Lavoro 1 settembre 2015

In alta montagna scatta l’SOS medici

Carenza di personale e turni massacranti: emergenza ad alta quotaSoppresso anche il servizio d’urgenza “a gettone” diffuso nelle valli

Se la guardia medica nelle zone turistiche è ormai una sorta di oasi del deserto, anche trovare medici di base in montagna sta diventando sempre più difficile. Il problema è stato evidenziato, proprio negli ultimi giorni, dalla Fimmg. Attraverso il fiduciario Fabio Bortot, il maggiore sindacato in rappresentanza dei medici di famiglia, ha richiamato l’attenzione sulla carenza di camici bianchi ad alta quota dopo l’ultima grana esplosa a Belluno. Ma sono tante le località scoperte: dall’Alto Agordino, all’Alpago, al Comelico e a Gosaldo. Il problema è sostanzialmente di natura economica: ci sono infatti leggi regionali che prevedono un indennizzo per chi opera nelle zone disagiate, ma non sempre si riescono a reperire le adeguate coperture. Il gioco, dunque, della coperta troppo corta che finisce per penalizzare non solo i pazienti, ai quali non può essere garantito un adeguato livello di assistenza, ma anche gli stessi medici. La naturale conseguenza è infatti il sovraffollamento dei Pronto Soccorso dove il personale, già ridotto all’osso, si vede costretto a coprire lunghissimi turni lavorativi, sforando, e di molto, le 48 ore settimanali previste dalla direttiva europea 2003/88. Alla fine il medico, spinto dalla coscienza, finisce per andare oltre ogni limite ma, chiaramente, è una situazione che presta il fianco a troppi rischi, tra i quali anche quello che corre lo Stato sempre più esposto ad una nuova valanga di ricorsi.

La Fimmg esorta ministero della Salute e Regione a trovare una soluzione in tempi rapidi. Nel frattempo, peraltro, si è infatti creata anche un’altra problematica. Dal primo agosto in val Gardena, in val d’Ega e in val Venosta è stato soppresso il servizio di medicina d’emergenza, che aveva funzionato con ottimi risultati negli ultimi 15 anni, garantendo centinaia di interventi all’anno. In sostanza un gruppo di medici esterni, perfettamente formati ed equipaggiati con tutto il necessario per il primo soccorso (compresa la rianimazione), era sempre reperibile e veniva pagato a gettone, ovvero quando era chiamato in causa. Un servizio molto utile considerando i tempi di soccorso nell’area in questione, soprattutto nel cuore della notte quando fare alzare in volo un elicottero è più complicato ed un intervento nel giro di pochi minuti può, invece, fare la differenza. Proprio mentre si ragionavo su come estendere il primo soccorso “on demand” anche in val Badia, dove d’estate si toccano punte di 30mila persone, il servizio è stato invece cancellato totalmente per problemi normativi e contrattuali. C’è infatti una sentenza della Cassazione che non consente l’impiego di medici a chiamata e dovrebbe essere applicato il contratto nazionale. L’assessore alla Sanità della Provincia autonoma di Bolzano, Martha Stocker, si è però detta fiduciosa, dopo il confronto con i vertici dell’Azienda sanitaria, sulla possibilità di trovare un’intesa per ripristinare il servizio in tempi ragionevoli.

Articoli correlati
L’OMCeO di Roma e Provincia esprime solidarietà ai medici di Nola
Rispetto ai recenti fatti di Nola, l’OMCeO di Roma e Provincia esprime solidarietà incondizionata ai colleghi dell’Ospedale nel napoletano perseguitati pur prodigandosi nell’assistere oltre mezzo milione di abitanti, disponendo dello 0,7 circa per mille di posti letto per malati acuti. L’OMCeO di Roma e Provincia esprime inoltre formale e pubblica richiesta agli Organi competenti di immediata revoca […]
Puglia, anziana 9 ore su barella in pronto soccorso a Taranto
«Al Pronto Soccorso del Ss Annunziata di Taranto una donna di circa ottant’anni è stata tenuta per nove ore su una barella in attesa di un consulto cardiologico. Al seguito i parenti, ovviamente ad attendere per ore senza nessuna comunicazione. La notizia è rimbalzata clamorosamente sui social ed ha creato un’ampia protesta. Tant’è che io […]
«Ecco cosa vuol dire davvero lavorare H24…». Vite da pronto soccorso? Parla Maria Pia Ruggieri (Simeu)
Perenne stato di emergenza e turni massacranti, ecco le condizioni in cui lavorano i camici bianchi negli ospedali italiani. Maria Pia Ruggieri Presidente Società italiana Medicina emergenza-urgenza: «Sistema Sanitario lacunoso e sovraffollamento, i pronto soccorso in pessime condizioni»
Emergenza pronto soccorso: nel 60% delle strutture oltre 12 ore di attesa per un ricovero
Malati curati a terra a Nola. Sospesi i dirigenti della struttura e aperta indagine interna. Si torna a parlare delle carenze nel settore sanitario. Ma i camici bianchi non ci stanno e in loro difesa interviene il Ministro Lorenzin: «Medici eroi». Tonino Aceti, Tdm Cittadinanzattiva: «Il Pronto Soccorso è un punto di riferimento irrinunciabile»
Liguria, Pronto Soccorso in emergenza: Fp-Cgil all’Asl 2: “Necessarie nuove assunzioni”
I Pronto Soccorso degli ospedali liguri sono in piena emergenza. Ciro Ferentino, Segretario Provinciale della Fp-Cgil, scrive dunque una lettera al Direttore Generale dell’Asl2 Eugenio Porfido per proporre la sua soluzione al gran numero di accessi alle strutture regionali registrati nelle ultime settimane. «L’anno 2017 è cominciato con problemi enormi circa l’emergenza con cui la […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

EX SPECIALIZZANDI – Accordo transattivo, Zanetti (Viceministro Economia): «Presto una soluzione»

Sempre più vicina la soluzione del lungo contenzioso tra Stato e camici bianchi sul rimborso degli anni di specializzazione. Brucia le tappe la discussione al Senato sul Ddl n°2400 che propone un ac...
Lavoro

Contratto dei medici: ecco le cifre e le date di un rinnovo in salita…

Dopo sette anni di stallo, è giunto il momento del rinnovo del contratto per medici e infermieri? È braccio di ferro tra sindacati e Governo sulle cifre
di Valentina Brazioli
Salute

È il fruttosio il killer dei nostri bambini. Nobili (Bambino Gesù): «Danni sul fegato. A 2 anni rischio obesità»

Uno studio dei ricercatori dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù dimostra la correlazione tra consumo di alte quantità di fruttosio e sviluppo di malattie epatiche gravi. Valerio Nobili, specialis...