Formazione 15 giugno 2016

Trieste (Fiaba): “Su tante patologie è il cinema lo strumento vincente per formare i medici e informare i cittadini”

Parla il presidente della Onlus che lotta per l’abbattimento delle barriere architettoniche: “Molti studi medici non sono accessibili. Puntiamo sul cinema per sensibilizzare e informare”

La disabilità si cura con formazione e informazione, di medici e cittadini. Solo così si riuscirà a sviluppare una cultura che possa rendere il mondo più accessibile e dunque innalzare il livello della qualità della vita di tutti. Fiaba è una onlus nata nel 2000 proprio con l’obiettivo di «aumentare la qualità della vita percepita», in particolare da chi deve affrontare un’invalidità di qualche tipo. In che modo? Attraverso operatori sanitari perfettamente in grado di affrontare qualsiasi tipo di patologia e persone (non solo i pazienti, ma in generale tutti i cittadini) informate e culturalmente pronte a vivere il mondo con occhi diversi. Per perseguire questo scopo possono essere utili diversi strumenti, dai più complessi ai più popolari. Uno di questi è il cinema, protagonista di un progetto che mira a dare visibilità e premiare chi si impegna a costruire un mondo accessibile a tutti. Di questo ed altro Sanità informazione ha parlato con Giuseppe Trieste, presidente di Fiaba Onlus.

 

«L’obiettivo della nostra associazione è aumentare la qualità di vita percepita dalle persone in ogni tipo di ambiente. Fiaba nasce dall’esperienza maturata in venti anni dall’Anthai (Associazione Nazionale Tutela degli Handicappati), nata negli anni ’80 quando c’era un problema enorme, uno dei tanti che la nostra comunità si è ritrovata a dover affrontare: l’incontinenza. All’epoca veniva considerata un tabù, una vergogna. L’Anthai nacque proprio per aiutare le persone affette da questo tipo di patologia ad uscirne fuori, considerando anche che nell’85% erano casi curabili. Con Anthai abbiamo lavorato per 10 anni per fare in modo che quell’85% non si vergognasse della sua condizione e si rivolgesse ad uno specialista. Il restante 15%, invece, non potendo essere curato è stato riconosciuto come invalido civile. Abbiamo inoltre fatto parte della Commissione del Nomenclatore Tariffario di Ausili e Protesi, e abbiamo lavorato per inserirvi tutti quegli ausili preposti a risolvere questo problema e metterli a disposizione gratuita dei pazienti».

Quanto è importante per persone che hanno questo tipo di patologia interfacciarsi prima di tutto con una classe medica formata, e poi anche con cittadini informati su quali modalità di approccio adottare?

«Come Fiaba stiamo affrontando uno dei problemi principali che hanno i nostri ospedali, gli ambulatori, gli studi medici specialistici, che è quello delle barriere architettoniche. In Italia non abbiamo un’accessibilità facilitata per tutte le persone. È un grosso problema che stiamo cercando di affrontare per aiutare le singole persone a vivere quotidianamente le proprie città e avere pari opportunità. Teniamo presente che la stragrande maggioranza delle patologie che creano difficoltà alla persona, uomo o donna che sia, non si vedono. All’apparenza sembra che la persona stia bene, ma poi “sotto al vestito” ci sono patologie invisibili che creano difficoltà ai pazienti nel muoversi in ambienti ostili».

Con Fiaba state organizzando un festival del cinema che avrà come tematiche centrali quelle che vi stanno più a cuore. Ce ne può parlare?

«Con questo festival, che si chiama “Futuri geometri progettano l’accessibilità”, vogliamo creare nuove figure che hanno a cuore la cultura dell’accessibilità globale. Ogni anno si diplomano migliaia di studenti che, dal giorno successivo, ricevono la patente per diventare tecnici della progettazione. Sta a loro costruire le infrastrutture del futuro e renderle accessibili a tutti. Con il nostro concorso vogliamo aiutare i giovani che ci manderanno un cortometraggio, uno spot pubblicitario, un film, insomma qualsiasi prodotto audiovisivo in cui al centro c’è una location con determinate caratteristiche».

Il cinema al servizio di tematiche importanti che possono aiutare a cambiare la vita di molte persone.

«Senza dubbio. Il cinema, così come tanti altri settori, deve educare inconsciamente il cittadino a far sì che il sistema proposto venga emulato da altre persone. Tutto quel che facciamo deve essere inteso in senso pedagogico, educativo. Dobbiamo dare l’opportunità a tutti di vedere che esistono anche cose fatte per bene, e dargli in questo modo la possibilità di potersi orientare, avere scelta».

Articoli correlati
Emergenza Sorrisi festeggia il decennale e parte per il Senegal. Il Presidente Abenavoli: «Altra grande sfida»
Formare i medici locali e operare i bambini affetti da palatoschisi: ecco gli obiettivi di Emergenza Sorrisi. La ONG, guidata dal chirurgo plastico Fabio Massimo Abenavoli, festeggia dieci anni di attività con una mostra fotografica che raccoglie tutte le missioni umanitarie fatte finora
Linguaggio e disabilità, Spadari (Presidente ODG Lazio): «Necessario sforzo comune per combattere pregiudizi»
Migliorare la realtà scegliendo le parole più idonee per descrivere il mondo. L’invito ai giornalisti: «Il linguaggio può denunciare una carenza o un errore di applicazione di un concetto importante. Spesso le parole sono sintomo di una malattia più generale»
ECM e medici del lavoro, cosa dice la normativa?
E’ il Decreto 81/2008 che fissa il limite minimo del 70% dell’obbligo formativo nella disciplina “Sicurezza nei luoghi di lavoro”. Pertanto, se ad esempio l’obbligo formativo standard è di 150 crediti nel triennio, il Decreto 81 impone ai medici del lavoro di conseguire almeno 105 crediti (pari al 70%) nella disciplina “Sicurezza nei luoghi di […]
«Non diventino invisibili», la battaglia della Commissione Parlamentare Infanzia su diritti minori diversamente abili
La Commissione Parlamentare per l’Infanzia e l’Adolescenza, sotto la presidenza dell’onorevole Michela Vittoria Brambilla, approva l’indagine conoscitiva sulla tutela della salute psicofisica dei minori. «Abbattere barriere fisiche e mentali», ha sottolineato l’ex ministro
FIABA: da “handicap” a “menomazione”, le parole da non usare
Cento giornalisti alla Lumsa per una nuova deontologia sulle disabilità portata avanti dal Presidente Trieste e da molte redazioni tra cui Sanità Informazione. Spadari: «Mi farò carico di queste istanze presso il Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Giornalisti»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

EX SPECIALIZZANDI – Accordo transattivo, Zanetti (Viceministro Economia): «Presto una soluzione»

Sempre più vicina la soluzione del lungo contenzioso tra Stato e camici bianchi sul rimborso degli anni di specializzazione. Brucia le tappe la discussione al Senato sul Ddl n°2400 che propone un ac...
Lavoro

Contratto dei medici: ecco le cifre e le date di un rinnovo in salita…

Dopo sette anni di stallo, è giunto il momento del rinnovo del contratto per medici e infermieri? È braccio di ferro tra sindacati e Governo sulle cifre
di Valentina Brazioli
Salute

È il fruttosio il killer dei nostri bambini. Nobili (Bambino Gesù): «Danni sul fegato. A 2 anni rischio obesità»

Uno studio dei ricercatori dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù dimostra la correlazione tra consumo di alte quantità di fruttosio e sviluppo di malattie epatiche gravi. Valerio Nobili, specialis...