Lavoro 1 settembre 2015

In alta montagna scatta l’SOS medici

Carenza di personale e turni massacranti: emergenza ad alta quotaSoppresso anche il servizio d’urgenza “a gettone” diffuso nelle valli

Se la guardia medica nelle zone turistiche è ormai una sorta di oasi del deserto, anche trovare medici di base in montagna sta diventando sempre più difficile. Il problema è stato evidenziato, proprio negli ultimi giorni, dalla Fimmg. Attraverso il fiduciario Fabio Bortot, il maggiore sindacato in rappresentanza dei medici di famiglia, ha richiamato l’attenzione sulla carenza di camici bianchi ad alta quota dopo l’ultima grana esplosa a Belluno. Ma sono tante le località scoperte: dall’Alto Agordino, all’Alpago, al Comelico e a Gosaldo. Il problema è sostanzialmente di natura economica: ci sono infatti leggi regionali che prevedono un indennizzo per chi opera nelle zone disagiate, ma non sempre si riescono a reperire le adeguate coperture. Il gioco, dunque, della coperta troppo corta che finisce per penalizzare non solo i pazienti, ai quali non può essere garantito un adeguato livello di assistenza, ma anche gli stessi medici. La naturale conseguenza è infatti il sovraffollamento dei Pronto Soccorso dove il personale, già ridotto all’osso, si vede costretto a coprire lunghissimi turni lavorativi, sforando, e di molto, le 48 ore settimanali previste dalla direttiva europea 2003/88. Alla fine il medico, spinto dalla coscienza, finisce per andare oltre ogni limite ma, chiaramente, è una situazione che presta il fianco a troppi rischi, tra i quali anche quello che corre lo Stato sempre più esposto ad una nuova valanga di ricorsi.

La Fimmg esorta ministero della Salute e Regione a trovare una soluzione in tempi rapidi. Nel frattempo, peraltro, si è infatti creata anche un’altra problematica. Dal primo agosto in val Gardena, in val d’Ega e in val Venosta è stato soppresso il servizio di medicina d’emergenza, che aveva funzionato con ottimi risultati negli ultimi 15 anni, garantendo centinaia di interventi all’anno. In sostanza un gruppo di medici esterni, perfettamente formati ed equipaggiati con tutto il necessario per il primo soccorso (compresa la rianimazione), era sempre reperibile e veniva pagato a gettone, ovvero quando era chiamato in causa. Un servizio molto utile considerando i tempi di soccorso nell’area in questione, soprattutto nel cuore della notte quando fare alzare in volo un elicottero è più complicato ed un intervento nel giro di pochi minuti può, invece, fare la differenza. Proprio mentre si ragionavo su come estendere il primo soccorso “on demand” anche in val Badia, dove d’estate si toccano punte di 30mila persone, il servizio è stato invece cancellato totalmente per problemi normativi e contrattuali. C’è infatti una sentenza della Cassazione che non consente l’impiego di medici a chiamata e dovrebbe essere applicato il contratto nazionale. L’assessore alla Sanità della Provincia autonoma di Bolzano, Martha Stocker, si è però detta fiduciosa, dopo il confronto con i vertici dell’Azienda sanitaria, sulla possibilità di trovare un’intesa per ripristinare il servizio in tempi ragionevoli.

Articoli correlati
Aggressioni ai medici, Di Biagi (UGS Confintesa): «Utilizzare steward per garantire sicurezza in reparti e Pronto soccorso»
Il Segretario generale del sindacato lancia una proposta normativa che faccia rientrare le misure sulla sicurezza dei camici bianchi nella legge 81/08 sulla sicurezza sul lavoro. Poi sottolinea: «In atto cambiamento sociologico in peggio dell’educazione della popolazione»
Medicina di urgenza, Petrino (Eusem): «Aggressioni e sovraffollamento non solo in Italia, criticità europee»
«Il sistema di gestione della medicina di emergenza-urgenza inglese è il più avanzato d’Europa. L’Italia, negli ultimi anni, ha fatto passi da leone. In Spagna e Germania non è stato ancora attivato un percorso di specializzazione specifico». Roberta Petrino, presidente Eusem, l’European Society Emergency Medicine, fotografa l’Europa
di Isabella Faggiano
Simeu, XI Congresso nazionale. Le sfide del futuro, la Presidente Ruggieri: «Fermare aggressioni e aumentare posti scuole di specializzazione»
«Nei Pronto Soccorso italiani, oltre alle emergenze sanitarie, tutto il personale è chiamato a gestire altre due grandi sfide: le aggressioni ai danni dei sanitari e il sovraffollamento. Preoccupante la riduzione dei posti nelle scuole di specializzazione». È questo lo scenario delineato da Maria Pia Ruggieri, Presidente e Responsabile Scientifico del Congresso Nazionale Simeu, all’apertura dei lavori della XI edizione
di Isabella Faggiano
Aggressioni ai medici, i dati dell’OMCeO Roma: Puglia regione più colpita, 30 mln il costo per Ssn. Magi convoca Asl e Ospedali del Lazio
La maggior parte dei casi nei Pronto Soccorso e nei reparti di degenza. La metà delle volte è il paziente a compiere violenza. Il picco dopo mezzanotte. Parte la campagna dell’Ordine “Difendiamo la nostra salute”
#PicchiateMe, lettera aperta di Silvestro Scotti (Fimmg) ai cittadini: «Se picchiate un medico picchiate voi stessi»
Il Presidente dell’Ordine dei Medici di Napoli usa l’arma della provocazione intervenendo sul tema delle aggressioni ai camici bianchi. E sottolinea: «Lo Stato non difende chi difendendo il diritto alla salute si prende cura del senso stesso dello Stato»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

È Giulia Grillo il nuovo Ministro della Salute: ecco come la pensa su vaccini, liste d’attesa e intramoenia

Il medico, nato a Catania il 30 maggio di 43 anni fa, è stata indicata per il dicastero della Salute del Governo Conte. Spesso presente in prima linea alle iniziative sindacali unitarie dei medici, t...
Politica

Corruzione in sanità, Sileri (M5S): «Toglie risorse a pazienti, combatterla sarà priorità del governo Conte»

«La lotta alla corruzione fa parte del contratto di governo. Io come medico vivo la corruzione in sanità che mangia gran parte del fabbisogno destinato ad i pazienti» così il chirurgo e senatore d...
Salute

Contratto medici, Quici (CIMO): «Aran ci propone copia e incolla del comparto sanità. Ma noi non firmeremo testi peggiorativi»

Il Presidente del sindacato si dice ‘arrabbiato’ per l’andamento delle trattative sul rinnovo contrattuale. E spiega: «Lo Stato ha incluso le risorse nel Fondo sanitario nazionale mentre le reg...