Specializzazioni 4 novembre 2014

Pasticcio test specializzazione: sanatoria per il concorso, ma resta il caos

Il Miur prima annulla la prova e poi ci ripensa. Saltano le teste al Cineca, ministro Giannini sotto tiro

Immagine articolo

Dietrofront sui test per l’accesso alle Scuole di specializzazione in Medicina. Nella tarda serata di ieri il Miur ha stabilito che la prova non dovrà essere ripetuta. Dopo il pasticcio dei quiz invertiti, che aveva portato – a caldo – all’annullamento del concorso, si è cercata una soluzione tesa a calmare le acque.

Il ministro dell’Istruzione Stefania Giannini ha riunito a Roma la Commissione nazionale incaricata la scorsa estate di validare le domande e, dopo aver vagliato i quesiti invertiti, ha stabilito – con il placet dell’Avvocatura dello Stato –  di procedere al ricalcolo del punteggio dei candidati neutralizzando le due domande per Area sulle quali si era creato il caso. “Questa soluzione – ha spiegato il ministro Giannini – è il frutto di un approfondimento per tutelare gli sforzi personali e anche economici dei candidati e delle loro famiglie a seguito del grave errore materiale commesso dal Cineca”. Tanti candidati per sostenere il test, infatti, hanno dovuto affrontare costose trasferte per svolgere le prove nella loro città di residenza.

Resta comunque il caos nonostante la sanatoria ministeriale e le dimissioni di Emilio Ferrari, il presidente del Cineca, la Commissione che ha gestito i quiz ed ha dunque la responsabilità materiale degli errori commessi. Il sistema dei test di accesso alle specializzazioni ha evidentemente bisogno di una rivisitazione. È stata scongiurata anche una nuova ondata di ricorsi, ma il ministro dell’Istruzione Giannini si ritrova tra le mani un’altra “patata bollente” da gestire insieme a quella del Numero Chiuso per l’accesso alla Facoltà di Medicina.

Prevista, domani, una manifestazione di protesta a Trastevere, sotto la sede del Ministero dell’Istruzione, dove il SIGM chiederà a Stefania Giannini “senso di responsabilità per trovare una soluzione prima delle sue dimissioni”. E verso la ricerca di una soluzione vanno le principali reazioni al “balletto” dei test annullati e poi convalidati. Il ministro della Salute Beatrice Lorenzin ha sottolineato l’esigenza di rendere “normali i test di accesso a Medicina, evitando che ogni volta succedano cose straordinarie”. Secondo FNOMCeO, però, “è difficile individuare quali interventi possano restituire dignità e affidabilità alla prova nel suo complesso”, ma intanto è certo “che tutte le responsabilità coinvolte debbano assumere gli atti conseguenti, essendo in gioco la credibilità e la serietà delle Istituzioni”. Anche per ACOI è necessario “un cambiamento radicale, non solo sui test, ma sull’intero sistema formativo”, e propone “il passaggio della formazione post laurea dal Miur al Ministero della Salute”. Consulcesi prende immediatamente le difesa dei giovani medici, dichiarandosi pronta a sostenere eventuali ricorsi al fianco dei camici bianchi, e annuncia un “monitoraggio costante sugli sviluppi della vicenda”. Per Federspecializzandi, infine, le “problematiche logistiche ed organizzative non devono però mettere in discussione il concorso nazionale”.

Articoli correlati
SIGM su nuovo Concorso Nazionale Specializzazioni: «Troppe incognite. Serve più chiarezza»
«In un orizzonte di completo silenzio da parte del MIUR la nostra Associazione s’interroga su quale sia lo stato dell’arte per il prossimo concorso SSM2017, dalle reali tempistiche per la pubblicazione del bando alla realizzabilità delle auspicate modifiche e semplificazioni sulle procedure concorsuali che la nostra Associazione, assieme al Comitato Nazionale Aspiranti Specializzandi, ha reiteratamente […]
Fisioterapisti, Tavarnelli (AIFI): «Sì al Ddl Lorenzin, serve ordine professionale». Primo censimento per la categoria
L’Associazione Italiana Fisioterapisti insieme al Ministero della Salute per fare il punto della situazione. «Siamo 65mila, servono più anni di formazione» la parola al Presidente dell’Associazione Mauro Tavarnelli
Scuole specializzazione, SIGM e CNAS lanciano twittmob per modifiche al concorso nazionale
Nella giornata odierna il Comitato Nazionale Aspiranti Specializzandi (CNAS) col supporto dell’Associazione Italiana Giovani Medici (SIGM) ha lanciato un tweetmob finalizzato a richiedere e ottenere una semplificazione organizzativa, nonché delle modifiche urgenti, delle modalità selezione per l’accesso alle Scuole di Specializzazione in Medicina. Gli hashtag #SSM17 #ConcorsoNazionale2017 sono risultati in testa ai “trend topic” in […]
In Francia è caccia ai camici bianchi italiani. La parola a un giovane medico italiano Oltralpe…
L’Europa del nord corteggia i medici italiani. Francesco Macrì Gerasoli, calabrese di Siderno, Responsabile Radiologia dell’Ospedale di Nîmes: «La nostra preparazione teorica non ha confronto, dovremmo incrementare la pratica che in Italia è carente»
Numero chiuso, graduatorie riaperte? Il Miur apre uno spiraglio
Dopo le pronunce del Tar del Lazio e del Consiglio di Stato anche un’interrogazione parlamentare del M5S. Si va verso lo scorrimento dei candidati che avevano fatto ricorso dopo l’esclusione nei test del 2015. Ma il problema potrebbe ripresentarsi anche quest’anno
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

EX SPECIALIZZANDI – Accordo transattivo, Zanetti (Viceministro Economia): «Presto una soluzione»

Sempre più vicina la soluzione del lungo contenzioso tra Stato e camici bianchi sul rimborso degli anni di specializzazione. Brucia le tappe la discussione al Senato sul Ddl n°2400 che propone un ac...
Lavoro

Contratto dei medici: ecco le cifre e le date di un rinnovo in salita…

Dopo sette anni di stallo, è giunto il momento del rinnovo del contratto per medici e infermieri? È braccio di ferro tra sindacati e Governo sulle cifre
di Valentina Brazioli
Salute

È il fruttosio il killer dei nostri bambini. Nobili (Bambino Gesù): «Danni sul fegato. A 2 anni rischio obesità»

Uno studio dei ricercatori dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù dimostra la correlazione tra consumo di alte quantità di fruttosio e sviluppo di malattie epatiche gravi. Valerio Nobili, specialis...