Salute 14 febbraio 2018

La blockchain cambierà la sanità? Scotti (Link Campus): «Tecnologia applicabile su più fronti, fondamentale seguirne l’evoluzione»

«Tracciabilità cartelle sanitarie, condivisione nel pieno rispetto della privacy, minori costi e maggiore efficienza: questa è la rivoluzione tecnologica» interviene il professor Vincenzo Vespri Ordinario in matematica e informatica dell’Università di Firenze

Immagine articolo

La blockchain può essere determinante anche nel settore sanitario? Il sistema che archivia dati in registri crittografatici e che sfrutta la rete peer-to-peer può rendere più sicura l’attività di raccolta e tracciamento d’informazioni cliniche? Se sì, in che modo? «Il database per esempio faciliterebbe la condivisione delle informazioni personali sensibili, con personale medico autorizzato» spiega il Professor Vincenzo Vespri, Ordinario del Dipartimento di Matematica e Informatica presso l’Università di Firenze, nel corso dell’incontro ‘Blockchain, presente e futuro’ organizzato alla Link Campus University.

«Questa pratica consente grandissimi vantaggi e lascia immaginare una società non centralizzata, non ci sarà più un ‘terzo’ a fare da intermediario tra medico e paziente, questo comporterà una riduzione di costi, maggiore efficienza, quindi una grossa rivoluzione tecnologica» prosegue il Professore.

«Per intenderci, faccio un esempio più comprensibile in termini sanitari: il professionista attraverso il sistema crittografico potrà fruire più facilmente e in maniera più funzionale e sicura delle cartelle cliniche. Stiamo andando incontro ad una trasformazione decisiva non solo del sistema sanitario ma del mondo intero».

«Fare i conti con l’impresa virtuale e con il cambiamento tecnologico apre un dibattito che mostra quanto siamo lontani dal discutere di problemi di sovranità – interviene Vincenzo Scotti, Presidente dell’Università Studi Link Campus University –. La nostra università ha sempre messo al centro il tema del virtuale e dell’impresa virtuale. Oggi a livello internazionale sta crescendo l’interesse in questa direzione anche a causa della debolezza degli Stati, della scomparsa di grandi aspetti della sovranità che abbiamo conosciuto in passato. Le nuove tecnologie sono applicabili su più fronti, bisogna seguirne l’evoluzione».

Articoli correlati
Blockchain nel Terzo settore, Vella (AIFA): «Trasparenza e fiducia per le donazioni, utile anche per i bilanci delle multinazionali»
La nuova tecnologia ‘a blocchi' protetta da sistemi crittografati garantisce una sicurezza persuasiva per i donatori. Stefano Vella, Presidente dell'Agenzia del Farmaco: «La rivoluzione è monitorare i fondi dalle mani dei benefattori a quelle dei beneficiari»
Blockchain, Massimo D’Alema: «Sistema digitale sicuro e certificato che consente un gran risparmio di procedure, costi e registrazione»
L’ex premier a margine della presentazione del libro "Cripto-svelate": «La Blockchain è ancora guardata con sospetto perché intacca certe posizioni di potere, ma finirà per imporsi». Vincenzo Scotti (Presidente Link Campus University): «Vogliamo formare giovani in modo che possano avere una visione sistemica del “cambiamento”»
Blockchain, il libro “Cripto-svelate” spiega la rivoluzione che coinvolgerà anche la sanità
ICO, hash, mining, token, Smart Contracts: termini ancora poco conosciuti che preannunciano un cambiamento epocale. Andrea e Massimo Tortorella, imprenditori forti dei loro successi in Italia e all’estero nel settore sanitario e non solo, presentano la guida per comprendere il futuro che è già davanti a noi
Blockchain in Italia,  Mauro Cervini (economic strategist): «Per il campo sanitario un grande abbattimento dei costi»
«Impossibile un ritorno al passato: in futuro gli asset cambieranno ma da questa rivoluzione non si torna più indietro», così l’esperto nel settore Business Banking e Global Asset Management
AIOP Giovani, Michele Nicchio è il nuovo Presidente: «Tecnologie e formazione per vincere la sfida della sanità del futuro»
Succede a Lorenzo Miraglia. Guiderà l’associazione fino al 2021. «Vogliamo cambiare la cultura sanitaria in Italia, far capire che non è un costo ma un investimento per l’economia, per le nostre imprese ma soprattutto per il benessere dei pazienti e dei cittadini italiani», ha detto ai microfoni di Sanità Informazione
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Dal corso MMG a Montecitorio, la storia di Rosa Menga (M5S): «Noi medici di famiglia portavoce dei pazienti in Parlamento»

È uno dei più giovani parlamentari della XVIII Legislatura e frequenta il corso di formazione in medicina generale: «Serve una visione meno ospedalocentrica dell’assistenza sanitaria. Telemedina ...
Diritto

Consenso informato, l’avvocato Pittella: «Per medico meno responsabilità civile o penale»

«I giudici in caso di contenzioso chiedono al paziente se è stato correttamente informato. Ma come si fa a saperlo? Un video, un audio, un consenso scritto in presenza dei testimoni? Questo è quell...
Formazione

Numero chiuso, 800 posti in più a Medicina. Gaudio (Sapienza): «Necessari per far fronte a carenza medici»

Saranno 9779 gli aspiranti camici bianchi che potranno immatricolarsi in autunno. Comunicate anche le date dei test: si inizia il 4 settembre con Medicina e Odontoiatria, il 5 con Veterinaria, il 12 s...