Salute 3 febbraio 2015

Nuovi LEA, il debutto della fecondazione eterologa e delle tecnologie avanzate

Altri 470 milioni sul piatto per garantire i servizi sanitari essenziali

Immagine articolo

Attesa la pronuncia della Conferenza Stato Regioni sulla proposta del ministro Lorenzin per definire i nuovi LEA.

Per garantire ai cittadini italiani una serie di nuove prestazioni – in aggiunta a quelle già esistenti – a carico del Servizio sanitario nazionale o dietro pagamento del ticket, sono stati messi sul piatto altri 470 milioni di euro.

Il nuovo che avanza – Tanti i servizi che fanno il loro ingresso tra i LEA, a discapito di alcune prestazioni ormai ritenute superate e che verranno quindi cancellate. Tra i nuovi arrivati la procreazione medicalmente assistita (Pma) di tipo omologo ed eterologo. Se per alcune Regioni anche l’applicazione della prima è stata finora un tabù, da adesso in poi dovranno avere dei centri pubblici adibiti alla procedura. Restando nell’ambito della natalità, anche l’analgesia epidurale somministrata durante il parto, altra prestazione non sempre disponibile negli ospedali italiani, da oggi invece dovrà essere offerta alle donne che la richiedono. Occhio di riguardo alle nuove tecnologie, alleate sempre più fondamentali nei servizi sanitari. Rientreranno infatti nei Livelli essenziali di assistenza gli Ict, cioè i computer che permettono la comunicazione a chi è affetto da gravi disabilità, come la Sla, ma anche dispositivi come apparecchi acustici digitali, kit di motorizzazione per carrozzine e carrelli servoscala.

Si introdurranno invece dei requisiti di erogabilità per alcune prestazioni diagnostiche e terapeutiche che saranno assicurate dal servizio pubblico solo in presenza di determinate condizioni. Per molte prestazioni, dette condizioni dovranno essere rispettate dai medici che prescrivono (alle Asl il compito di controllare che i medici seguano le indicazioni), mentre altre prestazioni viaggeranno in coppia e saranno “reflex”: la seconda si farà solo se la prima ha un determinato esito. Tra i neo-esenti entrano i donatori d’organo, mentre sempre dal Ministero arriva la proposta di esenzione per alcune nuove patologie (tra cui l’endometriosi e la sindrome da Talidomide) e per circa 110 malattie rare. Malattie rare dal cui novero escono la celiachia e la sindrome di Down: da oggi, saranno classificate come croniche.

Articoli correlati
Turismo sanitario, perché scegliere di farsi curare all’estero?
Il turismo sanitario è un fenomeno dai numeri sempre più grandi. In tutto il mondo, sono dagli 11 ai 14 milioni le persone che ogni anno scelgono di farsi curare in un Paese diverso dal proprio, dando vita ad un giro di affari di 100 miliardi di dollari. E queste cifre continuano a crescere ad […]
Posizione “a culla” o “a rugby”? Ecco come si allatta un figlio in totale sicurezza
L’osteopata Tiziana Galeotti spiega ai nostri microfoni quali sono le posizioni e gli accorgimenti che ogni mamma deve avere quando allatta suo figlio. «Mai piegarsi ma avvicinare il piccolo al seno». Il dito in bocca? Da evitare: «Modifica la cavità orale…»
Staminali: Futura SA al passo con la ricerca allargando gli orizzonti
Il Consigliere d'Amministrazione Massimo Miraglia: “Il mercato internazionale della crioconservazione rappresenta una grandissima opportunità”
Arriva Holoclar, il primo farmaco a base di staminali. Ed è made in Italy
Ok dalla Commissione europea per il prodotto che cura le lesioni della cornea
Fecondazione eterologa: finalmente il ticket, ma la Lombardia si chiama fuori
E la presidente della Commissione Igiene e Sanità, Emilia Grazia De Biasi, presenta un disegno di legge
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Ex specializzandi, emendamento al Bilancio. Aiello (Ap): «Sbloccare transazione entro fine anno»

«Se andasse a buon fine la questione ex specializzandi si potrebbe sbloccare il turnover e finanziare le scuole di specializzazione» così il Senatore nell’intervista esclusiva a Sanità Informazi...
Salute

Fabrizio Frizzi: «Sulla salute non si scherza, ecco perché voglio medici aggiornati e voglio sapere tutto…»

Il popolare conduttore ai microfoni di Sanità Informazione parla del suo rapporto con la salute ed i camici bianchi: «Non sono ipocondriaco, ma sto attento ai segnali». Il racconto di quando donò ...
Lavoro

Cumulo contributivo, la carica dei 130mila. Oliveti: «Siamo pronti ma non è giusto che sia l’Inps a pagare i medici…»

«Il cumulo è diritto di civiltà, ma l’Enpam già prevedeva totalizzazione interna gratuita». A Sanità Informazione, il commento del Presidente della Cassa previdenziale dei medici Alberto Olive...