Salute 12 luglio 2018

L’ex Ministro della Salute Livia Turco: «Politica sanitaria non sia decisa dal MEF. Ora aggredire povertà e diseguaglianze»

L’esponente Pd consiglia poi a Giulia Grillo: «Si ricordi che non c’è sanità senza politiche sociali». E ringrazia i medici che hanno continuato ad assistere i migranti irregolari

La sanità e l’economia devono viaggiare su binari separati ma paralleli; la salute e le politiche sociali devono viaggiare sullo stesso vagone. È questa l’immagine che potremmo utilizzare se volessimo riassumere in poche parole il pensiero che Livia Turco, Ministro della Salute dal 2006 al 2008, ha espresso ai nostri microfoni in occasione del Congresso Anaao, dove si è confrontata su questi ed altri temi con gli altri ex Ministri della Salute, da De Lorenzo a Lorenzin.

LEGGI ANCHE: ROSY BINDI, MADRE DELL’INTRAMOENIA, RICORDA: «E’ NATA PER ABBATTERE LE LISTE D’ATTESA, MA E’ STATA GESTITA DA APPRENDISTI STREGONI»

Ma è il passaggio in cui ringrazia a gran voce i medici che hanno continuato ad assistere i migranti irregolari nonostante il quarto Governo Berlusconi avesse cancellato la norma che prevedeva «l’assistenza sanitaria alle persone in quanto tali» che strappa più applausi dalla platea: «Grazie ai medici per non aver voluto essere spie e per aver aiutato il legislatore a ripristinare quella norma, di cui oggi dovremmo essere orgogliosi».

Onorevole, da ex Ministro della Salute quali sono i consigli che si sente di dare all’attuale Ministro Giulia Grillo?

«Le consiglierei di investire molto nella sanità pubblica e di ricordare che è fondamentale che il Ministero della Salute stia alla salute, e non all’economia. Lo dico perché quando io ero Ministro e al dicastero dell’Economia c’era Tommaso Padoa Schioppa avemmo grandi discussioni, ma alla fine si rese conto che bisognava investire nella sanità e che la parola efficienza albergasse anche al Ministero della Salute. E questo è un punto decisivo: la politica della salute e la sua sostenibilità deve essere condivisa dal Ministero dell’Economia, ma non deve essere decisa da quest’ultimo. E poi sicuramente aggredirei di petto il tema della povertà e delle diseguaglianze nella salute, sapendo che sono legate ai cosiddetti determinanti, quindi alle condizioni di lavoro e di vita. Sarebbe utile arrivare insieme ad un piano intersettoriale per la salute, traducendo in modo concreto l’azione sui determinanti della salute, decidendo quindi cosa fare nella scuola, nei trasporti o nelle relazioni familiari perché ci sia promozione di benessere. Inoltre è necessario fare una legge sui servizi sociali, perché non c’è sanità senza politiche sociali: le famiglie hanno bisogno di una rete di servizi sociali che stanno sparendo e sono diseguali sul territorio nazionale».

LEGGI ANCHE: SANITÀ, L’EX MINISTRO DE LORENZO: «REGIONALISMO HA CREATO DISEGUAGLIANZE. OCCORRE INTERVENIRE CON POTERI SOSTITUTIVI»

Nel suo intervento ha ringraziato i medici per aver continuato a curare anche gli immigrati senza permesso di soggiorno…

«Ringrazierò sempre i medici per non aver voluto essere spie. Grazie per aver aiutato il legislatore a ripristinare quella norma che prevede che l’assistenza sanitaria si riconosce alla persona in quanto tale, soprattutto quando è gravemente malata, spesso si tratta di donne in gravidanza e di bambini. È una norma che avevamo inserito 20 anni fa nella prima legge quadro sull’immigrazione, la legge 40 del 1998; poi fu cancellata dal governo Berlusconi – Maroni. Grazie ai medici, perché in modo corale, al di là dell’appartenenza politica, dissero “noi non faremo mai le spie, noi curiamo le persone”. E grazie alla loro mobilitazione quella norma fu ripristinata ed è qualcosa di cui oggi dovremmo essere molto orgogliosi, perché prima di tutto esiste la dignità delle persone».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Vaccini, Siani (Pd): «Autocertificazione sia transitoria. Manteniamo obbligo per due anni e poi proviamo a convincere le famiglie»
Il deputato democratico, pediatra, sottolinea: «Norma non può servire ad aggirare obbligatorietà. Fa intendere ai cittadini che sia scelta politica invece non è così»
Lazio, inaugurato ad Ardea l’ambulatorio aperto nei weekend e festivi
L’’Assessore regionale alla Sanità e Integrazione socio-sanitaria, Alessio D’Amato, il Direttore generale della Asl Roma 6, Narciso Mostarda ed il Sindaco di Ardea, Mario Savarese, hanno inaugurato il nuovo Ambulatorio di Ardea (via dei Tassi, Tor San Lorenzo) che entra a far parte della rete regionale degli “Ambufest” gli ambulatori aperti nel weekend e nei […]
Napoli, all’ospedale Santobono iniettato un monitor cardiaco
Il cuore dei bambini monitorato con una siringa sotto cute. L’intervento di eccellenza è avvenuto all’ospedale Santobono di Napoli, dove qualche giorno fa un bambino è stato ricoverato dopo aver avuto una sincope dovuta ad un’improvvisa alterazione del ritmo cardiaco. Per questo motivo, come riporta Repubblica, l’equipe del dottor Paladini ha provveduto ad iniettare sotto pelle […]
Giulia Grillo: «Franco Mandelli lascia un vuoto incolmabile»
«La scomparsa del professor Franco Mandelli lascia un vuoto incolmabile nel mondo della medicina e della ricerca italiana. La sua vita interamente dedicata con sacrificio e passione alle malattie del sangue e alla solidarietà, è stata e resta la testimonianza di un uomo che ha dato un contributo ineguagliabile alla sanità italiana, e non solo, […]
“Qualità di vita nelle città”, al via l’intergruppo. Pella-Sbrollini: «Sport e prevenzione entrino nei LEA. Al lavoro sul welfare urbano»
Circa duecento le adesioni in Parlamento, tra cui quella del Ministro Giulia Grillo. Tra gli obiettivi assicurare un alto livello di alfabetizzazione e di accessibilità all’informazione sanitaria, incoraggiare stili di vita sani nei luoghi di lavoro, ampliare e migliorare l’accesso alle pratiche sportive e motorie per tutti i cittadini
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Dal corso MMG a Montecitorio, la storia di Rosa Menga (M5S): «Noi medici di famiglia portavoce dei pazienti in Parlamento»

È uno dei più giovani parlamentari della XVIII Legislatura e frequenta il corso di formazione in medicina generale: «Serve una visione meno ospedalocentrica dell’assistenza sanitaria. Telemedina ...
Diritto

Consenso informato, l’avvocato Pittella: «Per medico meno responsabilità civile o penale»

«I giudici in caso di contenzioso chiedono al paziente se è stato correttamente informato. Ma come si fa a saperlo? Un video, un audio, un consenso scritto in presenza dei testimoni? Questo è quell...
Salute

Stop alla Cannabis Light? Ma l’Italia punta su quella terapeutica

Efficace nel trattamento di un grande numero di patologie, la cannabis terapeutica si sta ritagliando un ruolo fondamentale nel mondo sanitario. Negli ultimi anni la domanda è impennata ma l’obiett...