Lavoro 15 febbraio 2018

Carenza medici, l’Enpam ripropone la App: il part-time per i medici vicini alla pensione se affiancati da giovani

L’anticipazione della prestazione pensionistica (App) prevede la diminuzione dell’attività lavorativa dei medici di famiglia vicini alla pensione, a fronte dell’immediato inserimento di un giovane medico di medicina generale. Ma per applicarla, la App deve essere contemplata dall’Accordo collettivo nazionale

Il pericolo della carenza di medici è reale. È questo l’allarme lanciato dall’Enpam, la cassa dei medici, riferendosi al dibattito di queste ore che ha visto gli interventi di FNOMCeO, sindacati, politici e opinione pubblica. Non ci sono abbastanza giovani per sostituire i medici che nei prossimi anni andranno in pensione. Le cause sono ormai chiare a tutti: la programmazione degli accessi alla formazione post-laurea inadeguata rispetto ai bisogni dei cittadini e il blocco delle convenzioni e del turn-over che sta ostacolando il graduale ingresso nel sistema sanitario dei giovani medici.

Ma quali possono essere le soluzioni? La cassa ripropone l’anticipazione della prestazione pensionistica, o App: una vera e propria staffetta generazionale che prevede la diminuzione dell’attività lavorativa dei medici di famiglia vicini alla pensione, a fronte dell’immediato inserimento di un giovane medico di medicina generale. Tuttavia l’applicazione della App potrà avvenire solo quando, e se, verrà contemplata dall’Accordo collettivo nazionale, che è ancora fermo.

Una misura, quella proposta dall’Enpam, che è stata studiata negli scorsi anni, e che rappresenta un incentivo al part-time, vista la maggiore flessibilità di uscita dalla professione durante gli ultimi anni di attività prima della pensione che offre. La diminuzione dell’attività professionale, e quindi del reddito percepito da parte del medico, verrebbe bilanciata dall’intervento dell’Enpam attraverso l’Anticipo della prestazione previdenziale.

«Immaginiamo la carriera di un professionista come un doppio binario – ha spiegato il Presidente dell’Enpam, Alberto Oliveti -: uno si interrompe alla data della pensione anticipata, l’altro al giorno della pensione ordinaria. Riceverà da parte della Asl una retribuzione pari al 50 per cento, mentre per la parte del binario interrotto riceve dal suo ente previdenziale un anticipo della pensione che gli spetterebbe se si fosse pensionato su tutto».

In questo scenario, la retribuzione “risparmiata” dalla Asl potrebbe andare verso un giovane collega che partecipa all’assistenza della stessa platea di assistiti. Questo significa che per ogni medico titolare delle scelte che aderisse all’App si creerebbe un posto di lavoro, e che contemporaneamente un giovane medico sin dal primo giorno di lavoro potrebbe arrivare a un compenso non lontano da 750 quote capitarie, mentre si sa che in caso di avviamento di un nuovo ambulatorio le tempistiche per avvicinarsi a questo obiettivo sono decisamente più lunghe.

 

LEGGI ANCHE: CARENZA DI MEDICI, LA CURA DI ANAAO: CONTRIBUTI DELLE REGIONI, TEACHING HOSPITAL E LIBERA PROFESSIONE PER GLI SPECIALIZZANDI

Articoli correlati
Carenza medici, anche la Fiaso lancia l’allarme: «Nei prossimi 5 anni ne mancheranno quasi 12mila, maggior numero tra anestesisti»
I camici bianchi dei servizi sanitari di base rischiano “scomparsa”. Primato italiano di anzianità dei medici: il 51,5% ha superato i 55 anni di età. Ripa di Meana: «Paura innovazione e cambio regole pensionamento incentivano uscite». Le Regioni: «Siamo al lavoro per ampliare borse di studio»
Leoni (FNOMCeO): «La più grande sfida del 2018 per gli ospedali? Pianificare le ferie dei medici»
Il Vicepresidente FNOMCeO e Presidente dell’OMCeO di Venezia avverte: «Se non si aumentano le borse di studio per specializzazioni e corsi MMG assisteremo ad un peggioramento del SSN, e anche con una certa velocità»
Numero chiuso, 800 posti in più a Medicina. Gaudio (Sapienza): «Necessari per far fronte a carenza medici»
Saranno 9779 gli aspiranti camici bianchi che potranno immatricolarsi in autunno. Comunicate anche le date dei test: si inizia il 4 settembre con Medicina e Odontoiatria, il 5 con Veterinaria, il 12 sarà la volta delle Professioni sanitarie ed il 13 dei corsi in inglese
Veneto, allarme carenza medici. De Poli (Udc): «Servono più finanziamenti a Scuole di Medicina»
Studio Anaao certifica: mille medici ospedalieri in meno tra cinque anni in regione. Il Presidente dell’Udc: «Sanità pubblica va difesa puntando sulla formazione. Grillo agisca»
Congresso Anaao, si chiude l’era Troise: «La mia vittoria più grande è aver tenuto in piedi il sindacato, nonostante tutto»
Nelle parole della relazione del Segretario Nazionale uscente l’orgoglio per i risultati ottenuti e il rammarico per le battaglie non ancora concluse, a partire dal rinnovo del contratto, su cui però si dice fiducioso: «Spero che in autunno la trattativa si chiuda»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Dal corso MMG a Montecitorio, la storia di Rosa Menga (M5S): «Noi medici di famiglia portavoce dei pazienti in Parlamento»

È uno dei più giovani parlamentari della XVIII Legislatura e frequenta il corso di formazione in medicina generale: «Serve una visione meno ospedalocentrica dell’assistenza sanitaria. Telemedina ...
Diritto

Consenso informato, l’avvocato Pittella: «Per medico meno responsabilità civile o penale»

«I giudici in caso di contenzioso chiedono al paziente se è stato correttamente informato. Ma come si fa a saperlo? Un video, un audio, un consenso scritto in presenza dei testimoni? Questo è quell...
Salute

Stop alla Cannabis Light? Ma l’Italia punta su quella terapeutica

Efficace nel trattamento di un grande numero di patologie, la cannabis terapeutica si sta ritagliando un ruolo fondamentale nel mondo sanitario. Negli ultimi anni la domanda è impennata ma l’obiett...