Salute 24 marzo 2014

Malattie rare,  dal governo un impegno concreto

Approvata alla Camera la mozione unitaria che impone all’esecutivo nuove misure in favore dei pazienti.

Immagine articolo

Le malattie sono rare, ma noi siamo tanti”. Questo lo slogan e insieme il grido d’aiuto che le associazioni di pazienti hanno lanciato alle istituzioni italiane affinché venga posta maggior cura nel trattare, a livello legislativo, i bisogni e le esigenze dei pazienti affetti dalle cosiddette patologie a bassa incidenza.

E il Parlamento  a questo grido ha risposto. Dopo aver ritirato le otto proposte presentate sul tema in favore di una mozione unitaria, la Camera ha approvato, all’unanimità con 358 voti favorevoli, il nuovo testo che impegna il governo su più punti. Innanzitutto, questo sarà tenuto a verificare il livello assistenziale fornito dal Ssn nei confronti delle persone affette da malattie rare. In secondo luogo, per favorire un utilizzo mirato delle risorse pubbliche, dovrà essere fatta chiarezza sul reale numero di pazienti affetti, coordinando e promuovendo i registri delle patologie di rilevante interesse sanitario. Ancora, viene richiesto di procedere costantemente all’aggiornamento delle patologie da classificare come “malattie rare”, di istituire il Comitato nazionale ad hoc presso il Ministero della Salute, e di valutare misure di defiscalizzazione per la ricerca sui farmaci orfani. A questo va aggiunto l’impegno nella promozione di screening neonatali a tappeto che sarebbero in grado, individuando precocemente decine di malattie ereditarie, di evitare gravissimi stati di invalidità permanente.

Due milioni in Italia, tra cui moltissimi bambini, e una casistica che oscilla tra le 5.000 e le 8.000 forme di patologie rare ufficialmente riconosciute dall’Unione europea. L’80% di queste sono genetiche, mentre  il restante 20%, di origine acquisita, comprende forme tumorali rare, malattie autoimmuni e altre patologie di natura tossica o infettiva. Questi sono i numeri. E i fatti dicono che, nonostante la crescente attenzione e le linee d’indirizzo sul tema da parte dell’Ue – che pure hanno dato vita ad iniziative legislative e campagne di sensibilizzazione anche nel nostro Paese (come l’istituzione della Giornata delle Malattie Rare) – il fenomeno è sempre rimasto relegato in sordina nel mare magnum delle problematiche di cui il Sistema sanitario deve farsi carico.

Resta il fatto che l’articolo 32 della nostra Costituzione, nel garantire il diritto alla salute, non lascia spazio a discriminazioni di sorta, né permette distinzioni operate in base a meri dati statistici o a criteri economici.
Una goccia nell’oceano? Forse. Ma la mozione approvata è un piccolo grande passo che potrebbe rappresentare la pietra miliare di quel percorso di uguaglianza sociale che ogni ordinamento persegue e che passa anche, e soprattutto, dalla tutela della salute.

Articoli correlati
Distrofia facio-scapolo-omerale, oggi è la giornata mondiale. De Poli (UDC): «La ricerca sulle malattie rare va defiscalizzata»
In Senato un incontro promosso dall'Intergruppo parlamentare delle malattie rare per lanciare un appello per dare un futuro alle persone che convivono con questa patologia, che colpisce una persona ogni 20mila nati vivi
Malattie rare, Bruno Dallapiccola (Bambino Gesù): «Analisi genomiche sono il futuro. Finalmente risposte concrete»
«Con i test genetici le patologie ereditarie possono essere diagnosticate prima della nascita» l’intervista al genetista di fama mondiale e Direttore scientifico dell’Ospedale della Santa Sede
Sanità, le sfide di Paola Boldrini (PD): «Medicina di genere e malattie rare tra le priorità. Ministro Grillo difenda salute pubblica»
La senatrice democratica annuncia una proposta di legge sulla fibromialgia. E si dice pronta ad un’opposizione costruttiva sui temi sanitari: «Quando c’è un problema da risolvere si devono superare anche i colori politici»
Giornata della Sclerosi Tuberosa, il testimonial è Giovanni Caccamo: «Malattie rare hanno bisogno di voce»
#Insiemesiamomusica è l’iniziativa di sensibilizzazione sulla sclerosi tuberosa. Testimonial d’eccezione dello spot su youtube il pupillo del Maestro Battiato, Giovanni Caccamo: «Inseriamo la musicoterapia all’interno dei percorsi assistenziali e terapeutici; la musica ti conduce altrove e concede un momento di armonia»
I sei passi degli oculisti G.O.A.L. per far luce sulle malattie rare dell’occhio
Danilo Mazzacane, Segretario del Consiglio direttivo del Gruppo Oculisti Ambulatoriali Liberi, lancia una guida per diffondere anche tra gli oculisti la “rare disease awareness”, ovvero la consapevolezza di essere di fronte ai sintomi di una malattia rara
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

È Giulia Grillo il nuovo Ministro della Salute: ecco come la pensa su vaccini, liste d’attesa e intramoenia

Il medico, nato a Catania il 30 maggio di 43 anni fa, è stata indicata per il dicastero della Salute del Governo Conte. Spesso presente in prima linea alle iniziative sindacali unitarie dei medici, t...
Politica

Corruzione in sanità, Sileri (M5S): «Toglie risorse a pazienti, combatterla sarà priorità del governo Conte»

«La lotta alla corruzione fa parte del contratto di governo. Io come medico vivo la corruzione in sanità che mangia gran parte del fabbisogno destinato ad i pazienti» così il chirurgo e senatore d...
Salute

Contratto medici, Quici (CIMO): «Aran ci propone copia e incolla del comparto sanità. Ma noi non firmeremo testi peggiorativi»

Il Presidente del sindacato si dice ‘arrabbiato’ per l’andamento delle trattative sul rinnovo contrattuale. E spiega: «Lo Stato ha incluso le risorse nel Fondo sanitario nazionale mentre le reg...