Salute 20 novembre 2017

L’esercizio fisico come medicina per i diabetici. Assanelli (SIMSE): «Necessario formare i medici e fare rete»

«Se il SSN finanziasse l’attività fisica dei pazienti cronici, risparmierebbe molti soldi». L’intervista a Deodato Assanelli, Presidente della Società Italiana di Medicina dello Sport e dell’Esercizio

«Per i pazienti che soffrono di determinate malattie croniche l’esercizio fisico è una medicina e in quanto tale deve essere prescritto dal medico». È quanto dichiarato a Sanità Informazione dal Professor Deodato Assanelli, Presidente della Società Italiana di Medicina dello Sport e dell’Esercizio (SIMSE) e coordinatore dell’incontro dedicato a ‘Diabete mellito, tipo 1 e tipo 2, sport ed esercizio fisico’ che si svolgerà il prossimo 25 novembre presso l’Università degli Studi di Brescia (consulta qui il programma).  

Professore, quali sono gli obiettivi che il convegno intende raggiungere sul rapporto tra diabete ed esercizio fisico?

«Vogliamo innanzitutto far sapere che l’esercizio fisico è una medicina che va prescritta dal medico. Il focus dell’incontro sarà sul diabete e intendiamo proprio trasmettere l’idea che per un medico interfacciarsi con un paziente diabetico che intende fare sport o esercizio fisico è un po’ più complicato rispetto ad uno sportivo sano che il medico è più abituato a vedere. Ricordiamoci che i pazienti sani sono una cosa, e i pazienti malati un’altra, così come da un lato abbiamo lo sport e dall’altro l’esercizio fisico. Sono aspetti diversi che presuppongono competenze che vanno acquisite in modo differente. Altrimenti si pensa che chi si occupa di sportivi olimpici possa gestire anche degli ottantenni con tre malattie. Non è così. Quindi adesso la prossima sfida che dovremo affrontare e il convegno del 25 novembre sarà il primo passo in questo senso, è di fornire una formazione adeguata e professionale al maggior numero di medici possibile, in modo che sappiano come prescrivere l’esercizio fisico per certe tipologie di pazienti con malattie croniche. E, altro aspetto da non sottovalutare, è di cercare, nel tempo, di far rimborsare, almeno in parte, questi programmi al Servizio Sanitario Nazionale che, comunque, se incentiverà l’esercizio fisico per i pazienti cronici, potrà risparmiare e reinvestire molti soldi».

Qual è la situazione attuale in Italia per i pazienti con malattie croniche che vogliono fare sport o esercizio fisico?  

«Per ora solo alcune Regioni hanno definito quali sono le palestre sicure, cioè riconosciute dalle Asl, che hanno un personale e altri requisiti adeguati per far fare attività fisica a queste tipologie di pazienti. Però sono poche e distribuite, nel nostro Paese, a macchia di leopardo. Non c’è un modello univoco né a livello regionale né tanto meno a livello nazionale. Si tratta di strutture che lavorano o con fondi di ricerca o sono nell’ambito di un progetto pilota della Regione, della Asl o di altri enti. Oppure sono remunerate in buona parte dai pazienti stessi. Non c’è un sistema, non c’è una rete per gestire in modo sistematico questa problematica. E parliamo di una problematica enorme, perché pensi che solo a Brescia l’associazione diabetici della provincia, molto attiva, ha 6.500 iscritti su 70mila diabetici accertati e altri 20mila che non sanno di averlo. Senza dimenticare tutti coloro con ridotta tolleranza glucidica, che sono quasi tutti i familiari di primo grado dei diabetici e sono quindi almeno altrettanti. Si immagini quale sarebbe il lavoro da fare e quanto si potrebbe risparmiare…».

Lei diceva che lo sport è una medicina; ma quanto ne sanno i medici italiani dello sport come medicina?

«Io insegno medicina dello sport e dell’esercizio in diversi corsi di laurea. Le ore previste per questa disciplina sono 24 a scienze motorie, 16 a fisioterapia, 12 a dietistica e 8 a medicina. Vuol dire che, in sei anni di corso di laurea, i futuri medici frequentano solo 8 ore di sport ed esercizio fisico. Corso che, tra l’altro, esiste solo da pochi anni, perché prima non si facevano nemmeno queste poche ore. I medici sanno sicuramente prescrivere i farmaci, conoscono bene tutta la parte chirurgica, ma non sanno quasi niente degli stili di vita. Ecco perché e lo ribadisco, è fondamentale puntare sulla formazione degli operatori sanitari anche in quest’ ambito, iniziando a formare quelli di domani, che opereranno e interagiranno in vari ambiti professionali, soprattutto in funzione delle competenze che hanno acquisito».

Articoli correlati
Sugar tax anche in Italia? Ricciardi (ISS): «Buona soluzione per salute pubblica ma per fasce meno abbienti può essere boomerang»
A tre mesi dall’introduzione della tassazione per le bevande zuccherate in UK il bilancio è positivo. Walter Ricciardi: «Provvedimento utile ma risorse da reinvestire per migliorare condizioni di vita»
Diabete, il pallavolista Van de Goor: «Sport fondamentale per controllare la malattia»
L’atleta, tra i testimonial del Roma Cities changing diabetes summit, gestisce una fondazione in Olanda con la missione di migliorare la qualità della vita delle persone con diabete attraverso l’attività sportiva
3,2 milioni di morti all’anno per inattività fisica, 0,4 per ipertensione, 4,4 per obesità. Ecco i numeri dell’urbanizzazione
Le malattie cardiovascolari rappresentano la principale causa di morte; assieme a tumori, diabete e disturbi respiratori cronici costituiscono oggi il principale rischio per la salute e lo sviluppo umano, secondo quanto emerso nel corso dell’11th Italian Diabetes & Obesity Barometer Forum in svolgimento oggi a Roma, promosso da Italian Barometer Diabetes Observatory (IBDO) Foundation, Università […]
Diabete urbano: la fotografia delle metropoli italiane
Il diabete si sta rivelando la malattia più rilevante e potenzialmente pericolosa del nostro secolo per la crescita continua della sua prevalenza e per la mortalità e le complicanze invalidanti. In Italia, secondo ISTAT, le persone con diabete sono 3,27 milioni e il 52 per cento risiede nelle 14 Città metropolitane; studiare il legame fra […]
Cities changing diabetes blue circle: il villaggio della salute apre in piazza San Silvestro a Roma
In occasione delle manifestazioni della prima Giornata nazionale per la salute e il benessere nelle città, promossa da Health City Institute e Cittadinanzattiva con il patrocinio di Ministero della Salute, ANCI – Associazione Nazionale Comuni Italiani e Istituto Superiore di Sanità, il 2 e 3 luglio sarà allestito in Piazza San Silvestro, Roma, il Villaggio […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Dal corso MMG a Montecitorio, la storia di Rosa Menga (M5S): «Noi medici di famiglia portavoce dei pazienti in Parlamento»

È uno dei più giovani parlamentari della XVIII Legislatura e frequenta il corso di formazione in medicina generale: «Serve una visione meno ospedalocentrica dell’assistenza sanitaria. Telemedina ...
Diritto

Consenso informato, l’avvocato Pittella: «Per medico meno responsabilità civile o penale»

«I giudici in caso di contenzioso chiedono al paziente se è stato correttamente informato. Ma come si fa a saperlo? Un video, un audio, un consenso scritto in presenza dei testimoni? Questo è quell...
Formazione

Numero chiuso, 800 posti in più a Medicina. Gaudio (Sapienza): «Necessari per far fronte a carenza medici»

Saranno 9779 gli aspiranti camici bianchi che potranno immatricolarsi in autunno. Comunicate anche le date dei test: si inizia il 4 settembre con Medicina e Odontoiatria, il 5 con Veterinaria, il 12 s...