Salute 24 ottobre 2017

Medicina e tecnologia, un binomio indivisibile ma «attenzione alla privacy e al dialogo col paziente»

Il punto della situazione al convegno “Etica, deontologia e tecnologie nella formazione dei professionisti sanitari” tenutosi il 19 e 20 Ottobre a Napoli. Roberta Chersevani, presidente FNOMCeO: «Viaggiamo con risorse limitate ma il progresso tecnologico fa passi da gigante»

Parterre de roi a Napoli nei giorni scorsi dove, in occasione della Giornata Mondiale della Bioetica, si è tenuto il convegno “Etica, deontologia e tecnologie nella formazione dei professionisti sanitari” organizzato dall’Università Federico II e patrocinato, tra gli altri, dalla FNOMCeO e dall’UNESCO.

Dal confronto tra le voci autorevoli presenti al congresso è emersa la necessità di integrare le nuove tecnologie in medicina con una sempre maggiore personalizzazione delle cure, data dall’imprescindibile rapporto di dialogo e fiducia tra medico e paziente. Ed è proprio la Roberta Chersevani, Presidente della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e Odontoiatri a tracciare il primo punto all’ordine del giorno: «I temi della bioetica debbono permeare tutta la nostra attività, ed è rassicurante sapere che sono proprio i giovani a manifestare un interesse crescente verso la materia. Il nostro caposaldo  – prosegue – è il Codice di Deontologia Medica, il quale già nella sua ultima versione del 2014 rilevava i profondi cambiamenti in atto nella nostra professione: il diverso contesto in cui si trova ad operare il medico, che deve oggi tener conto anche di aspetti organizzativi e gestionali; il modo diverso di considerare la salute – non più solo assenza di patologia ma ‘benessere’ – e non ultima la crescente diffusione delle medicine non convenzionali. Viaggiamo con risorse paurosamente limitate – conclude Chersevani – mentre il progresso avanza senza sosta».

Ma in che misura sono oggi i pazienti stessi ad avvalersi delle nuove tecnologie? Un po’ di dati ce li fornisce l’oncologo prof. Alberto Scanni, primario emerito al Fatebenefratelli Oftalmico di Milano: «Consideriamo innanzitutto che, su Google, una ricerca su venti riguarda la salute. Detto questo, sono i laureati ad affidarsi maggiormente a internet per informazioni sulla salute rispetto a chi ha la licenza elementare, rispettivamente il 75% e il 24%». Chi non ha proseguito gli studi, insomma, preferisce affidarsi all’ esperto vis a vis . Ma non è tutto. Secondo una ricerca effettuata dall’Osservatorio Innovazione in sanità del Politecnico di Milano «il 76% degli utenti del web non sa distinguere informazioni di valore dalle bufale: ciò significa che il medico avrà anche l’onere di smentire un’autodiagnosi errata. Eppure – conclude il professor Scanni – non solo il rapporto medico paziente in senso generico, ma la visita personale, che permette di vedere e toccare il paziente, all’interno di una relazione di ascolto e comprensione, resta fondamentale. Perché è lì che il fattore personale diventa fattore professionale».

E anche in ambito odontoiatrico la tecnologia fa passi da gigante, come conferma il prof. Alberto Laino (Università Federico II di Napoli): «Oggigiorno i calchi dentali si fanno solo tramite scannerizzazione dell’arcata dentale. Questo, oltre ad arrecare meno disturbo al paziente, garantisce una maggiore velocità nella preparazione di protesi e apparecchi, il che si traduce a sua volta in una riduzione dei costi e aumentata competitività». E il nuovo assistente alla poltrona che caratteristiche avrà? «Un giovane smanettone del PC – afferma Laino – che elabori tutti i dati il più velocemente possibile».

Articoli correlati
ECM, il Presidente FNOMCeO Anelli: «Ordini sollecitino iscritti su formazione. Verifica dei crediti del triennio 2014-2016 comincerà dal 2019»
Il Presidente della Federazione degli Ordini dei Medici, in una nota, ribadisce che «l’aggiornamento professionale resta un dovere di ogni medico» e annuncia le prossime scadenze in materia
Dalla FNOMCeO alla FIMMG, coro di ‘auguri’ dal mondo della Sanità al Ministro Grillo. E su Facebook i militanti chiedono la fine dell’obbligo vaccinale
L’esponente del Movimento Cinque Stelle è il 36esimo inquilino di Lungotevere Ripa. Tanti i dossier sul tavolo: dal contratto alle aggressioni ai medici. Il virologo Burioni: «È doveroso giudicare il nuovo Ministro sui fatti e non in base a un pregiudizio»
Privacy, tutte le novità del GDPR per medici e ospedali spiegate dal Direttore FNOMCeO De Pascale
Dalla nomina del Data Protection Officer alla valutazione del rischio, ecco cosa fare per adeguarsi alla nuova normativa sul trattamento dei dati personali che entrerà in vigore il prossimo 25 maggio
“Una bufala ci seppellirà?”: la campagna FNOMCeO contro le fake news sulla salute
Al via l'iniziativa della Federazione per combattere fake news in tema salute. Il Presidente Filippo Anelli: «La salute la curano i medici, sempre a disposizione dei cittadini per rispondere a tutti i bisogni»
Omeopatia, Fnomceo: «Non è scienza, nessuna patologia migliora». La replica: «È atto medico»
Un botta e risposta fra la Federazione Nazionale degli Ordini dei medici e la comunità omeopatica sulla validità del metodo complementare. Oggetto della disputa una scheda pubblicata sul portale 'Dottore ma è vero che?' che prende le distanze dalla prassi terapeutica non convenzionale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

È Giulia Grillo il nuovo Ministro della Salute: ecco come la pensa su vaccini, liste d’attesa e intramoenia

Il medico, nato a Catania il 30 maggio di 43 anni fa, è stata indicata per il dicastero della Salute del Governo Conte. Spesso presente in prima linea alle iniziative sindacali unitarie dei medici, t...
Politica

Corruzione in sanità, Sileri (M5S): «Toglie risorse a pazienti, combatterla sarà priorità del governo Conte»

«La lotta alla corruzione fa parte del contratto di governo. Io come medico vivo la corruzione in sanità che mangia gran parte del fabbisogno destinato ad i pazienti» così il chirurgo e senatore d...
Salute

Contratto medici, Quici (CIMO): «Aran ci propone copia e incolla del comparto sanità. Ma noi non firmeremo testi peggiorativi»

Il Presidente del sindacato si dice ‘arrabbiato’ per l’andamento delle trattative sul rinnovo contrattuale. E spiega: «Lo Stato ha incluso le risorse nel Fondo sanitario nazionale mentre le reg...