Mondo 22 Maggio 2018

Leucemia infantile, tra le cause anche la mancata esposizione ai microbi. La ricerca pubblicata su Nature

Il Professor Greaves, autore dello studio: «L’incidenza della leucemia linfoblastica acuta infantile è maggiore nei Paesi sviluppati, non a causa di onde elettromagnetiche o agenti chimici, ma degli stili di vita contemporanei. Senza microbi, il sistema immunitario non impara a gestire le minacce». E aggiunge: «Genitori, siate meno schizzinosi»

Immagine articolo

La leucemia linfoblastica acuta (LLA) infantile potrebbe essere causata dall’assenza di “contatto” con microbi nei primi anni di vita del bambino. È quanto dimostrato dal Professor Mel Greaves dell’Istituto per la ricerca sul cancro britannico, in uno studio pubblicato su Nature Reviews Cancer. La malattia potrebbe quindi essere una «paradossale conseguenza del progresso delle società moderne, i cui cambiamenti comportamentali hanno limitato l’esposizione ai microbi», come ha scritto Graves nell’abstract della ricerca. E soprattutto, la LLA potrebbe diventare una malattia prevenibile.

Il Professor Greaves in 30 anni ha raccolto numerose prove per dimostrare la sua tesi. È noto che questo tipo di leucemia sia più diffuso in società avanzate e benestanti, fatto che suggeriva come lo stile di vita condotto nei Paesi più ricchi del mondo fosse tra le cause della leucemia infantile. Molti l’hanno quindi collegata alle onde elettromagnetiche, agli agenti chimici o alla presenza massiccia di cavi elettrici nei Paesi sviluppati.

Invece, il Professor Greaves, collaborando con ricercatori provenienti da tutto il mondo, ha individuato tre fasi dello sviluppo della malattia: la prima consiste in una imprevedibile mutazione genetica che avviene nel feto quando è ancora nell’utero della mamma; poi, la mancata esposizione ai microbi nel primo anno di vita del bambino impedisce al sistema immunitario di imparare a reagire correttamente in caso di minacce di questo tipo; infine, lo sviluppo di un’infezione in età infantile può causare un malfunzionamento del sistema immunitario e, quindi, la leucemia.

Come riportato dalla BBC, il Professore ha dichiarato: «I risultati della ricerca suggeriscono che la leucemia linfoblastica acuta possa avere una chiara causa biologica, facilitata da una serie di infezioni che si sviluppano in bambini predisposti, con sistemi immunitari non adeguatamente pronti».

Ovviamente, si tiene a precisare, lo studio non intende addossare la colpa ai genitori per essere stati troppo igienici e puliti. Senza creare allarmi, il Professore suggerisce però ai genitori di essere «meno schizzinosi» e di «incoraggiare i propri figli ad avere contatti e relazioni sociali con altri bambini».

Tra i dati emersi, infatti, risulta che la leucemia infantile è meno frequente nei bambini che hanno frequentato l’asilo nido o hanno fratelli maggiori, che li espone a batteri. Per lo stesso motivo, i bimbi nati con parto naturale sono avvantaggiati rispetto a quelli nati con il cesareo, con cui si trasferiscono meno microbi. Importante, poi, l’allattamento al seno, che consente il contatto con batteri “buoni”, proteggendo il bambino contro la leucemia. Infine, è stato osservato come gli animali allevati in assenza totale di microbi avessero sviluppato la leucemia dopo un’infezione.

La soluzione però non è essere semplicemente più sporchi; venire a contatto con i batteri buoni non è infatti così facile. Per il Professor Greaves, la soluzione migliore, anche se ancora da certificare, consisterebbe in un “cocktail di batteri”, una sorta di yoghurt, che potrebbe aiutare il loro sistema immunitario. Una soluzione che, tuttavia, se può ridurre il rischio, non può ancora rappresentare un’arma per prevenire in modo definitivo la leucemia infantile.

LEGGI ANCHE: LEUCEMIA, BAMBINO GESÙ: LA TERAPIA GENICA GUARISCE UN PICCOLO PAZIENTE 

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Real World Evidence e Covid, Trifirò (farmacologo): «Con studi sul “mondo reale” dati per decisioni certe»
«In una situazione di emergenza sanitaria i trial clinici non forniscono risultati in tempi ragionevoli. Gli studi osservazionali, basati su dati di Real Evidence, sono più veloci e, se condotti da professionisti esperti, molto attendibili»
di Isabella Faggiano
Crioablazione, e il tumore muore… di freddo. Come funziona l’innovativa tecnica mini-invasiva
Il professor Enrico Ragone dell'ospedale Monaldi di Napoli: «Scelta preferibile per quei pazienti che è sconsigliabile sottoporre ad anestesia generale o su cui è impossibile intervenire con la chirurgia tradizionale»
Frodi scientifiche, Enrico Bucci (Temple University): «Tra lo 0,5% e il 20% degli articoli ha ‘problemi’»
Nel libro “Cattivi Scienziati” il ricercatore di Biologia di Sistemi Complessi spiega il fenomeno delle frodi scientifiche amplificato dal Covid: «Il tempo da dedicare alla revisione dei singoli articoli è polverizzato dall'ammontare di manoscritti che arrivano»
Pazienti oncologici, dopo il lockdown le diagnosi di cancro sono più gravi
Iniziano ad arrivare le prime conseguenze del ritardo diagnostico causato dalla sospensione di visite e screening. De Lorenzo (Favo): «Per la prima volta dopo quasi 30 anni, rischiamo aumento morti di cancro». Crisanti sui positivi per mesi: «Forse virus nella mucosa»
Dl Rilancio, Bologna (Misto): «Avviato percorso per uscire da crisi con SSN più efficiente»
«È stato approvato anche un mio ordine del giorno con cui si impegna il governo a valutare l’opportunità di formulare linee di indirizzo sui requisiti strutturali, sul sistema di finanziamento e sull’offerta di servizi delle Rsa» sottolinea Fabiola Bologna del Gruppo Misto
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...