Lavoro 1 settembre 2015

In alta montagna scatta l’SOS medici

Carenza di personale e turni massacranti: emergenza ad alta quotaSoppresso anche il servizio d’urgenza “a gettone” diffuso nelle valli

Se la guardia medica nelle zone turistiche è ormai una sorta di oasi del deserto, anche trovare medici di base in montagna sta diventando sempre più difficile. Il problema è stato evidenziato, proprio negli ultimi giorni, dalla Fimmg. Attraverso il fiduciario Fabio Bortot, il maggiore sindacato in rappresentanza dei medici di famiglia, ha richiamato l’attenzione sulla carenza di camici bianchi ad alta quota dopo l’ultima grana esplosa a Belluno. Ma sono tante le località scoperte: dall’Alto Agordino, all’Alpago, al Comelico e a Gosaldo. Il problema è sostanzialmente di natura economica: ci sono infatti leggi regionali che prevedono un indennizzo per chi opera nelle zone disagiate, ma non sempre si riescono a reperire le adeguate coperture. Il gioco, dunque, della coperta troppo corta che finisce per penalizzare non solo i pazienti, ai quali non può essere garantito un adeguato livello di assistenza, ma anche gli stessi medici. La naturale conseguenza è infatti il sovraffollamento dei Pronto Soccorso dove il personale, già ridotto all’osso, si vede costretto a coprire lunghissimi turni lavorativi, sforando, e di molto, le 48 ore settimanali previste dalla direttiva europea 2003/88. Alla fine il medico, spinto dalla coscienza, finisce per andare oltre ogni limite ma, chiaramente, è una situazione che presta il fianco a troppi rischi, tra i quali anche quello che corre lo Stato sempre più esposto ad una nuova valanga di ricorsi.

La Fimmg esorta ministero della Salute e Regione a trovare una soluzione in tempi rapidi. Nel frattempo, peraltro, si è infatti creata anche un’altra problematica. Dal primo agosto in val Gardena, in val d’Ega e in val Venosta è stato soppresso il servizio di medicina d’emergenza, che aveva funzionato con ottimi risultati negli ultimi 15 anni, garantendo centinaia di interventi all’anno. In sostanza un gruppo di medici esterni, perfettamente formati ed equipaggiati con tutto il necessario per il primo soccorso (compresa la rianimazione), era sempre reperibile e veniva pagato a gettone, ovvero quando era chiamato in causa. Un servizio molto utile considerando i tempi di soccorso nell’area in questione, soprattutto nel cuore della notte quando fare alzare in volo un elicottero è più complicato ed un intervento nel giro di pochi minuti può, invece, fare la differenza. Proprio mentre si ragionavo su come estendere il primo soccorso “on demand” anche in val Badia, dove d’estate si toccano punte di 30mila persone, il servizio è stato invece cancellato totalmente per problemi normativi e contrattuali. C’è infatti una sentenza della Cassazione che non consente l’impiego di medici a chiamata e dovrebbe essere applicato il contratto nazionale. L’assessore alla Sanità della Provincia autonoma di Bolzano, Martha Stocker, si è però detta fiduciosa, dopo il confronto con i vertici dell’Azienda sanitaria, sulla possibilità di trovare un’intesa per ripristinare il servizio in tempi ragionevoli.

Articoli correlati
Niente ambulanza e il paziente muore. Procedimento disciplinare per quattro operatori del 118
A Napoli è stato avviato un procedimento disciplinare nei confronti di quattro operatori del 118 che avevano riferito dell’impossibilità di inviare un’ambulanza ad un uomo di 42 anni, malato di talassemia, che si era sentito male alla stazione e che è morto dopo circa mezz’ora di attesa. Dal sistema informatico della centrale operativa si evince invece […]
Dolore acuto e cronico: boom in Italia, in 10 milioni al pronto soccorso per questo disturbo
Tra le cause del dolore acuto troviamo i disturbi di 3 macro-aree: mal di schiena (78% di accessi al pronto soccorso), cefalea (16%) e coliche renali (5%), il focus al Meeting Salute di Rimini
Simeu, allarme sovraffollamento pronto soccorso: ogni giorno 3000 persone in attesa
La settimana nazionale del pronto soccorso indetta da Simeu (Società italiana della medicina di emergenza-urgenza) è quest’anno dedicata al problema del sovraffollamento, che riguarda quotidianamente tutti gli ospedali italiani: sono circa 3000 infatti le persone che ogni giorno ricevono le cure necessarie in urgenza ed attendono poi in pronto soccorso di essere spostati in reparto. […]
Servizio di guardia medica presso istituti di pena: rapporto di lavoro autonomo o subordinato?
Con la sentenza n. 10189 del 24 aprile 2017 la Cassazione ha precisato che: il rapporto di lavoro dei medici incaricati presso gli istituti di prevenzione e di pena per le esigenze del servizio di guardia medica, ai sensi dell’art. 51 della legge n. 740/70, è un rapporto di lavoro autonomo, atteso che, da un […]
L’OMCeO di Roma e Provincia esprime solidarietà ai medici di Nola
Rispetto ai recenti fatti di Nola, l’OMCeO di Roma e Provincia esprime solidarietà incondizionata ai colleghi dell’Ospedale nel napoletano perseguitati pur prodigandosi nell’assistere oltre mezzo milione di abitanti, disponendo dello 0,7 circa per mille di posti letto per malati acuti. L’OMCeO di Roma e Provincia esprime inoltre formale e pubblica richiesta agli Organi competenti di immediata revoca […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ESCLUSIVA ǀ Scuole di specializzazione in medicina: «Ecco il perché delle bocciature»

Intervista a Roberto Vettor, Presidente dell’Osservatorio Nazionale Formazione Medica Specialistica
Lavoro

ESCLUSIVA | Oliveti, Enpam: la grande sfida della Sanità italiana, diventare motore di sviluppo e ripresa

Cumulo contributivo, c’è la copertura finanziaria. Ma attendiamo esplicazione del Governo. Numero chiuso, università, sviluppo e ripresa, cure territoriali, welfare e patto generazionale: tutto q...
Formazione

Test medicina: proteste davanti atenei. Ben 124 i posti in meno rispetto al 2016, arriva interrogazione parlamentare

Anche quest’anno al via i test d’ingresso per le facoltà a numero chiuso. Ad aprire le danze Medicina e odontoiatria con 67mila domande d’iscrizione e 124 posti in meno rispetto al 2016. Intant...