Lavoro 1 settembre 2015

In alta montagna scatta l’SOS medici

Carenza di personale e turni massacranti: emergenza ad alta quotaSoppresso anche il servizio d’urgenza “a gettone” diffuso nelle valli

Se la guardia medica nelle zone turistiche è ormai una sorta di oasi del deserto, anche trovare medici di base in montagna sta diventando sempre più difficile. Il problema è stato evidenziato, proprio negli ultimi giorni, dalla Fimmg. Attraverso il fiduciario Fabio Bortot, il maggiore sindacato in rappresentanza dei medici di famiglia, ha richiamato l’attenzione sulla carenza di camici bianchi ad alta quota dopo l’ultima grana esplosa a Belluno. Ma sono tante le località scoperte: dall’Alto Agordino, all’Alpago, al Comelico e a Gosaldo. Il problema è sostanzialmente di natura economica: ci sono infatti leggi regionali che prevedono un indennizzo per chi opera nelle zone disagiate, ma non sempre si riescono a reperire le adeguate coperture. Il gioco, dunque, della coperta troppo corta che finisce per penalizzare non solo i pazienti, ai quali non può essere garantito un adeguato livello di assistenza, ma anche gli stessi medici. La naturale conseguenza è infatti il sovraffollamento dei Pronto Soccorso dove il personale, già ridotto all’osso, si vede costretto a coprire lunghissimi turni lavorativi, sforando, e di molto, le 48 ore settimanali previste dalla direttiva europea 2003/88. Alla fine il medico, spinto dalla coscienza, finisce per andare oltre ogni limite ma, chiaramente, è una situazione che presta il fianco a troppi rischi, tra i quali anche quello che corre lo Stato sempre più esposto ad una nuova valanga di ricorsi.

La Fimmg esorta ministero della Salute e Regione a trovare una soluzione in tempi rapidi. Nel frattempo, peraltro, si è infatti creata anche un’altra problematica. Dal primo agosto in val Gardena, in val d’Ega e in val Venosta è stato soppresso il servizio di medicina d’emergenza, che aveva funzionato con ottimi risultati negli ultimi 15 anni, garantendo centinaia di interventi all’anno. In sostanza un gruppo di medici esterni, perfettamente formati ed equipaggiati con tutto il necessario per il primo soccorso (compresa la rianimazione), era sempre reperibile e veniva pagato a gettone, ovvero quando era chiamato in causa. Un servizio molto utile considerando i tempi di soccorso nell’area in questione, soprattutto nel cuore della notte quando fare alzare in volo un elicottero è più complicato ed un intervento nel giro di pochi minuti può, invece, fare la differenza. Proprio mentre si ragionavo su come estendere il primo soccorso “on demand” anche in val Badia, dove d’estate si toccano punte di 30mila persone, il servizio è stato invece cancellato totalmente per problemi normativi e contrattuali. C’è infatti una sentenza della Cassazione che non consente l’impiego di medici a chiamata e dovrebbe essere applicato il contratto nazionale. L’assessore alla Sanità della Provincia autonoma di Bolzano, Martha Stocker, si è però detta fiduciosa, dopo il confronto con i vertici dell’Azienda sanitaria, sulla possibilità di trovare un’intesa per ripristinare il servizio in tempi ragionevoli.

Articoli correlati
Aggressioni ai medici, la testimonianza: «Quella volta che una coppia bloccò il Ps per ore…»
ESCLUSIVA | Il racconto di un giovane medico della provincia di Napoli: «Alle proteste degli altri pazienti, il marito li aizzò contro di noi. La mia collega ebbe un malore ed intervennero Polizia e Carabinieri». Eventi come questi «accadono troppo spesso». La soluzione? «Controllo maggiore delle forze dell’ordine»
Aggressioni al personale sanitario, S.I.Ve.M.P.: «Azioni concrete o pronti allo sciopero»
L’“allarme aggressioni” fisiche e verbali ai danni di medici, infermieri ed operatori sanitari non accenna ad arrestarsi, anzi, si estende anche ai veterinari pubblici. Il S.I.Ve.M.P. (Sindacato Italiano Veterinari Medicina Pubblica) chiede a gran voce un intervento concreto da parte delle istituzioni, in seguito all’attacco subìto pochi giorni fa da altri due veterinari del servizio sanitario […]
Donne vittime di violenza: il Veneto crea i “professionisti dell’emergenza”
La Regione Veneto ha avviato un piano d’azione straordinario per supportare le donne vittime di violenza, dal momento in cui arrivano al pronto soccorso fino all’accesso nei centri antiviolenza e alle case “rifugio”. Questi sono gli obiettivi del percorso di formazione per i “professionisti dell’emergenza” attivato sulla base delle “linee guida per le aziende sanitarie e […]
Emilia-Romagna, parte il progetto per il nuovo ospedale di Cesena
Cento milioni di euro dalla Regione Emilia-Romagna per il nuovo ospedale di Cesena. Una struttura in grado di rispondere alle moderne esigenze, organizzative e funzionali, del sistema sanitario cittadino e della Romagna, e che si preannuncia all’avanguardia per comfort e sicurezza: avrà stanze a 1-2 letti, parcheggi e un’agevole viabilità d’accesso. Si svilupperà in prossimità […]
Regione Lazio: «Nonostante l’influenza, migliorati gli accessi ai pronto soccorso»
  L’andamento degli accessi ai Pronto Soccorso del Lazio ha fatto registrare nei primi tre giorni del 2018 un lieve miglioramento rispetto allo stesso periodo nello scorso anno. Infatti, alla rilevazione effettuata ogni giorno alle ore 14.00 sono stati complessivamente, in tutte le strutture romane, 4.017 gli accessi rilevati mentre nello stesso periodo del 2017, […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Medici specializzandi, storica sentenza della Corte UE: «Risarcimenti triplicati e non scatta la prescrizione»

Simona Gori, (Direttore Generale Consulcesi): «Dopo 20 anni la Corte Ue conferma quanto abbiamo sempre sostenuto. Ora si apre una nuova giurisprudenza che i Tribunali dovranno recepire in tutti i gra...
Salute

Contratto medici, partita la trattativa. Sciopero revocato, ma l’aumento deve superare gli 85 euro

Partita all'Aran la trattativa per il rinnovo del contratto dei medici. Il primo effetto concreto è stato la revoca dello sciopero fissato per il 23 febbraio. Ma per arrivare alla agognata firma atte...
Lavoro

Scadenze fiscali: slitta all’8 febbraio il termine per invio dati tessera sanitaria. Ecco le altre date…

Stefano Rigo, Presidente della Commissione Fisco FIMMG: «Gli MMG hanno un’organizzazione fiscale semplice ma pagano lo scotto della posizione tra liberi professionisti e ‘pseudo-dipendenti’». ...