Diritto 19 maggio 2015

TURNI MASSACRANTI«Ora la politica intervenga per aiutare i medici»

Intervista alla senatrice Serenella Fucksia: “Condizioni di lavoro logoranti mettono a rischio la vita dei camici bianchi e quella dei cittadini. È il momento che il Parlamento agisca”

Immagine articolo

I medici sono sempre meno soli. Il fronte contro i cosiddetti turni massacranti cui vengono sottoposti i camici bianchi italiani si fa ancora più ampio e comprende forze sindacali e politiche di ogni schieramento.


L’Italia si è adeguata con colpevole ritardo alla direttiva europea 2003/88 sugli orari di lavoro, applicata nel nostro Paese per tutti i lavoratori tranne che per quelli che operano in ambito sanitario, spingendoli a fare ricorso per ottenere un rimborso economico per le ore lavorate in più. Sul tema abbiamo raccolto diverse voci, tutte concordi sull’esigenza di trovare una soluzione istituzionale. A partire dalla senatrice del Movimento 5 Stelle Serenella Fucksia, Segretario della 12ª Commissione permanente (Igiene e sanità) di Palazzo Madama.

Senatrice Fucksia, uno dei temi più caldi relativi al settore sanitario italiano è quello degli orari di lavoro dei medici, sottoposti a turni massacranti per mancanza di risorse e personale.

«In Italia abbiamo medici e operatori sanitari che, pur lavorando molto di più dei colleghi europei, guadagnano di meno perché non gli vengono pagati gli straordinari. Teniamo presente che quello effettuato in ospedale è un lavoro logorante e usurante. Mi riferisco soprattutto a chi opera in sala operatoria, a chi fa i turni di notte, a chi gestisce le emergenze dei Pronto Soccorso e dunque deve spesso prendere decisioni molto difficili in tempi rapidissimi senza, però, avere a disposizione gli strumenti giusti. Conosco la questione perché mi sono occupata personalmente di una proposta di legge sui lavori usuranti: esistono delle mansioni che non possono essere svolte ad una certa età, perché il lavoratore non è più in condizioni di farlo. E questo non va soltanto contro al diretto interessato – nel nostro caso al medico – ma anche al paziente».

Quello dei turni massacranti è un tema sollevato dall’Unione Europea attraverso una normativa specifica sugli orari di lavoro. Un obbligo che l’Italia, almeno inizialmente, non ha rispettato e che non rispetterà almeno fino all’inizio del prossimo anno. Nel frattempo, però, i medici cominciano ad agire anche dal punto di vista legale verso lo Stato e non contro le Aziende in cui lavorano per ottenere un rimborso per le ore lavorate in più. Le istituzioni devono prenderne atto.

«È certamente giusto che le istituzioni ne prendano atto ma, anche qui, continuiamo a prenderci in giro: recepiamo le direttive europee ma poi spesso e volentieri ci accorgiamo di non essere pronti ad attuarle. Non si può andare avanti così, non si può sempre cercare la soluzione all’italiana: se siamo in Europa dobbiamo anche avere la dignità necessaria per starci. C’è però da dire anche che l’Italia è diventata il Paese che spende di meno per la sanità sia a livello europeo che mondiale, ma le risorse risparmiate vanno reinvestite: nel personale innanzitutto, ma anche nella formazione. I tagli non devono andare ad incidere sulla qualità della prestazione sanitaria».

Articoli correlati
Il medico che non fruisce del riposo settimanale può essere risarcito?
La fruizione del riposo settimanale è un diritto indisponibile, riconosciuto e tutelato sia dall’art. 36 della Costituzione che dall’art. 5 della direttiva 2003/88/CE e pertanto l’azienda sanitaria deve garantirlo. La Corte di Cassazione con la sentenza n. 14770 del 14 giugno 2017 ha affermato che la previsione di un compenso maggiorato per l’attività prestata in […]
Medici, stangata RC Auto nel 2017. Magi (Sumai): «Camici bianchi disattenti alla guida? Colpa del blocco del turnover…»
Dal rapporto di Facile.it operatori sanitari bollati come ‘disattenti’. Il 4,66% di loro subirà un aumento dei premi assicurativi. Antonio Magi, Segretario Generale del Sindacato degli Specialisti Ambulatoriali Sumai-Assoprof: «Medici anziani costretti a turni massacranti»
«Ecco cosa vuol dire davvero lavorare H24…». Vite da pronto soccorso? Parla Maria Pia Ruggieri (Simeu)
Perenne stato di emergenza e turni massacranti, ecco le condizioni in cui lavorano i camici bianchi negli ospedali italiani. Maria Pia Ruggieri Presidente Società italiana Medicina emergenza-urgenza: «Sistema Sanitario lacunoso e sovraffollamento, i pronto soccorso in pessime condizioni»
Turni massacranti, un anno dopo: legge inapplicata, i medici dicono basta
Camici bianchi in agitazione: senza gli emendamenti richiesti alla legge di Bilancio, lunedì 28 sarà sciopero: assunzioni, contratto e stabilizzazioni temi centrali esattamente come dodici mesi fa quando entrò in vigore la Legge 161 sugli orari di lavoro. Ecco cosa (non) è cambiato…
Poco personale e giovani precari, l’allarme dei cardiologi Romeo (Tor Vergata): «Così il nostro lavoro è quintuplicato»
Niente assunzioni dal 2008 e giovani precari anche dopo 7 anni di lavoro. È il quadro che il dottor Franco Romeo, direttore della Cattedra di Cardiologia dell’Università degli Studi Tor Vergata di Roma, fa della realtà in cui lavora. Realtà che, fatta esclusione per alcune strutture analoghe che non registrano grossi problemi di organico, rispecchia il generale andamento nazionale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

EX SPECIALIZZANDI – Accordo transattivo, Zanetti (Viceministro Economia): «Presto una soluzione»

Sempre più vicina la soluzione del lungo contenzioso tra Stato e camici bianchi sul rimborso degli anni di specializzazione. Brucia le tappe la discussione al Senato sul Ddl n°2400 che propone un ac...
Lavoro

Contratto dei medici: ecco le cifre e le date di un rinnovo in salita…

Dopo sette anni di stallo, è giunto il momento del rinnovo del contratto per medici e infermieri? È braccio di ferro tra sindacati e Governo sulle cifre
di Valentina Brazioli
Salute

È il fruttosio il killer dei nostri bambini. Nobili (Bambino Gesù): «Danni sul fegato. A 2 anni rischio obesità»

Uno studio dei ricercatori dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù dimostra la correlazione tra consumo di alte quantità di fruttosio e sviluppo di malattie epatiche gravi. Valerio Nobili, specialis...