Salute 7 maggio 2018

Sanitari aggrediti, all’OMCeO Roma anche l’assessore D’Amato: «Sul caso vedremo il Prefetto»

Videosorveglianza, osservatorio e formazione per fermare la violenza. Il Presidente dell’Ordine dei Medici della Capitale Antonio Magi diffonde nuovi dati: «Nel Lazio 100 episodi, il 10% del totale nazionale». Presenti alla riunione i direttori delle Asl e degli Ospedali di Roma e provincia

Immagine articolo

Qualcuno ha denunciato le continue rapine e lo stato di paura nel quale lavorano gli operatori sanitari. Altri hanno chiesto maggiore presenza delle forze dell’ordine. E altri ancora hanno invitato la stampa a riportare in modo maggiormente appropriato le notizie sulla sanità. I direttori degli Ospedali e delle Aziende sanitarie di Roma e provincia si sono ritrovati oggi presso la sede dell’OMCeO convocati dal Presidente Antonio Magi e dall’Assessore alla Sanità della Regione Lazio Alessio D’Amato. All’ordine del giorno del ‘parlamentino’ della sanità di Roma si è discusso del tema che preoccupa tutto il mondo della sanità e non solo: quello delle aggressioni ai medici.

Nel Lazio i dati forniti dall’OMCeO parlano di 100 aggressioni nell’ultimo anno sulle oltre 1200 all’anno in tutta Italia: un bilancio che però si ingrossa di giorno in giorno.

LEGGI ANCHE: AGGRESSIONI AI MEDICI, I DATI DELL’OMCeO ROMA: PUGLIA REGIONE PIU’ COLPITA, 30 MLN IL COSTO PER SSN 

Il coro da parte dei direttori, dalla Asl Rm2 al San Giovanni, dal San Camillo al Sant’Andrea, è stato unanime: bisogna fermare questa escalation di violenza. Il primo risultato ottenuto è quello della costituzione di un Osservatorio per monitorare con puntualità tutti gli episodi di aggressioni al personale del servizio sanitario. Ma è solo il primo punto di un piano. L’Ordine dei Medici di Roma punta su programmi di formazione del personale impegnato in prima linea, protocolli operativi con le Aziende sanitarie e ospedaliere di Roma e provincia, coordinamento forte con le forze dell’Ordine e la Prefettura.

LEGGI ANCHE: AGGRESSIONI AI MEDICI, FILIPPO ANELLI (FNOMCeO): «AUMENTIAMO LE PENE AI VIOLENTI. MA C’E’ PROBLEMA CULTURALE E DI SISTEMA»

«È un programma ad ampio spettro – spiega Antonio Magi, presidente dell’Ordine dei medici di Roma e provincia – che abbiamo presentato e condiviso con i direttori generali delle Asl territoriali di Roma e provincia e quelli dei grandi ospedali pubblici. Abbiamo proposto una serie di interventi da realizzare insieme al management, ai medici e a tutto il personale. Vogliamo procedere in modo pragmatico e partecipato perché in questo campo un modello unico è improponibile. Ognuno dei settori più esposti, tipo pronto soccorso o guardia medica notturna o spdc, necessita infatti di misure di sicurezza specifiche».

La riunione è stata aperta e chiusa dall’assessore alla Sanità del Lazio Alessio D’Amato che ha sottolineato quanto sia importante mappare la presenza delle forze dell’ordine negli ospedali, pur sottolineando come il problema non sia solo un tema di ordine pubblico. «Daremo vita assieme all’Ordine dei Medici ad una grande campagna di informazione rivolta ai cittadini – ha spiegato a Sanità Informazione D’Amato – e anche ad una campagna di formazione del personale medico e sanitario. Inoltre chiederemo alle altre istituzioni dello Stato a partire dalla Prefettura di aiutarci a prevenire questi fenomeni, in aumento, che riguardano il personale sanitario. Non bisogna far regredire la presenza dello Stato perché gli ospedali sono un presidio di legalità sui territori».

D’Amato ha anche annunciato la possibilità di studiare un sistema di videosorveglianza nei reparti più a rischio e una legge regionale per svecchiare il personale sanitario del Lazio: «Proporremo una proposta di legge per limitare la valenza delle graduatorie concorsuali a 36 mesi alla scadenza della quale devono essere rinnovati i concorsi. Questo per fare in modo che entri personale nuovo, serve nuova linfa nel sistema sanitario».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
«Con flat tax e reddito di cittadinanza servizi sanitari a rischio». Parla la responsabile Salute PD Marina Sereni
«Dai vicepremier mai una parola per più risorse nella sanità». Così l’ex vicepresidente della Camera che poi torna sul tema dei vaccini: «Con autocertificazione strizzano occhio a movimento no vax»
Pazienti a rischio suicidio, come prevenire e superare shock. Innamorati (psicoterapeuta): «Occorre formazione per tutti reparti»
«Non bisogna pensare che solo i pazienti ricoverati in psichiatria possono compiere gesti estremi, per questo tutti i medici e gli operatori – di qualsiasi settore - devono essere preparati» ai microfoni di Sanità Informazione Marco Innamorati, psicologo e psicoterapeuta
Assemblea OMS, Bartolazzi (Sott. Salute): «Ottimizzare risorse per sostenibilità SSN. Intervento su ticket per ridurre spesa out of pocket»
Il Sottosegretario alla Salute ha presieduto la sessione inaugurale dell’evento a cui presenziano 53 ministri da tutta Europa. «Aumento alcol e fumo tra giovani preoccupa»
Latina, attivati i controlli per i casi di West Nile sui cavalli
Il virus della febbre del Nilo si trasmette di animale in animale principalmente tramite le zanzare. «In merito ai casi di West Nile a Cisterna di Latina riscontrati su tre cavalli sono immediatamente scattate le procedure del protocollo indicato dal Piano nazionale integrato di sorveglianza. La situazione è sotto controllo e costantemente monitorata dalla Asl […]
Vaccini, D’Amato (Lazio): «On line i dati fascia 0-16 anni, a disposizione di scuole e Asl»
Risultano immessi on line i dati sanitari di più di 506mila bambini e oltre 12,5 mln di vaccinazioni nella fascia di età fino ai 16 anni, consultabili da scuole e Asl attraverso il portale Salutelazio.it. D'Amato: «Il servizio agevola il lavoro dei centri vaccinali, dei pediatri e del personale di supporto amministrativo delle scuole»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Autodimissioni medici, turni massacranti e poco personale. Leoni (FNOMCeO): «Ecco perchè si lascia ospedale»

Il vicepresidente della Federazione degli Ordini ha coniato il termine per spiegare la fuga dei camici bianchi dalle corsie: «Sono sempre più i medici ospedalieri che, per il basso livello della qua...
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Lavoro

Tagli alle pensioni, a rischio i medici? Cavallero (Cosmed): «Penalizzato anche chi è a 3700 euro. Veri risultati si ottengono con lotta all’evasione»

Il segretario generale della Confederazione: «Dal taglio delle cosiddette “pensioni d’oro” si potranno distribuire meno di 4 euro al mese. Così si apriranno solo contenziosi per lo Stato. Chi ...