Formazione 5 aprile 2016

RCP, l’appello degli esperti USA: «La formazione internazionale per medici e cittadini è un salvavita»

Presentate a Roma le nuove linee guida AHA 2015 sulla Rianimazione Cardiopolmonare

Immagine articolo

Gesti semplici e alla portata di tutti…che possono salvare molte vite». Negli ultimi decenni si è molto dibattuto sull’importanza di una buonaformazione nel campo dellaRianimazione Cardiopolmonare.

La giornata di aggiornamento degli istruttori internazionali sulle Linee guida American Heart Association 2015 per la RCP e l’assistenza cardiovascolare di emergenza che si è svolta presso l’Università La Sapienza di Roma ha voluto sensibilizzare la comunità proprio sull’importanza della rianimazione cardiopolmonare e l’utilizzo del defibrillatore in ambiente ospedaliero e non.

I due relatori statunitensi hanno spiegato, ai microfoni di Sanità informazione, che una RCP di alta qualità è indispensabile per ottenere un esito favorevole: «Abbiamo messo a punto frequenza e pressione del massaggio cardiaco ed abbiamo modificato la sequenza delle procedure per renderle più comprensibili e applicabili in diversi contesti. Sono gesti semplici da mettere in pratica, che devono però essere eseguiti tempestivamente per aumentare le possibilità di sopravvivenza», spiega Robert Wales, responsabile dello sviluppo del programma internazionale dell’AHA. «In questo, la tecnologia e la formazione sono fondamentali – prosegue Wales –; si tratta di fornire assistenza sanitaria a livelli eccellenti usando tecniche innovative, nuovi dispositivi e attrezzature e trovare nuovi metodi per la formazione e l’informazione che aiutino gli studenti a ricordare negli anni ciò che apprendono oggi».

La chiave è puntare sull’addestramento per rendere protagonisti attivi sia il personale medico, sia i soccorritori occasionali, perché ogni essere umano può salvare una vita utilizzando la RCP. Lo testimoniano i progetti e le iniziative internazionali come ad esempio la campagna patrocinata dall’OMS “KIDS SAVE LIVES” – promossa da European Patient Safety Foundation (EuPSF), European Resuscitation Council (ERC), International Liaison Committee on Resuscitation (ILCOR), World Federation of Societies of Anesthesiologists (WFSA) –  che dimostra come introducendo nelle scuole anche solo due ore di lezione di RCP all’anno, si aumenta il tasso di sopravvivenza all’arresto cardiaco improvviso con ripercussioni significative alla salute globale. Infatti, le zone del mondo che hanno le migliori percentuali di sopravvivenza sono quelle che hanno deciso di formare la maggioranza della popolazione: «Ad esempio, a Seattle – conclude Wales -, chi esce dalla scuola dell’obbligo sa come effettuare la RCP e lì si registra un tasso di sopravvivenza sorprendente che supera il 40%. Mentre a Detroit, dove questo non accade, il tasso di sopravvivenza è circa dell’1-3%».

A tirare le somme è il dottor Eric Lavonas, presidente del gruppo che ha aggiornato le Linee Guida 2015: «Fare le cose semplici velocemente ed efficacemente è il miglior modo per avere successo nella rianimazione. Se vedete qualcuno collassare, chiamate aiuto, procuratevi informazioni sulla sua identità, e premete forte e velocemente al centro del suo petto finché non arrivano i soccorsi. Vi garantisco che è semplice come ve lo sto dicendo, e ognuno di voi è in grado di farlo».

Articoli correlati
Cortona, al Signorelli protocollo di intesa Regione-Miur per la qualifica di OSS
L’Istituto Signorelli di Cortona ha aderito al protocollo di intesa promosso da Regione Toscana e MIUR-Ufficio Scolastico Regionale, che promuove una sperimentazione rivolta agli Istituti Professionali ad indirizzo Socio Sanitario volta a far conseguire agli studenti la qualifica di OSS (Operatore Socio Sanitario)al termine del percorso di studi. In Regione Toscana, attualmente, gli Istituti Professionali […]
ECM, il Presidente FNOMCeO Anelli: «Ordini sollecitino iscritti su formazione. Verifica dei crediti del triennio 2014-2016 comincerà dal 2019»
Il Presidente della Federazione degli Ordini dei Medici, in una nota, ribadisce che «l’aggiornamento professionale resta un dovere di ogni medico» e annuncia le prossime scadenze in materia
Nuove apparecchiature elettromedicali all’Università della Campania per partnership con BTL Italia
Sono state consegnate oggi, presso l’Università degli studi della Campania “L. Vanvitelli”, delle apparecchiature elettromedicali della società BTL Italia Srl per avviare la partnership tra le parti in vista della sperimentazione di differenti approcci terapeutici attraverso l’utilizzo di apparecchiature elettromedicali.   La Cattedra di Medicina Fisica e Riabilitativa dell’Università degli Studi della Campania “L. Vanvitelli”, […]
AAA, cercansi 10mila medici in Arabia Saudita
Prima dell’arrivo del 2020, l’Arabia Saudita avrà bisogno di 10mila medici. E di altri 20mila camici bianchi entro il 2030. Secondo gli esperti di Oxford Economics che hanno condotto lo studio, sono questi i numeri necessari per far fronte all’insufficienza di posti letto e alla crescita della popolazione cui il Paese assisterà nei prossimi anni. […]
Fumo, aumentano i consumatori. Roberta Pacifici (ISS): «I giovani sono il serbatoio di riserva del tabagismo»
«Da anni non vediamo importanti cambiamenti di rotta in Italia: giovani e giovanissimi alimentano la popolazione dei fumatori che non diminuisce». Così il Direttore del Centro Nazionale Dipendenze e Doping dell’Istituto Superiore di Sanità
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

È Giulia Grillo il nuovo Ministro della Salute: ecco come la pensa su vaccini, liste d’attesa e intramoenia

Il medico, nato a Catania il 30 maggio di 43 anni fa, è stata indicata per il dicastero della Salute del Governo Conte. Spesso presente in prima linea alle iniziative sindacali unitarie dei medici, t...
Politica

Corruzione in sanità, Sileri (M5S): «Toglie risorse a pazienti, combatterla sarà priorità del governo Conte»

«La lotta alla corruzione fa parte del contratto di governo. Io come medico vivo la corruzione in sanità che mangia gran parte del fabbisogno destinato ad i pazienti» così il chirurgo e senatore d...
Salute

Leucemia infantile, tra le cause anche la mancata esposizione ai microbi. La ricerca pubblicata su Nature

Il Professor Greaves, autore dello studio: «L’incidenza della leucemia linfoblastica acuta infantile è maggiore nei Paesi sviluppati, non a causa di onde elettromagnetiche o agenti chimici, ma deg...