Giovani 3 ottobre 2016

Il futuro della chirurgia? Per Acoi viene prima il presente dei giovani

Al congresso di Roma il Presidente Diego Piazza si concentra su due sfide: sistema universalistico e migliori opportunità per i giovani colleghi: «Già tante iniziative in campo, ma stiamo lavorando anche a nuovi accordi»

Sostenibilità, innovazione, contenzioso ed etica. Su questi temi si sono confrontati all’Auditorium Parco della Musica di Roma i chirurghi italiani. Il congresso congiunto delle 27 Società scientifiche del settore è diventata l’occasione anche per confrontarsi sul futuro della professione. L’appuntamento è stato fortemente voluto dai presidenti delle due società maggiormente rappresentative (Francesco Corcione della Sic e Diego Piazza per Acoi) è diventato il primo grande incontro congiunto della Chirurgia italiana con una forte attenzione riservata ai giovani. Uno sguardo proiettato alle future generazioni di chirurghi, vagliando le soluzioni da adottare per superare le principali avversità del momento.

Sanità Informazione ha fatto il punto della situazione con Diego Piazza, presidente dell’Associazione dei Chirurghi Ospedalieri Italiani (ACOI).

Presidente, quali sono le principali sfide da affrontare e vincere per la vostra categoria?

«È un momento complicato per tutti e lo è anche per il mondo chirurgico. Abbiamo affrontato il problema ancora più ampio della sostenibilità del nostro sistema sanitario universalistico. Acoi è impegnata in prima fila per mantenere in Italia un sistema universalistico che possa esaudire la richiesta di sanità per tutti i cittadini. È chiaro che si tratta di una sfida difficile perché dovremmo riuscire a combinare l’offerta con la domanda e sappiamo che in tempi di ristrettezze economiche bisognerà fare gli sforzi da parte di tutti per continuare a mantenere questo sistema sostenibile».

Questo appuntamento ha legato molto la sostenibilità all’innovazione. È questo il volano di crescita?

«Qualsiasi sistema, compreso quello sanitario, è una sala operatoria: non si evolve è destinato a morire. Quindi noi dobbiamo avere un’evoluzione calibrata alle risorse economiche. Non possiamo bloccare il progresso perché chi si ferma è perduto».

Sostenibilità ed innovazione nel futuro rappresentato dai giovani. Acoi è molto attenta ai chirurghi di domani. Ci sono iniziative messe in campo a tal proposito con tutele legali e aggiornamento ECM gratuito proprio per avviare i giovani alla professione. La vostra proposta?

«Una società che non guarda ai giovani non ha futuro. Noi abbiamo in questo momento 17 scuole Acoi di chirurgia. Abbiamo sempre sostenuto i giovani che hanno una quota associativa molto più bassa all’interno della nostra associazione, abbiamo un gruppo Giovani Acoi. Io ritengo che continueremo a fare tanto, anzi sempre di più, per i giovani chirurghi».

Il panorama che emerge, anche da questo congresso, è di giovani chirurghi costretti ad emigrare all’estero per cercare un lavoro stabile e adeguatamente retribuito. Chi resta in Italia, invece, ha notevoli difficoltà nel sostenere le spese per la formazione ECM obbligatoria e per la tutela legale. Qual è il vostro contributo e in che maniera pensate di intervenire per sostenerli.

«Noi badiamo a tutti gli aspetti dei giovani compresa la tutela legale. Stiamo lavorando per accordi che possano favorire una migliore tutela legale per chi si avvia a fare il medico».

Articoli correlati
Anelli (Omceo Bari): «Per ECM servono qualità, indipendenza e innovazione. Puntare su casi simulati e nuove tecnologie»
Sergio Bovenga (FNOMCeO): «Sempre più il sistema giudiziario e delle assicurazioni porranno la loro attenzione sullo stato di aggiornamento dei professionista eventualmente coinvolto in un contenzioso professionale e farsi trovare impreparati, ovvero non in regola con le norme Ecm, non aiuterà di certo". Un motivo in più per fare formazione e tenersi sempre aggiornati
Chirurgia, l’assurda crisi italiana. Marini (ACOI): «Siamo i più bravi, ma dovremo assumere stranieri. Benvenuta Legge Gelli»
«Formazione, calo delle vocazioni e chirurgia omissiva i nodi da sciogliere. Importante la Legge Gelli, ma aspettiamo decreti e tabelle assicurative». Parla il Presidente dell’Associazione dei Chirurghi Ospedalieri Italiani
Bambini disabili: lo sport giusto fa bene. Ma lo deve prescrivere il medico: dal tennis al nuoto, ecco i consigli
L’attività fisica è un elemento fondamentale nella crescita ed evoluzione psicofisica dei giovani. Bambini e adolescenti affetti da malattie croniche e disabilità non devono fare eccezione. I consigli dello specialista esperto per la scelta delle attività più indicate nelle differenti situazioni patologiche
Formazione ECM, Bovenga (Segretario FNOMCeO): «Requisito indispensabile per professione»
Il Segretario FNOMCeO ritorna su un argomento fondamentale per tutta la categoria: l'aggiornamento professionale. L'articolo 16 quater della Legge 502 del 1992 impone formazione a tutti gli operatori sanitari e per le strutture private con dipendenti non in regola c'è la sospensione dell'accreditamento
Corsi di formazione specifica in Medicina Generale: riaperti i termini del concorso
Il Ministero della Salute con atto pubblicato in Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n.57 del 28-7-2017 comunica che le Regioni, a seguito dell’emanazione del DM 7 giugno 2017 (Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n. 135 del 13 giugno 2017), hanno pubblicato i bandi di riapertura dei termini relativi al concorso per l’ammissione ai corsi di […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ESCLUSIVA ǀ Scuole di specializzazione in medicina: «Ecco il perché delle bocciature»

Intervista a Roberto Vettor, Presidente dell’Osservatorio Nazionale Formazione Medica Specialistica
Lavoro

ESCLUSIVA | Oliveti, Enpam: la grande sfida della Sanità italiana, diventare motore di sviluppo e ripresa

Cumulo contributivo, c’è la copertura finanziaria. Ma attendiamo esplicazione del Governo. Numero chiuso, università, sviluppo e ripresa, cure territoriali, welfare e patto generazionale: tutto q...
Formazione

Test medicina: proteste davanti atenei. Ben 124 i posti in meno rispetto al 2016, arriva interrogazione parlamentare

Anche quest’anno al via i test d’ingresso per le facoltà a numero chiuso. Ad aprire le danze Medicina e odontoiatria con 67mila domande d’iscrizione e 124 posti in meno rispetto al 2016. Intant...