Salute 14 febbraio 2018

La blockchain cambierà la sanità? Scotti (Link Campus): «Tecnologia applicabile su più fronti, fondamentale seguirne l’evoluzione»

«Tracciabilità cartelle sanitarie, condivisione nel pieno rispetto della privacy, minori costi e maggiore efficienza: questa è la rivoluzione tecnologica» interviene il professor Vincenzo Vespri Ordinario in matematica e informatica dell’Università di Firenze

Immagine articolo

La blockchain può essere determinante anche nel settore sanitario? Il sistema che archivia dati in registri crittografatici e che sfrutta la rete peer-to-peer può rendere più sicura l’attività di raccolta e tracciamento d’informazioni cliniche? Se sì, in che modo? «Il database per esempio faciliterebbe la condivisione delle informazioni personali sensibili, con personale medico autorizzato» spiega il Professor Vincenzo Vespri, Ordinario del Dipartimento di Matematica e Informatica presso l’Università di Firenze, nel corso dell’incontro ‘Blockchain, presente e futuro’ organizzato alla Link Campus University.

«Questa pratica consente grandissimi vantaggi e lascia immaginare una società non centralizzata, non ci sarà più un ‘terzo’ a fare da intermediario tra medico e paziente, questo comporterà una riduzione di costi, maggiore efficienza, quindi una grossa rivoluzione tecnologica» prosegue il Professore.

«Per intenderci, faccio un esempio più comprensibile in termini sanitari: il professionista attraverso il sistema crittografico potrà fruire più facilmente e in maniera più funzionale e sicura delle cartelle cliniche. Stiamo andando incontro ad una trasformazione decisiva non solo del sistema sanitario ma del mondo intero».

«Fare i conti con l’impresa virtuale e con il cambiamento tecnologico apre un dibattito che mostra quanto siamo lontani dal discutere di problemi di sovranità – interviene Vincenzo Scotti, Presidente dell’Università Studi Link Campus University –. La nostra università ha sempre messo al centro il tema del virtuale e dell’impresa virtuale. Oggi a livello internazionale sta crescendo l’interesse in questa direzione anche a causa della debolezza degli Stati, della scomparsa di grandi aspetti della sovranità che abbiamo conosciuto in passato. Le nuove tecnologie sono applicabili su più fronti, bisogna seguirne l’evoluzione».

Articoli correlati
Sanità digitale, Carabetta (M5S): «Politica in ritardo su blockchain, può essere decisiva in tutela dati sanitari»
Criptovalute, pubblica amministrazione e voto elettronico, le mille applicazioni di questa nuova tecnologia: per il giovane deputato Cinque Stelle è importante investire nelle nuove tecnologie: «Noi M5S siamo ben consci di queste opportunità. Mi auguro che anche le altre forze politiche si allineino e inizino anche loro a promuovere delle cose che sono per il bene comune»
Mirko De Maldè (COO Lynkeus): «Come proteggere i nostri dati sanitari? Con la blockchain»
L’intervista all'esperto a margine di un evento di Wired: «Questa tecnologia consentirà a medici e pazienti di tracciare le informazioni personali per migliorare diagnosi, cure e terapie»
«Innovazione per la vita», a Milano l’evento di Wired Health. Ferrazza: «Tecnologie digitali sempre più dentro il mondo della sanità»
La giornata di incontri si svolge giovedì 15 marzo al BASE. Tra gli ospiti il chirurgo inglese Shafi Ahmed, che nelle operazioni utilizza la realtà virtuale. Il direttore della rivista specializzata in innovazione sottolinea: «Le tecnologie non rimpiazzeranno i medici. Piuttosto verranno rimpiazzati quei medici che non sapranno usare le tecnologie»
Blockchain e Bitcoin, Wired: «Soluzione per migliorare la sanità»
La “Bibbia dell'innovazione” elenca tutti i campi in cui la tecnologia che sta alla base delle criptomonete avrà un effetto positivo in ambito sanitario. Ecco quali sono…
Privacy, cartella clinica e aderenza terapeutica. Ecco come Blockchain (e Bitcoin) cambieranno la sanità
Le criptomonete e la tecnologia che sta alla loro base stanno rivoluzionando il mondo, trasformando internet in un sistema più sicuro e a prova di hacker. Ecco come questa evoluzione può migliorare la vita a operatori sanitari e pazienti
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«Sono un medico e non provo emozioni». Ecco cos’è il burnout

«È tardi. Arriva la mia ultima paziente. Dai suoi esami emergono cattive notizie. Il tumore è cresciuto. So come comportarmi in questi casi. Parlo piano, utilizzo le parole “giuste”. Lei crolla...
Lavoro

Ex specializzandi 1993-2006: «Riconosciuto diritto ad incremento triennale»

L’avvocato Marco Tortorella, uno dei massimi esperti della materia, spiega cosa cambia con le ultime sentenze del Tribunale di Roma: «La rivalutazione era prevista dalla normativa ma non era mai st...
Lavoro

Silvestro (Past President FNOPI): «Copiamo i medici e introduciamo infermieri di famiglia e infermieri specialisti»

L’ex Senatrice PD descrive la figura dell’infermiere di famiglia elencandone ruoli e benefici e auspica il riconoscimento delle specializzazioni infermieristiche