Salute 18 luglio 2018

HPV, calano le coperture. De Vincenzo (Gemelli): «Estendere gratuità e più promozione nelle scuole»

Profilassi contro il Papillomavirus sotto il 50% per i giovani. L’allarme del Ministero della Salute seguito alla relazione sulle coperture vaccinali 2017. «Vaccino preventivo per tumore cervice ma anche per altre malattie oncologiche» così Rosa De Vincenzo, ginecologa Policlinico Gemelli

di Serena Santi e Giulia Cavalcanti
Immagine articolo

La vaccinazione anti-Hpv mostra un decremento nell’ultimo anno. Lo rileva il Ministero della Salute, nella relazione sui dati nazionali al 2017 sulle coperture vaccinali per Papillomavirus umano dove risulta che la profilassi scende sotto il 50% tra i più giovani. «Sarebbero necessari interventi in specifici contesti geografici tenendo presente che la vaccinazione anti-Hpv, pur non rientrando tra quelle obbligatorie secondo la legge Lorenzin, è un Lea (Livello essenziale di assistenza)» fa sapere il Ministero della Salute che fa notare quanto i dati italiani «siano discreti a confronto con le altre nazioni europee, ma ben al di sotto della soglia ottimale prevista dal Piano Nazionale di Prevenzione Vaccinale (95%)». Sull’importanza della profilassi per il Papilloma virus Sanità Informazione ha intervistato la Dottoressa Rosa De Vincenzo, ginecologa presso il Policlinico Gemelli di Roma specializzata in lesioni HPV.

LEGGI ANCHE: TUTTO QUELLO CHE C’E’ DA SAPERE SUL PAPILLOMA VIRUS

Perché è consigliabile effettuare il vaccino contro il Papillomavirus?

«Si tratta di una vaccinazione assolutamente da consigliare perché esistono patologie correlate all’HPV che con l’adeguata profilassi possono essere prevenute. Prima di tutto il vaccino previene il tumore del collo dell’utero ed ogni eventuale lesione pre-tumorale e tumorale di tutto il tratto genitale. Questo è un impatto importante di prevenzione anche per altre malattie oncologiche».

Per quale fascia di età è consigliata la vaccinazione?

«La vaccinazione deve essere consigliata soprattutto per il target primario, si tratta delle bambine al 12° anno di età. M a è importante sottolineare che il vaccino è diventato universale non più mono-genere ma rivolto anche agli adolescenti maschi».

Qual è finora l’impatto del vaccino sul target maschile?

«Per quanto riguarda la popolazione maschile siamo ancor all’inizio. La vaccinazione contro l’HPV è stata inserita nel Piano di Prevenzione Nazionale Vaccini 2017-2019 soltanto a fine 2017, dunque siamo all’inizio del monitoraggio. Tuttavia posso dire che i migliori risultati in termini di coperture – in tutti i programmi di vaccinazione non solo per l’HPV – si ottengono quando viene fatta una corretta informazione a livello scolastico, quindi ritengo sia assolutamente consigliabile fare una promozione efficace nelle classi».

Il vaccino è gratuito?

«Per adesso il vaccino è gratuito per le ragazze entro il 12° anno di età, altre Regioni hanno ampliato il raggio offrendo la copertura anche ad altre fasce di età. Per i maschi il vaccino è gratuito fino ai 14 anni di vita anche se estendibile fino a 26 anni di età. In futuro vedremo se verrà discussa la questione gratuità per incentivare la profilassi».

Ci sono controindicazioni?

«Le controindicazioni sono pochissime. Ovviamente il vaccino è sconsigliato agli stessi soggetti che non hanno potuto fare le vaccinazioni pediatriche infantili, quindi mi riferisco a casi eccezionali, situazioni in cui alla profilassi è seguito shock anafilattico o altro genere di reazioni. Da sconsigliare il vaccino per chi sta seguendo terapie impegnative come la chemio o la radioterapia. In altri casi, meno gravi, può insorgere della febbre – come succede in alcuni casi con le vaccinazioni infantili – ma le controindicazioni, ci tengo a sottolineare, sono veramente poche».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Vaccini, FTOM: «Soddisfazione per Legge regionale che conferma obbligatorietà delle vaccinazioni»
Plaudo della Federazione Toscana degli Ordini dei Medici Chirurghi e Odontoiatri per l’approvazione da parte del Consiglio Regionale della Toscana della Legge che conferma la profilassi obbligatoria
Vaccini, D’Amato (Lazio): «On line i dati fascia 0-16 anni, a disposizione di scuole e Asl»
Risultano immessi on line i dati sanitari di più di 506mila bambini e oltre 12,5 mln di vaccinazioni nella fascia di età fino ai 16 anni, consultabili da scuole e Asl attraverso il portale Salutelazio.it. D'Amato: «Il servizio agevola il lavoro dei centri vaccinali, dei pediatri e del personale di supporto amministrativo delle scuole»
Vaccini, SIPPS: «Non aspettare focolaio di epidemia per procedere a vaccinazioni»
Un osservatore esterno che volesse cercare di comprendere le motivazioni che stanno spingendo la politica italiana a sostituire, a distanza di poco più di un anno dalla sua approvazione da parte del Parlamento, una legge che aveva aumentato il numero delle vaccinazioni obbligatorie da 4 a 10 ed esteso l’obbligo a vaccinazioni raccomandate già presenti […]
Vaccini, il Board Calendario per la Vita: «Bene sospensione emendamento su obbligo»
FIMMG, FIMP, SIP e SITI: «Atto che rappresenta una dimostrazione di attenzione alla salute pubblica»
Vaccini, nuovo emendamento: autocertificazione prorogata al 2018-2019. Il premier Conte: «Dare certezze a famiglie»
Rimane l'emendamento presentato ieri, che ripristinava l'obbligatorietà. Protesta delle opposizioni
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Autodimissioni medici, turni massacranti e poco personale. Leoni (FNOMCeO): «Ecco perchè si lascia ospedale»

Il vicepresidente della Federazione degli Ordini ha coniato il termine per spiegare la fuga dei camici bianchi dalle corsie: «Sono sempre più i medici ospedalieri che, per il basso livello della qua...
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Lavoro

Tagli alle pensioni, a rischio i medici? Cavallero (Cosmed): «Penalizzato anche chi è a 3700 euro. Veri risultati si ottengono con lotta all’evasione»

Il segretario generale della Confederazione: «Dal taglio delle cosiddette “pensioni d’oro” si potranno distribuire meno di 4 euro al mese. Così si apriranno solo contenziosi per lo Stato. Chi ...