Salute 26 Aprile 2018

Aggressioni ai medici, Filippo Anelli (FNOMCeO): «Aumentiamo le pene ai violenti. Ma c’è problema culturale e di sistema»

Il Presidente della Federazione degli Ordini dei Medici sottolinea: «Bene l’Osservatorio sulla violenza, ora c’è la necessità di rivedere i livelli di sicurezza delle sedi. Molte non rispettano le prescrizioni previste dalla legge 81 sulla sicurezza degli operatori». Poi sottolinea: «Sotto attacco diritto alla salute e diritto all’istruzione»

Immagine articolo

Esplode in tutta Italia l’emergenza delle aggressioni ai camici bianchi. Un fenomeno che preoccupa la Federazione degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri che ha denunciato gli ultimi casi a Bari, Napoli e Roma. Una escalation di violenza che va affrontata agendo su più fattori, da quello repressivo a quello educativo. «Insegnanti e medici sono accomunati in questo periodo da episodi di violenza. Si tratta di due diritti fondamentali, quello all’istruzione e quello alla salute, che fanno emergere un problema culturale», spiega a Sanità Informazione il presidente FNOMCeO Filippo Anelli.

Presidente Anelli, il fenomeno delle aggressioni ai medici sta diventando un’emergenza. Si tratta in realtà di una problematica che va avanti da diverso tempo. Evidenzia un fenomeno che va fermato: a tal proposito sono intervenuti anche il Presidente dell’Ordine dei Medici di Roma Antonio Magi e il Segretario generale della FIMMG Silvestro Scotti. È il momento per prendere provvedimenti.

«Sì. È un momento difficile per la professione perché gli episodi di violenza sono sempre più numerosi e sempre più difficili da spiegare atteso che i medici dovrebbero essere considerati in ogni momento come degli angeli custodi, come coloro che assistono chi soffre, si prendono cura dei malati, si fanno carico delle sofferenze e provano a risolvere i loro problemi. In realtà cosa avviene? Avviene che il sistema non funziona, i medici sono pochi, le prestazioni si riducono sempre di più, la rabbia dei cittadini aumenta, talvolta anche il degrado delle strutture facilita chi è incline agli atteggiamenti di violenza e di ribellione nei confronti di professionisti che rappresentano soltanto l’interfaccia tra una disorganizzazione e il bisogno di salute del malato».

LEGGI ANCHE: AGGRESSIONI AI MEDICI, LA PROPOSTA DI TOTI AMATO (OMCeO PALERMO): «SERVE UN DASPO COME NEGLI STADI. STOP GRATUITA’ SSN PER I VIOLENTI»

A tal proposito la FNOMCeO nei giorni scorsi ha incontrato tanti nuovi parlamentari, tra Camera e Senato, in attesa che si formi un nuovo governo. Un governo che dovrà prendere atto di questa problematica e che dovrà necessariamente trovare una soluzione per risolvere il problema.

«Abbiamo chiesto al Ministro di attivare un Osservatorio sulla violenza, cosa che è avvenuta, e quindi ringrazio il Ministro Lorenzin. In quell’incontro abbiamo chiesto un’attività di raccordo con i parlamentari proprio per avviare iniziative legislative che tendano ad aumentare le pene nei confronti di chi esprime episodi di violenza nei confronti degli operatori sanitari. Riteniamo questo uno degli strumenti che può in qualche maniera aiutarci a ridurre i livelli di aggressione, non è l’unico perché c’è un problema di carattere culturale che va contrastato attraverso campagne di comunicazione che devono sempre di più rinsaldare l’alleanza terapeutica tra medico e cittadino. Poi naturalmente c’è la necessità oggi di rivedere i livelli di sicurezza delle sedi, molte delle sedi non rispettano attualmente le prescrizioni previste dalla legge 81 sulla sicurezza degli operatori,  non solo degli operatori ma anche dei cittadini. Un processo complesso che abbiamo ben rappresentato al Ministero e al Ministro in prima persona che ha presieduto l’Osservatorio, con il quale vogliamo naturalmente continuare a lavorare e a insistere».

A livello istituzionale, alcune scelte hanno contribuito a peggiorare la situazione. Penso al blocco del turnover che in tanti casi ha esasperato gli animi da una parte e dall’altra. Ma il problema, appunto, è culturale. Il medico è un punto di riferimento non solo per un singolo paziente ma per un’intera comunità di pazienti. Un’attenzione quindi che dev’essere nella coscienza di tutti.

«Infatti, il problema non riguarda solo la professione medica. Abbiamo registrato episodi di violenza contro gli insegnanti. Io stesso sono intervenuto dicendo che questo ci accomuna, accomuna alcune professioni, guarda caso accomuna due diritti fondamentali come quello all’istruzione e quello alla salute. Quindi il problema culturale esiste, va sottolineato e va avviata una comunicazione adeguata per riprendere un ragionamento proprio con i cittadini. Oltretutto devo ringraziare Cittadinanzattiva che ha espresso posizioni simili a quella della Federazione Nazionale degli Ordini e quindi, in questo senso, il processo di riavvicinamento e di condivisione degli obiettivi in questo caso per la sicurezza dei pazienti e dei cittadini si sta realizzando».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Crisi di governo, FNOPO: «Sanità sia priorità per il futuro. Tutelare le donne»
«Forse, come ha affermato la stessa titolare del Dicastero, si sarebbe potuto fare di più e meglio», commenta la Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica all'indomani della ufficializzazione della crisi di governo
Crisi di governo, la preoccupazione di Anelli (FNOMCeO): «Ddl aggressioni sarà rallentato nonostante nostre sollecitazioni»
Il Presidente della Federazione nazionale degli Ordini dei medici chirurghi e degli odontoiatri traccia un bilancio dell’operato del ministro Grillo: «Con lei siamo riusciti a mettere a fuoco molte delle problematiche che avevamo sollecitato. Ora se ci sarà un cambio al dicastero dovremmo ricominciare da capo»
«Ho cercato di mettere le cose a posto nella sanità pubblica», l’addio del ministro Grillo dopo le dimissioni del Governo
«Mi auguro che il mio progetto dell’ostetrica di comunità venga realizzato comunque da chi verrà come anche il ddl anti violenza a difesa degli operatori sanitari»
Salute, Ministro Grillo dimissionario: svolgerà solo l’ordinaria amministrazione
Con le dimissioni presentate al Quirinale dal Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, anche il resto del Governo è dimissionario. Tra loro anche il titolare del dicastero Salute, Giulia Grillo. Il Governo e tutti i ministri rimangono comunque in carica fino all’insediamento di un nuovo Governo. Questo accadrà anche in caso di elezioni. L’attività del governo […]
Crisi di governo, Sileri (M5S): «Un peccato bloccare le tante cose da fare per la sanità»
Il presidente della Commissione Sanità di Palazzo madama commenta la crisi di governo e i suoi riflessi sulla sanità: «Molto del lavoro di questi 14 mesi rischia di essere buttato: penso ai nuovi provvedimenti sui vaccini, a quello che bisognava ancora fare per i contratti dei medici, all’intramoenia per gli infermieri, penso a tutti i temi legati alla formazione dei camici bianchi, penso alle borse di specializzazione per il prossimo anno. Tantissime cose che ora trovano uno stop che il comparto sanitario non meritava»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone