Lavoro 16 gennaio 2017

«Ecco cosa vuol dire davvero lavorare H24…». Vite da pronto soccorso? Parla Maria Pia Ruggieri (Simeu)

Perenne stato di emergenza e turni massacranti, ecco le condizioni in cui lavorano i camici bianchi negli ospedali italiani. Maria Pia Ruggieri Presidente Società italiana Medicina emergenza-urgenza: «Sistema Sanitario lacunoso e sovraffollamento, i pronto soccorso in pessime condizioni»

Le carenze dei pronto soccorso italiani sono tornate all’attenzione mediatica in questi giorni in seguito al caso dell’ospedale di Nola. La riduzione dei posti letto, le ristrettezze organizzative, i tagli alla sanità, in concomitanza con il picco di influenza stagionale e con l’ondata di maltempo che ha investito il Paese, hanno generato il collasso di alcune strutture. Per l’ennesima volta sono emerse le insufficienze del Sistema Sanitario e le difficili condizioni in cui lavorano i medici per non parlare della scarsa assistenza riservata ai pazienti. Su questo tema, ai microfoni di Sanità Informazione, interviene Maria Pia Ruggieri, Presidente Nazionale della Società Italiana di Medicina Emergenza-Urgenza che ci racconta il suo punto di vista.

Quella del medico nei pronto soccorso che vita è?

«La vita dei pronti soccorso italiani, insieme a quella delle persone e dei professionisti che ci lavorano, è una vita difficile – spiega Ruggieri -. Il pronto soccorso ha la porta aperta 365 giorni all’anno e accoglie tutti coloro che hanno necessità di assistenza. Però il Sistema Nazionale ha molti problemi nell’organizzazione, per cui ci si trova a gestire pazienti in emergenza urgenza ma poi a non sapere dove ricoverarli, da qui nasce il sovraffollamento che sfocia in una situazione difficile sia per gli operatori sanitari sia per i cittadini che vi accedono».

Riguardo il sovraffollamento è anche un problema di orari di lavoro?

«Certamente. Inevitabilmente il problema del sovraffollamento si intreccia con il dilemma dei turni di lavoro. E’ pur vero che il sistema dell’emergenza deve essere disponibile 24 ore su 24, 365 giorni l’anno. Dunque si tratta di un apparato che non può chiudere mai».

Gli orari di lavoro così intensi si legano al tema dell’usura del personale, eppure si fatica a riconoscere questo elemento in chiave pensionistica?

«Purtroppo sì. La professione medica non è considerata professione usurante. Eppure si tratta di un lavoro ad altissima intensità fisica ma soprattutto mentale. Il cronometro del medico è estremamente veloce e non si può mai fermare. Questo elemento dovrebbe essere tenuto in maggiore considerazione. Questo è uno dei tanti problemi che si trascina il Sistema Sanitario insieme all’organizzazione che ha dei buchi evidenti».

Articoli correlati
LEA, lotta agli sprechi, diseguaglianze, parla la Presidente della Commissione Affari Sociali Lorefice (M5S): «Ridare centralità a SSN»
«Basta tagli lineari alla sanità», sottolinea l’esponente Cinque Stelle che annuncia impegno sulle aggressioni ai medici: «Solidarietà a operatori aggrediti, tema sarà priorità»
Balzanelli (118) in Commissione Senato: «Quei secondi mettono in pericolo vita italiani. Verso riforma numeri»
Il Presidente della Società Italiana Sistemi 118 nella Commissione guidata da Sileri (M5S): «Riforma legislativa del sistema che vada nella direzione di un potenziamento rispetto a politiche precedenti che l’hanno smantellato e ampiamente demolito»
Emergenza-Urgenza. Sanson: «Dal triage all’intervento clinico: il ruolo cruciale e trasversale dell’infermiere nel pronto soccorso»
Gianfranco Sanson, infermiere e tutor universitario: «L’infermiere di pronto soccorso non gestisce solo le emergenze, ma anche le carenze dell’assistenza territoriale. Necessario migliorare la formazione post-laurea e adeguare i contratti al livello di preparazione individuale»
di Isabella Faggiano
Aggressioni ai medici, Di Biagi (UGS Confintesa): «Utilizzare steward per garantire sicurezza in reparti e Pronto soccorso»
Il Segretario generale del sindacato lancia una proposta normativa che faccia rientrare le misure sulla sicurezza dei camici bianchi nella legge 81/08 sulla sicurezza sul lavoro. Poi sottolinea: «In atto cambiamento sociologico in peggio dell’educazione della popolazione»
Medicina di urgenza, Petrino (Eusem): «Aggressioni e sovraffollamento non solo in Italia, criticità europee»
«Il sistema di gestione della medicina di emergenza-urgenza inglese è il più avanzato d’Europa. L’Italia, negli ultimi anni, ha fatto passi da leone. In Spagna e Germania non è stato ancora attivato un percorso di specializzazione specifico». Roberta Petrino, presidente Eusem, l’European Society Emergency Medicine, fotografa l’Europa
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Dal corso MMG a Montecitorio, la storia di Rosa Menga (M5S): «Noi medici di famiglia portavoce dei pazienti in Parlamento»

È uno dei più giovani parlamentari della XVIII Legislatura e frequenta il corso di formazione in medicina generale: «Serve una visione meno ospedalocentrica dell’assistenza sanitaria. Telemedina ...
Diritto

Consenso informato, l’avvocato Pittella: «Per medico meno responsabilità civile o penale»

«I giudici in caso di contenzioso chiedono al paziente se è stato correttamente informato. Ma come si fa a saperlo? Un video, un audio, un consenso scritto in presenza dei testimoni? Questo è quell...
Formazione

Numero chiuso, 800 posti in più a Medicina. Gaudio (Sapienza): «Necessari per far fronte a carenza medici»

Saranno 9779 gli aspiranti camici bianchi che potranno immatricolarsi in autunno. Comunicate anche le date dei test: si inizia il 4 settembre con Medicina e Odontoiatria, il 5 con Veterinaria, il 12 s...