Salute 24 Aprile 2018

Aggressioni ai medici, la proposta di Toti Amato (OMCeO Palermo): «Serve un Daspo come negli stadi. Stop gratuità Ssn per i violenti»

Il Presidente dell’Ordine dei Medici di Palermo rilancia dopo la grande manifestazione di sabato in Piazza Politeama: «Non è giusto che tutti dobbiamo pagare per colpa di chi rompe o fa male a un medico o danneggia una struttura». Poi aggiunge: «Istituzioni agiscano prima che ci scappi il morto»

Aggressioni ai medici, la proposta di Toti Amato (OMCeO Palermo): «Serve un Daspo come negli stadi. Stop gratuità Ssn per i violenti»

Un Daspo per chi compie violenza ai danni di camici bianchi e personale sanitario. La proposta del Presidente OMCeO Palermo Toti Amato è stata ribadita sabato in piazza Politeama a Palermo, teatro di una manifestazione contro le aggressioni ai medici, piaga regionale ma ormai sempre di più emergenza nazionale. Tante le pettorine blu con su scritto “Stop alla violenza ai camici bianchi”, tutti uniti nel chiedere a gran voce che si faccia qualcosa contro l’odioso fenomeno che coinvolge ospedali, pronto soccorso e servizi di continuità assistenziale.

Un tema molto sentito in Sicilia che ha spinto Toti Amato a organizzare il sit in a cui hanno partecipato anche il presidente della Regione siciliana, Nello Musumeci, gli assessori regionali alla Salute, Ruggero Razza, e alla Formazione professionale, Roberto Lagalla, e il sindaco di Palermo Leoluca Orlando. Amato ha dunque rilanciato la proposta di un provvedimento che ricalchi il Daspo (acronimo di Divieto di accedere alle manifestazioni sportive) anche per le strutture sanitarie rivolto a chi si rende colpevole di episodi violenti e ha chiesto, inoltre, per i violenti la possibilità di perdere ogni beneficio, compresa l’assistenza sanitaria gratuita. Amato ha inoltre lanciato anche un appello a tutti i professionisti dell’informazione, chiedendo di difendere «il grande valore della loro professione, rilevando e commentando le fake e le informazioni fuorvianti, il più delle volte diffuse solo per scopi commerciali, scatenando l’isteria delle menti più deboli». La prossima settimana il governatore Musumeci e l’assessore Razza presenteranno un pacchetto di misure ad hoc.

LEGGI ANCHE: SPECIALE  DI SANITA’ INFORMAZIONE | AGGRESSIONI AI MEDICI

Presidente Amato, questa di Palermo è stata un’iniziativa forte accompagnata da una proposta provocatoria e altrettanto forte alle istituzioni…

«Devo dire che l’iniziativa non parte solo da me ma da tutto il mondo delle professioni sanitarie e non solo. Il fatto più importante è stato la partecipazione di tanti cittadini e di tanti associazioni di pazienti. La proposta che è stata lanciata è quella di dare anche un segnale obiettivo, forte e reale a un problema che adesso è veramente molto grave. Quindi non se ne deve occupare solo la società ma tutte le persone di ogni segno e ogni grado. La nostra proposta è esattamente quella di sanzionare le persone che aggrediscono un valore sociale, di grande importanza, che è la Sanità e sanzionarli fino a fargli perdere la gratuità del Servizio sanitario. Noi come medici soccorreremmo sempre tutti ma a questo punto è giusto che si metta mano alla tasca per richiedere quello che la società dà in questo momento gratuitamente. Anche perché non è corretto che per colpa di chi rompe o fa male a un medico, a un infermiere o danneggia una struttura, cioè chi fa danno al sistema sanitario, debbano pagare tutti gli altri. Non è corretto, non è giusto e su questo noi pensiamo di portare avanti (la proposta è già partita) con le autorità, un modello Daspo come per quanto succede negli stadi. A un dato momento chi danneggia non può più entrare in quel posto».

LEGGI ANCHE: AGGRESSIONI AI MEDICI, IN UN ANNO PIU’ DI 1200 CASI. NASCE L’OSSERVATORIO PERMANENTE PER SICUREZZA E PREVENZIONE

In realtà qui parliamo di un valore anche più alto, come lei sa il nostro sistema sanitario, che quest’anno festeggia i 40 anni, è famoso nel mondo proprio perché universalistico e dà a tutti la possibilità di essere curati. Quindi danneggiare un medico o una struttura vuol dire danneggiare se stessi, la società e un bene sociale.

«Assolutamente, ma si tratta di un valore etico, perché il valore sociale è un valore etico. Mi chiedo se dobbiamo aspettare un morto, che questa violenza arrivi anche ad uccidere, cosa che già in qualche parte è successa, per fare qualcosa. Chi ha la responsabilità di legiferare deve sapere e deve porre gli opportuni rimedi».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Covid-19, Speranza: «Rt scende, continuare con prudenza e sacrifici. Cuore delle vaccinazioni in primavera»
All’appuntamento annuale organizzato dal Sole24-Ore ha preso parte anche il viceministro Sileri: «Niente veto al Mes ma la garanzia che non venga usato per la pandemia. Ciò che appare vantaggioso oggi potrebbe non esserlo domani»
CIMO-FESMED: «No ad emendamenti che limitano l’autonomia prescrittiva dei medici»
«Nel mentre le strutture ospedaliere sono in affanno ed i medici cercano di assicurare la migliore assistenza ospedaliera possibile ai pazienti ricoverati, si continua a ricorrere al solito strumento della Legge di Bilancio per iniziative che riguardano le professioni sanitarie e che nulla hanno a che vedere con il Bilancio dello Stato»
Salute, Regimenti (Lega): «Programma EU4Health sia inizio di nuova politica sanitaria europea»
«L’impegno della Lega è finalizzato proprio a cambiare un’Europa ancora troppo lontana dai cittadini e dalle loro esigenze» spiega l'eurodeputata Luisa Regimenti
Anziani, De Poli (Udc): «Sì a una lista ‘priority’ per over 65 in sanità»
«Oggi in tempo di pandemia, è urgente creare una corsia preferenziale per i cittadini over 65 in sanità.  Analogamente a quanto accade già nei supermercati, si dia la precedenza agli anziani» spiega il senatore UDC
“Protocollo domiciliare uniforme” per uscire da emergenza. Siclari (FI): «Riaprire ospedali chiusi o depotenziati»
Nel corso della conferenza “Covid: come uscire dall’emergenza” Giovanni Carnovale, Presidente del forum medico Nuovo Rinascimento, ha chiesto lo stop alla regionalizzazione della sanità: «La sanità non può essere gestita da venti protocolli diversi, da venti task force diverse». Tra gli ospiti anche Ranieri Guerra (OMS) e Annamaria Parente (Presidente Commissione Sanità)
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 4 dicembre, sono 65.277.100 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.507.323 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 4 dicembre: ...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli