Salute 1 agosto 2017

Intervista Lorenzin: «Investire in formazione e informazione. Vinceremo battaglia insieme a pediatri e medici di base»

Il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin parla in occasione dell’approvazione alla Camera della nuova Legge sull’obbligo vaccinale

«Sono molto soddisfatta dell’esito del Decreto». Il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin commenta così, subito dopo la votazione finale della Camera dei Deputati, la conversione in Legge del Decreto vaccini, fortemente voluto dal Ministro nel tentativo di riportare a percentuali più sicure per la salute pubblica le coperture vaccinali. «È come se avessimo usato uno scudo protettivo per i nostri figli contro delle malattie molto gravi che ancora persistono e sono tra noi. Abbiamo messo in sicurezza questa e le prossime generazioni». E ai No vax, che al momento dell’approvazione stavano manifestando proprio in Piazza Monte Citorio, il Ministro lancia un messaggio: «Non c’è nessun tipo di rischio per i bambini. I vaccini sono sicuri, sono il farmaco più testato e validato al mondo. Lo stato e il Sistema Sanitario Nazionale non autorizzerebbero mai misure che possano mettere a rischio la salute dei minori. Anzi, con questo provvedimento stiamo facendo l’esatto contrario: vogliamo garantire la salute di tutti, anche dei bambini che non possono essere vaccinati. Tutti hanno il diritto a vivere in una società sicura. I vaccini – continua il Ministro – negli ultimi 200 anni hanno salvato milioni di vite e sono l’arma numero uno che abbiamo per tutelare la nostra salute».

Ma in concreto ora cosa dovranno fare genitori e scuole? «Il Decreto – risponde il Ministro – per quest’anno di transizione prevede una prima fase in cui è possibile presentare una certificazione relativa ai vaccini effettuati entro il 31 ottobre, mentre la documentazione in forma originale è da far pervenire entro il 10 marzo. Quindi c’è tutto il tempo per mettersi in regola, anche dal punto di vista burocratico. Abbiamo lavorato insieme al Ministro dell’Istruzione Valeria Fedeli proprio per mettere insieme tutti i tasselli che ci permetteranno di applicare questa normativa in maniera facile».

Fondamentale il ruolo affidato dalle Legge alla scuola, «uno strumento straordinario per la gestione di situazione importanti di salute pubblica e per l’imponente campagna di informazione che sarà rivolta alle famiglie, anche grazie al coinvolgimento di pediatri e medici di medicina generale». Infine, il Ministro sottolinea il ruolo essenziale che dovrà essere ricoperto dagli operatori sanitari: «La loro formazione e il loro continuo aggiornamento sarà fondamentale per vincere questa battaglia culturale».

Articoli correlati
Vaccini, Baroni (M5S): «Non siamo contro, obbligatorietà resta. Daremo attuazione ad anagrafe vaccinale»
«Verranno potenziate campagne di sensibilizzazione e informazione tramite medici, pediatri e i centri vaccinali preposti», sottolinea il Capogruppo in Commissione Affari Sociali del Movimento Cinque Stelle
Vaccini, Grillo: «Pronto ddl su obbligo flessibile». E difende autocertificazione: «Ci sarà anche nel 2018»
La titolare della Salute conferma: «Prediligeremo il metodo della raccomandazione. Poi campagna di comunicazione». E annuncia misure contro il conflitto di interessi in ambito sanitario
Vaccini, presidi in rivolta: senza certificato della ASL niente scuola
I presidi bocciano la linea del Governo e annunciano: «Non è possibile far prevalere la nuova circolare Grillo-Busseti. Per noi resta in vigore la legge Lorenzin». Il Ministro della Salute: «Polemica surreale e tardiva»
Il premier Conte: «Non toccheremo la sanità nella prossima manovra». Sui vaccini: «Garantire diritto alla salute e all’istruzione»
Il Presidente del Consiglio parla della prossima legge di bilancio: «Non andremo a toccare settori strategici come sanità, scuola, ricerca perché assicurano una prospettiva di sviluppo». E rivela: «Mio figlio ha fatto tutte le vaccinazioni d’obbligo, l’ho accompagnato io»
Vaccini, ancora polemiche. Barillari: «Politica viene prima di scienza». M5S: «Prendiamo le distanze»
In un post su Fb il Consigliere regionale del Lazio vicino al mondo no vax attacca: «I politici devono ascoltare la scienza, collaborare, non farsi ordinare cosa è giusto e cosa è sbagliato». La replica del Movimento: «Linea è quella del Ministro Grillo»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM, dal 2019 scattano i controlli. Anelli (FNOMCeO): «Valuteremo inadempienze». Coletto (Agenas): «Stop a ‘infiltrati’, serve verifica»

È a metà strada il triennio ECM 2017-2019: in aumento il numero di medici e operatori in regola, ma rimangono molti camici bianchi inadempienti. Controlli dal 2019. INTERVISTE AD ANELLI (FNOMCEO) E ...
Salute

Aggressioni al personale sanitario, Flori Degrassi (Asl Roma 2): «Operatori in trincea, minacciati anche con pistole»

«Abbiamo dovuto mettere le barriere al Pronto soccorso del Pertini ma l’interfono ostacola il rapporto tra paziente e operatore sanitario. E, nel nostro lavoro, la comunicazione è fondamentale», ...
Lavoro

Tasse e contributi, come non sbagliare la dichiarazione. La guida completa alla compilazione del Modello D

Entro il 31 luglio i camici bianchi che hanno svolto attività libero professionale nel 2017 devono compilare nell’area riservata Enpam il Modello D. Ecco come scegliere le aliquote, come calcolare ...