OMCeO, Enti e Territori 17 Dicembre 2018

Fecondazione eterologa, le donne italiane non donano gli ovuli

«Le donne italiane non donano i propri ovuli come invece accade in altre nazioni. In Italia le donne non hanno la mentalità della donazione. E’ un problema culturale. Quindi l’eterologa qui da noi viene eseguita con ovociti presi all’estero. Ma in Italia abbiamo la miglior tecnologia in termini di riproduzione». Lo afferma Claudio Giorlandino, ginecologo, Direttore […]

«Le donne italiane non donano i propri ovuli come invece accade in altre nazioni. In Italia le donne non hanno la mentalità della donazione. E’ un problema culturale. Quindi l’eterologa qui da noi viene eseguita con ovociti presi all’estero. Ma in Italia abbiamo la miglior tecnologia in termini di riproduzione». Lo afferma Claudio Giorlandino, ginecologo, Direttore Generale dell’Italian College of Fetal Maternal Medicine.

I più recenti dati europei pongono l’Italia tra le nazioni con una migliore tecnologia nell’ambito della medicina della riproduzione. Gli stessi indicatori mostrano come, per quanto riguarda il successo in termini di gravidanze evolutive, l’Italia si pone attualmente ai primi posti. «Questo probabilmente in conseguenza dell’enorme sforzo tecnologico e scientifico posto dai nostri medici e biologi allorché erano presenti i limiti legislativi relativi alla legge 40. Questa legge, infatti, imponeva un grosso freno alle tecniche di procreazione e i clinici italiani hanno sviluppato metodologie d’avanguardia ed esperienze particolarmente raffinate per dare la felicità ad una coppia che non poteva avere figli naturalmente» aggiunge l’esperto.

Dalla rimozione dei limiti della legge 40, avvenuta oramai da quasi 10 anni, le coppie desiderose di un figlio non si rivolgono più ad altre nazioni ma rimangono qui in Italia sempre più numerose, perché la possibilità di avere una gravidanza è addirittura superiore a quella sulla quale si può contare all’estero. «Rimangono però in Italia alcune problematiche e la maggiore è quella legata alla gravidanza con donazione di gameti. Si tratta della cosiddetta gravidanza eterologa, quella dove essenzialmente la donna, non possedendo più un patrimonio ovocitario, deve rivolgersi alla banca dei gameti – spiega Giorlandino – . In Italia è infatti difficile ottenere ovociti perché non è presente la mentalità della donazione che invece in altre nazioni risulta oramai consolidata. Ma da noi la possibilità, attualmente molto utilizzata, di rifornirci di ovociti da altri partner europei, ha permesso di ottenere gravidanze senza più difficoltà».

Secondo il ginecologo «la grande rivoluzione che in Italia si sta maturando è quella relativa alla fusione, sempre più stretta, tra genetica e riproduzione. Questi due aspetti dell’inizio della vita umana, pur essendo due facce della stessa medaglia, erano in passato tenuti distinti ma, adesso, con l’evolversi delle metodologie di ordine genetico, si tende ad esplorare con attenzione il patrimonio relativo al DNA dei soggetti che si rivolgono ai centri italiani. Ovviamente centri di maggior riferimento presentano la genetica al loro interno. Altri, meno dotati di tecnologia, sono costretti a prendere le varie ‘celluline’ dell’embrione ed a correre per la città, o per la Nazione, fino a lì dove possono trovare qualche centro di genetica che possa eseguire gli esami del caso».

«È intuitivo che le strutture che associano genetica e riproduzione sono le più performanti. Per questo si cerca, oggi, di favorire queste strutture e di implementare le ricerche genetiche preconcezionali in modo da evitare le cosiddette brutte sorprese. È per questo che le coppie dovrebbero chiedere, al momento in cui si rivolgono ad un centro di fertilità, se è presente, all’interno del centro stesso un laboratorio di genetica di alta tecnologia, e se questo sia in grado di eseguire in loco gli esami necessari per garantire la salute dell’embrione», conclude l’esperto.

Articoli correlati
Ricerca, porte aperte al Mario Negri di Milano. Mosconi: «Più fondi pubblici per la ricerca indipendente»
L’Istituto milanese ha ospitato sette scuole lo scorso week end e spiegato ai ragazzi le attività dell’Istituto. In tutto oltre 600 persone. «Abbiamo riscontrato grande interesse per le malattie neurologiche e oncologiche» sottolinea Paola Mosconi, Laboratorio di ricerca per il coinvolgimento dei cittadini in sanità
di Federica Bosco
Formazione ECM, Petrella (SIC): «L’aggiornamento professionale è un dovere e un bene per noi e per i pazienti»
«La formazione professionale deve essere continua, i progressi in medicina sono quotidiani e bisogna essere sempre informati. Io, alla mia età, ancora oggi mi aggiorno, è un dovere soprattutto per noi chirurghi» così il Professor Petrella, che dal Congresso SIC ha lanciato i risultati di una ricerca dell’Università Tor Vergata: «Il 60% degli specializzandi vuole lavorare all'estero e l'80% è preoccupato per i contenziosi. Occorre un piano “su misura” per dare risposte ai giovani professionisti e suturare questa emorragia»
di Cesare Buquicchio
Al concerto del cuore la coppia Max Pezzali-Arisa: «Check up e controlli regolari per stare tranquilli»
I due cantanti all'evento benefico della fondazione Gruppo San Donato per porre l'attenzione sull'importanza della ricerca sulle malattie cardiovascolari. Pezzali: «Non sono ipocondriaco, ma...». Arisa: «Ho cura della mia salute grazie ad Eros Ramazzotti»
di Federica Bosco
La storia del ‘top scientist’ italiano Giuseppe Mancia: «Ecco come sono arrivato in vetta alla classifica dei ricercatori italiani»
Secondo la graduatoria stilata dalla rivista Plos Biology lo studioso della Bicocca è al 246° posto su 100mila. Premiati i suoi studi su circolazione sanguigna e ipertensione: «Fondamentale investire nella ricerca, in Italia poche possibilità di lavoro in questo ambito»
di Federica Bosco
Nanomedicina di precisione, Decuzzi (IIT): «Si apriranno nuove frontiere di cura per tumori al cervello, autismo e ictus»
«Una piattaforma impiantata all’interno del cervello per rilasciare farmaci antitumorali, nanoparticelle capaci di rimodulare le cellule malate che causano disturbi del neurosviluppo, come l’autismo». Paolo Decuzzi, direttore del Laboratorio di Nanomedicina di precisione Istituto italiano di tecnologia (IIT) di Genova, parla delle sue ultime sperimentazioni
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Cause

Ex specializzandi, Di Amato: «Scorrette le sentenze contrarie basate su prescrizione»

Dal convegno organizzato dall’università Luiss Guido Carli e Sanità Informazione, le ultime novità in tema di inadempimento del diritto UE da parte dell’Italia in ambito sanitario. Parlano i pr...
Salute

Super batterio New Delhi, nuova vittima in Toscana. Rezza (ISS): «Colonizza l’intestino, fondamentale rispettare prassi igienico-ospedaliere»

L’epidemia si sta allargando nella Regione. «Tra novembre 2018 e agosto 2019 è stato isolato nel sangue di 75 pazienti. Letale nel 40% dei pazienti con sepsi» specifica l’Ars Toscana. Rezza (Is...
Università

Test medicina 2019, l’attesa è finita. La graduatoria è online

Il Miur ha pubblicato la graduatoria ufficiale nominativa nazionale e di merito che stabilisce chi ha superato la prova d’accesso ed è riuscito ad accedere alla Facoltà di Medicina. Per i tanti ch...