Politica 30 settembre 2014

Turni massacranti, l’on. Binetti: “Italia bacchettata per l’ennesima volta dall’Ue”

La deputata analizza il problema partendo dal blocco turn over. E sull’ipotesi ricorsi: “Avere l’avallo dell’Europa aiuta a difendersi da questa ingiustizia”.

Immagine articolo

Tagli alla sanità, blocco stipendi, obbligo assicurativo e turni massacranti: per i camici bianchi è davvero un periodo nero. Ma, almeno sul fronte del sovraccarico lavorativo, si è aperto uno spiraglio. C’è infatti la possibilità di far valere i propri diritti attraverso i ricorsi. Consulcesi, in tal senso, è già scesa in campo al fianco dei medici.

C’è una direttiva della Commissione Europea (2003/88) che stabilisce orari massimi di lavoro e minimi di riposo che viene puntualmente violata dall’Italia, nonostante le sanzioni della Ue. Mentre i professionisti della sanità si preparano a far valere i propri diritti, il dibattito comincia ad accendersi coinvolgendo anche il mondo politico. Sanità Informazione ha fatto il punto della situazione con l’on. Paola Binetti, medico prima ancora che parlamentare impegnata alla Camera dei Deputati nella Commissione Affari Sociali.

On. Binetti, il blocco degli stipendi statali è l’ennesima tegola sulle spalle dei medici pubblici….
Il blocco degli statali è particolarmente pesante e di certo non comincia ora, ma continua. E’ un problema costante e che parte già da un depauperamento delle risorse su cui le persone sono abituate a contare. Si parla di padri e madri di famiglia, che hanno fatto investimenti importanti e che ora si ritrovano nella disgraziata situazione di chi non può mantenere le promesse fatte ai propri figli. Il blocco rientra in una logica di riduzioni complessive attuate dello Stato, che gli italiani sperimentano sulla propria pelle, in vista di un PIL che, nella migliore delle ipotesi, resterà a quota zero. Dobbiamo trovare le risorse concrete perché gli italiani possano far fronte alle loro responsabilità nei confronti di se stessi e delle loro famiglie.

E a questo si aggiungono i turni e gli orari di lavoro massacranti cui sono sottoposti i medici: un problema rilevato dalla direttiva 2003/88 CE…
Questa normativa europea che sanziona l’Italia per l’ennesima volta, rimproverandole la lunghezza dei turni di lavoro dei medici, che non vengono adeguatamente retribuiti o addirittura non lo sono affatto, porta a un altro dei vincoli incredibili del nostro sistema: il blocco del turn over. I medici potrebbero fare orari più umani e contenere il loro tempi di lavoro in proporzione al reddito percepito, purché ci fossero altri colleghi che condividono lo stesso tipo di orario. In un momento di disoccupazione crescente, è una gratificazione sapere di svolgere mansioni all’altezza degli studi fatti.

Le Istituzioni sono quindi chiamate ad intervenire perché il rischio di ricorsi è concreto…
È chiaro che quando ci trova in queste condizioni si pensa ad un ricorso. Si ha la percezione di star subendo una ingiustizia profonda e si cerca il responsabile. Ma si punta anche a fargli pagare proprio quella ingiustizia subita. Avere l’avallo dell’Europa, in questa particolare situazione, aiuta questi professionisti a combattere con le unghie e con i denti.

Articoli correlati
Il medico che non fruisce del riposo settimanale può essere risarcito?
La fruizione del riposo settimanale è un diritto indisponibile, riconosciuto e tutelato sia dall’art. 36 della Costituzione che dall’art. 5 della direttiva 2003/88/CE e pertanto l’azienda sanitaria deve garantirlo. La Corte di Cassazione con la sentenza n. 14770 del 14 giugno 2017 ha affermato che la previsione di un compenso maggiorato per l’attività prestata in […]
Medici, stangata RC Auto nel 2017. Magi (Sumai): «Camici bianchi disattenti alla guida? Colpa del blocco del turnover…»
Dal rapporto di Facile.it operatori sanitari bollati come ‘disattenti’. Il 4,66% di loro subirà un aumento dei premi assicurativi. Antonio Magi, Segretario Generale del Sindacato degli Specialisti Ambulatoriali Sumai-Assoprof: «Medici anziani costretti a turni massacranti»
«Ecco cosa vuol dire davvero lavorare H24…». Vite da pronto soccorso? Parla Maria Pia Ruggieri (Simeu)
Perenne stato di emergenza e turni massacranti, ecco le condizioni in cui lavorano i camici bianchi negli ospedali italiani. Maria Pia Ruggieri Presidente Società italiana Medicina emergenza-urgenza: «Sistema Sanitario lacunoso e sovraffollamento, i pronto soccorso in pessime condizioni»
Turni massacranti, un anno dopo: legge inapplicata, i medici dicono basta
Camici bianchi in agitazione: senza gli emendamenti richiesti alla legge di Bilancio, lunedì 28 sarà sciopero: assunzioni, contratto e stabilizzazioni temi centrali esattamente come dodici mesi fa quando entrò in vigore la Legge 161 sugli orari di lavoro. Ecco cosa (non) è cambiato…
Poco personale e giovani precari, l’allarme dei cardiologi Romeo (Tor Vergata): «Così il nostro lavoro è quintuplicato»
Niente assunzioni dal 2008 e giovani precari anche dopo 7 anni di lavoro. È il quadro che il dottor Franco Romeo, direttore della Cattedra di Cardiologia dell’Università degli Studi Tor Vergata di Roma, fa della realtà in cui lavora. Realtà che, fatta esclusione per alcune strutture analoghe che non registrano grossi problemi di organico, rispecchia il generale andamento nazionale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

INTERVISTA ESCLUSIVA: «Ecco come prevederemo il cancro con una semplice analisi del sangue»

L'intervista alla Professoressa Paterlini – Bréchot: «Il metodo ISET permette di riscontrare la presenza di cellule tumorali in chi ha avuto un tumore e chi è a rischio molto prima rispetto ai me...
Salute

Centrifugati, verdure e succhi di frutta “veri”. I consigli della pediatra per salvare i bambini dall’influenza con la natura

La dottoressa Ricottini, ai microfoni di Sanità Informazione, spiega quali sono i migliori rimedi naturali per combattere e prevenire i sintomi dell’influenza. E sui “dolori della crescita”…
Politica

Firmato contratto per gli statali. Dal 2018 aumenti e tutele sanitarie aggiuntive

Incassata la prima sigla per il rinnovo dei contratti della PA: per 250mila dipendenti sono in arrivo moltissime novità tra cui tutele sanitarie aggiuntive. Si tratta di un risultato storico perché...