Giovani 3 ottobre 2016

Il futuro della chirurgia? Per Acoi viene prima il presente dei giovani

Al congresso di Roma il Presidente Diego Piazza si concentra su due sfide: sistema universalistico e migliori opportunità per i giovani colleghi: «Già tante iniziative in campo, ma stiamo lavorando anche a nuovi accordi»

Sostenibilità, innovazione, contenzioso ed etica. Su questi temi si sono confrontati all’Auditorium Parco della Musica di Roma i chirurghi italiani. Il congresso congiunto delle 27 Società scientifiche del settore è diventata l’occasione anche per confrontarsi sul futuro della professione. L’appuntamento è stato fortemente voluto dai presidenti delle due società maggiormente rappresentative (Francesco Corcione della Sic e Diego Piazza per Acoi) è diventato il primo grande incontro congiunto della Chirurgia italiana con una forte attenzione riservata ai giovani. Uno sguardo proiettato alle future generazioni di chirurghi, vagliando le soluzioni da adottare per superare le principali avversità del momento.

Sanità Informazione ha fatto il punto della situazione con Diego Piazza, presidente dell’Associazione dei Chirurghi Ospedalieri Italiani (ACOI).

Presidente, quali sono le principali sfide da affrontare e vincere per la vostra categoria?

«È un momento complicato per tutti e lo è anche per il mondo chirurgico. Abbiamo affrontato il problema ancora più ampio della sostenibilità del nostro sistema sanitario universalistico. Acoi è impegnata in prima fila per mantenere in Italia un sistema universalistico che possa esaudire la richiesta di sanità per tutti i cittadini. È chiaro che si tratta di una sfida difficile perché dovremmo riuscire a combinare l’offerta con la domanda e sappiamo che in tempi di ristrettezze economiche bisognerà fare gli sforzi da parte di tutti per continuare a mantenere questo sistema sostenibile».

Questo appuntamento ha legato molto la sostenibilità all’innovazione. È questo il volano di crescita?

«Qualsiasi sistema, compreso quello sanitario, è una sala operatoria: non si evolve è destinato a morire. Quindi noi dobbiamo avere un’evoluzione calibrata alle risorse economiche. Non possiamo bloccare il progresso perché chi si ferma è perduto».

Sostenibilità ed innovazione nel futuro rappresentato dai giovani. Acoi è molto attenta ai chirurghi di domani. Ci sono iniziative messe in campo a tal proposito con tutele legali e aggiornamento ECM gratuito proprio per avviare i giovani alla professione. La vostra proposta?

«Una società che non guarda ai giovani non ha futuro. Noi abbiamo in questo momento 17 scuole Acoi di chirurgia. Abbiamo sempre sostenuto i giovani che hanno una quota associativa molto più bassa all’interno della nostra associazione, abbiamo un gruppo Giovani Acoi. Io ritengo che continueremo a fare tanto, anzi sempre di più, per i giovani chirurghi».

Il panorama che emerge, anche da questo congresso, è di giovani chirurghi costretti ad emigrare all’estero per cercare un lavoro stabile e adeguatamente retribuito. Chi resta in Italia, invece, ha notevoli difficoltà nel sostenere le spese per la formazione ECM obbligatoria e per la tutela legale. Qual è il vostro contributo e in che maniera pensate di intervenire per sostenerli.

«Noi badiamo a tutti gli aspetti dei giovani compresa la tutela legale. Stiamo lavorando per accordi che possano favorire una migliore tutela legale per chi si avvia a fare il medico».

Articoli correlati
Come ti curo il malato virtuale. La svolta della formazione ECM e la valutazione delle competenze mediche
É una due giorni interamente dedicata alla formazione e alla valutazione delle competenze cliniche dei medici quella organizzata a Roma, al Ministero della Salute, dalla Fadoi (Federazione delle Associazioni dei Dirigenti Ospedalieri Internisti), con la collaborazione di Fism, ISS e SDA Bocconi
Chirurgia mininvasiva a macchia di leopardo in Italia: solo 50 unità operative complesse su 850 sarebbero accreditabili
Le due principali società scientifiche chirurgiche italiane, ACOI e SIC, lanciano il progetto Op2IMISE per sviluppare e applicare una metodologia standardizzata a livello nazionale di formazione dei chirurghi
Ecm, ecco i dati Cogeaps 2014-16: il 54% in regola ma con proroga dati in forte aumento
«Rispetto al triennio 2011-2013, si aggiorna il 20% dei medici in più» a dichiararlo Sergio Bovenga, Segretario della Federazione degli Ordini dei Medici
Bovenga (FNOMCeO): «Con la proroga ECM sono rimasti pochissimi i medici che non si aggiornano»
Il Segretario FNOMCeO: «Situazione formazione in netto miglioramento. Importante ruolo FAD, ormai gran parte della nostra vita si svolge sul web. Ecco le novità per il 2018: in arrivo il Manuale del Professionista e Dossier Formativo»
«Formazione vuol dire futuro». L’intervista a Danilo Mazzacane, Presidente Collegio Revisori OMCeO Milano
«Il nostro Sistema è stato sempre lodato, ma possiamo ulteriormente migliorare e divenire un punto di riferimento anche per gli altri Paesi», così ai nostri microfoni il Segretario Cisl Medici Lombardia
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Medici specializzandi, storica sentenza della Corte UE: «Risarcimenti triplicati e non scatta la prescrizione»

Simona Gori, (Direttore Generale Consulcesi): «Dopo 20 anni la Corte Ue conferma quanto abbiamo sempre sostenuto. Ora si apre una nuova giurisprudenza che i Tribunali dovranno recepire in tutti i gra...
Lavoro

Pensioni, tutte le soluzioni per aumentare l’importo con aliquota e riscatto: le scadenze al 31 gennaio

Versando una quota contributiva aggiuntiva, una volta in pensione si percepirà un importo maggiore. Ma oltre all’aliquota modulare, riservata ad alcune categorie, l’Enpam offre altri utili strume...
Salute

Contratto medici, partita la trattativa. Sciopero revocato, ma l’aumento deve superare gli 85 euro

Partita all'Aran la trattativa per il rinnovo del contratto dei medici. Il primo effetto concreto è stato la revoca dello sciopero fissato per il 23 febbraio. Ma per arrivare alla agognata firma atte...