università degli Studi di Perugia e Direttore della Struttura complessa di Ematologia e Trapianto di Midollo Osseo dell’Azienda Ospedaliera di Perugia, ha ricevuto la “Henry Stratton Medal”, uno dei premi più prestigiosi al mondo nel campo delle malattie ematologiche. E’ il primo ricercatore italiano e che che lavora […]
Ail, per l’Immacolata tornano le stelle di natale della ricerca
Il 7-8-9 dicembre 2018 torna l’iniziativa dell’Ail (Associazione Italiana contro le leucemie-linfomi e mieloma onlus) posta sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica. In 4800 piazze italiane, migliaia di volontari offriranno una piantina natalizia a chi verserà un contributo minimo associativo di 12 euro. I fondi raccolti saranno impiegati per: finanziare la Ricerca potenziare il servizio di Assistenza Domiciliare per adulti […]
“Emergenza cancro”. Miani (Sima): «In Italia in aumento i tumori infantili. Inquinamento e stili di vita non corretti i maggiori fattori di rischio»
«Continuano a crescere i casi di leucemie, linfomi, cancro della mammella, dell’oro-faringe e dei polmoni. Nelle zone d’Italia più inquinate, in solo dieci anni, queste patologie sono aumentate fino al 90%». Alessandro Miani, presidente Sima, lancia l’allarme in occasione del convegno “Emergenza cancro-Fattori ambientali modificabili e stili di vita non corretti”
di Isabella Faggiano
Leucemia, oggi la Giornata Nazionale. Vignetti (AIL): «Il ruolo del pediatra è fondamentale per garantire diagnosi precoce»
«La ricerca fa passi da gigante e sta mettendo a punto terapie mirate sulla lesione genetica responsabile» così il Vicepresidente nazionale dell'Associazione Italiana contro le Leucemie
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano