Diritto 31 ottobre 2016

Responsabilità professionale, Gelli (Pd): «Formazione e prevenzione punti fondamentali. Avanti verso approvazione»

Intervista al responsabile sanità del PD e relatore del Ddl 2224: «Importante giudicare il merito del referendum costituzionale del 4 dicembre. Per la sanità si può ricreare un nuovo equilibrio tra Stato e Regioni»

Responsabilità professionale del personale sanitario: il disegno di legge Gelli (testo Ddl n. 2224), attualmente in via di approvazione presso il Parlamento, innesca una rivoluzione nel sistema delle responsabilità sia civili che penali degli operatori sanitari.

«La Commissione Sanità del Senato ha approvato i primi emendamenti e modifiche agli articoli» spiega Federico Gelli, Responsabile Sanità PD e relatore del Ddl. «Tra i punti approvati: l’organizzazione del risk management, l’obbligatorietà della formazione degli operatori e il punto più rilevante, quello della prevenzione, della capacità del sistema sanitario di prevenire l’errore e quindi in qualche modo di evitare danni a carico del cittadino – prosegue Gelli -. L’impegno, è che la proposta venga approvata in Commissione, nell’arco delle prossime uno o due settimane, per arrivare nel mese di novembre al testo finale che poi verrà ratificato alla Camera».

Di grande attualità il capitolo sanità della legge di Bilancio 2017 che ha reso pubbliche voci di spesa che, secondo il Governo, dovrebbero incidere positivamente sulla vita quotidiana dei cittadini. Un sostegno forte economico al comparto che va anche nella direzione dei medici ex specializzandi. «Il Governo ha voluto sostenere il comparto incrementando il fondo sanitario nazionale di due miliardi di euro – spiega Gelli –. Questo è un segnale di grandissima rilevanza e importanza insieme a tutte quelle altre misure di coesione sociale, di tutela delle categorie socialmente più in difficoltà». Una maggiore disponibilità di risorse economiche, illustra il relatore, permetteranno di stabilizzare e assumere personale. «Finalmente una boccata di ossigeno che ci permetterà di sanare alcune situazioni pregresse come quelle ovviamente degli specializzandi o degli ex specializzandi. Auspico un’approvazione in tempi rapidi della norma».

La sanità sarà inoltre uno dei temi centrali del Referendum costituzionale del 4 dicembre. Vedremo se l’ago della bilancia convergerà verso la centralizzazione delle decisioni di politica sanitaria oppure se rimarrà fisso sulla decentralizzazione regolamentata dall’articolo 117 della Costituzione. «La riforma costituzionale è un appuntamento che spesso viene derubricato ad un competizione tra fazioni, dove lo slogan copre spesso il significato che ci sta dietro – spiega Gelli –. Vorrei invitare tutti a guardare nella profondità nel merito della riforma, c’è una parte importante che abbiamo curato, io in prima persona, cioè la modifica del Titolo V».

Il Titolo V della Costituzione, già sottoposto a modifica nel 2001 dal Governo Amato, «prevede oggi – prosegue Gelli – ben 21 modelli sanitari diversi, una disparità tra nord e sud del Paese ancora più evidente, avere un diritto alla salute diverso a seconda del luogo di residenza non è ottimale.  Queste difformità devono essere in qualche modo risolte, bisogna ricreare un nuovo equilibrio e garantire a tutti gli stessi diritti perché l’articolo 32 della Costituzione, che è il diritto alla salute, non diventi solo una bella manifestazione ma sia una realtà oggettiva in ogni angolo del Paese». Il deputato del Pd conclude che con la modifica del Titolo V e dell’articolo 117: «Daremo più forza allo Stato per affiancare quelle Regioni in difficoltà e per mantenere un equilibrio non solo economico ma anche di tutela e diritti essenziali dell’assistenza sanitaria».

Articoli correlati
Contratto Sanità, Cosmed: «Niente rinnovo dal 2009, ma partono formalità per 2019 -2021»
La Confederazione sindacale della dirigenza medica denuncia l'avvio delle misure per la rilevazione della rappresentatività sindacale ai fini della stagione contrattuale 2019-21. «In materia di contratti la burocrazia è la cosa che funziona meglio»
Rapporto Aiop, aumentano italiani insoddisfatti della sanità. Delai: «Sistema pubblico va integrato»
Cresce l’insoddisfazione degli italiani, arrivata al 32,2%, oltre il 50% al Sud. Il curatore: “C’è stato un taglio dei costi ma non una riorganizzazione dei servizi”. In calo la spesa sanitaria in percentuale sul Pil, dato sotto la media dei paesi europei
Sanità, il ministro Lorenzin nomina componenti Osservatorio nazionale sicurezza in sanità
«Il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, in attuazione dell’art. 3 della legge n. 24 del 2017, recante “Disposizioni in materia di sicurezza delle cure e della persona assistita, nonché in materia di responsabilità professionale degli esercenti le professioni sanitarie”, ha nominato i componenti dell’Osservatorio nazionale delle buone pratiche sulla sicurezza in Sanità –  fa sapere il ministero. Sono […]
Legge Gelli, parla il chirurgo: «Valutare caso per caso, a volte il rischio è necessario»
In attesa dei decreti attuativi, il punto di vista del professor Valentino Valentini, chirurgo Maxillo-Facciale: «Quello che viene definito ‘errore’, spesso è un tentativo di salvare la vita del paziente»
Legge Bilancio 2018: cosa cambia per il comparto sanità? Ecco tutte le novità…
Quali saranno le aree di applicazione della manovra? A pochi giorni dall’inizio del nuovo anno già si iniziano a tracciare i primi bilanci ma i sindacati restano insoddisfatti…
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

INTERVISTA ESCLUSIVA: «Ecco come prevederemo il cancro con una semplice analisi del sangue»

L'intervista alla Professoressa Paterlini – Bréchot: «Il metodo ISET permette di riscontrare la presenza di cellule tumorali in chi ha avuto un tumore e chi è a rischio molto prima rispetto ai me...
Salute

Centrifugati, verdure e succhi di frutta “veri”. I consigli della pediatra per salvare i bambini dall’influenza con la natura

La dottoressa Ricottini, ai microfoni di Sanità Informazione, spiega quali sono i migliori rimedi naturali per combattere e prevenire i sintomi dell’influenza. E sui “dolori della crescita”…
Politica

Firmato contratto per gli statali. Dal 2018 aumenti e tutele sanitarie aggiuntive

Incassata la prima sigla per il rinnovo dei contratti della PA: per 250mila dipendenti sono in arrivo moltissime novità tra cui tutele sanitarie aggiuntive. Si tratta di un risultato storico perché...