Formazione 5 aprile 2016

RCP, l’appello degli esperti USA: «La formazione internazionale per medici e cittadini è un salvavita»

Presentate a Roma le nuove linee guida AHA 2015 sulla Rianimazione Cardiopolmonare

Immagine articolo

Gesti semplici e alla portata di tutti…che possono salvare molte vite». Negli ultimi decenni si è molto dibattuto sull’importanza di una buonaformazione nel campo dellaRianimazione Cardiopolmonare.

La giornata di aggiornamento degli istruttori internazionali sulle Linee guida American Heart Association 2015 per la RCP e l’assistenza cardiovascolare di emergenza che si è svolta presso l’Università La Sapienza di Roma ha voluto sensibilizzare la comunità proprio sull’importanza della rianimazione cardiopolmonare e l’utilizzo del defibrillatore in ambiente ospedaliero e non.

I due relatori statunitensi hanno spiegato, ai microfoni di Sanità informazione, che una RCP di alta qualità è indispensabile per ottenere un esito favorevole: «Abbiamo messo a punto frequenza e pressione del massaggio cardiaco ed abbiamo modificato la sequenza delle procedure per renderle più comprensibili e applicabili in diversi contesti. Sono gesti semplici da mettere in pratica, che devono però essere eseguiti tempestivamente per aumentare le possibilità di sopravvivenza», spiega Robert Wales, responsabile dello sviluppo del programma internazionale dell’AHA. «In questo, la tecnologia e la formazione sono fondamentali – prosegue Wales –; si tratta di fornire assistenza sanitaria a livelli eccellenti usando tecniche innovative, nuovi dispositivi e attrezzature e trovare nuovi metodi per la formazione e l’informazione che aiutino gli studenti a ricordare negli anni ciò che apprendono oggi».

La chiave è puntare sull’addestramento per rendere protagonisti attivi sia il personale medico, sia i soccorritori occasionali, perché ogni essere umano può salvare una vita utilizzando la RCP. Lo testimoniano i progetti e le iniziative internazionali come ad esempio la campagna patrocinata dall’OMS “KIDS SAVE LIVES” – promossa da European Patient Safety Foundation (EuPSF), European Resuscitation Council (ERC), International Liaison Committee on Resuscitation (ILCOR), World Federation of Societies of Anesthesiologists (WFSA) –  che dimostra come introducendo nelle scuole anche solo due ore di lezione di RCP all’anno, si aumenta il tasso di sopravvivenza all’arresto cardiaco improvviso con ripercussioni significative alla salute globale. Infatti, le zone del mondo che hanno le migliori percentuali di sopravvivenza sono quelle che hanno deciso di formare la maggioranza della popolazione: «Ad esempio, a Seattle – conclude Wales -, chi esce dalla scuola dell’obbligo sa come effettuare la RCP e lì si registra un tasso di sopravvivenza sorprendente che supera il 40%. Mentre a Detroit, dove questo non accade, il tasso di sopravvivenza è circa dell’1-3%».

A tirare le somme è il dottor Eric Lavonas, presidente del gruppo che ha aggiornato le Linee Guida 2015: «Fare le cose semplici velocemente ed efficacemente è il miglior modo per avere successo nella rianimazione. Se vedete qualcuno collassare, chiamate aiuto, procuratevi informazioni sulla sua identità, e premete forte e velocemente al centro del suo petto finché non arrivano i soccorsi. Vi garantisco che è semplice come ve lo sto dicendo, e ognuno di voi è in grado di farlo».

Articoli correlati
Responsabilità professionale, Biondi (OMCeO Catania): «Formazione requisito per assicurazioni»
Antonio Biondi, Vicepresidente dell'Ordine di Catania sulla Legge Gelli: «Allo stato attuale, un’assicurazione che riconosca che il medico non si è adeguatamente formato, potrebbe anche non riconoscere la sua assicurazione»
Menopausa, tiroide, osteoporosi e diabete: da AME formazione e aggiornamento sulla salute della donna
Menopausa, ipotiroidismo, ipertiroidismo, osteoporosi: malattie di grande impatto che prediligono il genere femminile; il diabete, che in realtà si distribuisce equamente tra i generi, aumenta nella donna il rischio di coronaropatie del 40% rispetto alla controparte maschile. Malattie per cui l’endocrinologo è il punto di riferimento perché nonostante siano diverse per sintomatologia sono tutte legate […]
Costantino Troise (Anaao Assomed): «Legge Gelli positiva. Con Linee Guida importante aggiornamento»
Il segretario nazionale di Anaao Assomed: «Su Responsabilità professionale un passo avanti per il sistema sanitario frutto di un impegno che portiamo avanti da oltre 10 anni. Con l’importanza delle linee guida stabilita nella legge è fondamentale non limitarsi semplicemente ad una rivisitazione scolastica della formazione»
«Puntare su giovani e formazione ECM» ecco la missione di Orazio Schillaci, nuovo Presidente AIMN
La nomina è arrivata al termine del XIII Congresso Nazionale AIMN a Rimini. Orazio Schillaci, Preside della Facoltà di Medicina dell’Università degli Studi di Roma Tor Vergata: «Guiderò una realtà che ha più di 25 anni, lavorerò per i giovani e per garantire loro lavoro e preparazione opportuna per migliorare le terapie»
La sanità del futuro secondo i pentastellati. Luigi Gaetti: «Prevenzione, risparmio e formazione»
Ridisegnare la sanità nell'ottica della meritocrazia «pagare la salute e non la malattia» . Dirette ed efficaci le proposte di Luigi Gaetti, membro della Commissione Igiene e Sanità per il Movimento 5 Stelle. Responsabilità professionale? «Un grande passo avanti per i camici bianchi e per i cittadini»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

EX SPECIALIZZANDI – Accordo transattivo, Zanetti (Viceministro Economia): «Presto una soluzione»

Sempre più vicina la soluzione del lungo contenzioso tra Stato e camici bianchi sul rimborso degli anni di specializzazione. Brucia le tappe la discussione al Senato sul Ddl n°2400 che propone un ac...
Lavoro

Contratto dei medici: ecco le cifre e le date di un rinnovo in salita…

Dopo sette anni di stallo, è giunto il momento del rinnovo del contratto per medici e infermieri? È braccio di ferro tra sindacati e Governo sulle cifre
di Valentina Brazioli
Salute

È il fruttosio il killer dei nostri bambini. Nobili (Bambino Gesù): «Danni sul fegato. A 2 anni rischio obesità»

Uno studio dei ricercatori dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù dimostra la correlazione tra consumo di alte quantità di fruttosio e sviluppo di malattie epatiche gravi. Valerio Nobili, specialis...