Formazione 13 dicembre 2016

Innovazione e formazione, binomio indissolubile. Tedeschi: «Premi per virtuosi»

Per seguire i progressi della medicina i camici bianchi devono formarsi: questo il monito di Tiziano Tedeschi (membro commissione nazionale ECM): «Progresso e aggiornamento di pari passo. Bene i premi per i virtuosi»

Immagine articolo

Il continuo miglioramento delle tecniche medico-chirurgiche, l’evoluzione delle strumentazioni, prodotti medicali e apparecchiature all’avanguardia, segnano un progresso ininterrotto nel campo sanitario che porta vantaggi non solo agli operatori ma anche ai pazienti. Per stare al passo con il progresso è essenziale la formazione da parte del medico perché non rimanga indietro con l’innovazione.  «La professione medica si è dovuta evolvere insieme alla tecnologia», interviene Tiziano Tedeschi, medico radiologo membro della Commissione Nazionale Formazione Continua che sottolinea con convinzione l’importanza dell’aggiornamento per la categoria dei camici bianchi, portando esempi concreti collegati allo sviluppo delle nuove tecnologie: nell’ambito del “Forum dell’Innovazione per la Salute” di Milano ha infatti presentato una ricostruzione in stampa 3D di un esame radiologico. Un risultato di notevole importanza perché consente di superare la vecchia “visione bidimensionale”, migliorando dunque la qualità dell’intervento.

«Innovazione e medicina vanno di pari passo – prosegue Tedeschi – la nostra professione io la definisco ‘work in progress’, perché dobbiamo adattarci in modo continuo e costante alle nuove scoperte e non tralasciare niente perché anche il minimo dettaglio è indispensabile per la nostra professione». «Proprio per questa ragione ci tengo a fare un invito a tutti i colleghi – prosegue – voglio incoraggiarli a proseguire la formazione e completare sempre il proprio percorso ECM». Tedeschi fa riferimento alla propria specializzazione medica, la radiologia, quella branca della medicina che maggiormente rispetto alle altre categorie, deve avvalersi del supporto di apparecchiature tecnologiche: «Un settore strettamente legato alle strumentazioni. Il progresso migliora le macchine e di conseguenza l’uomo deve riuscire a seguire i cambiamenti per adoperarli poi nel proprio mestiere. Ecco il radiologo è proprio l’esempio più calzante, la nostra specificità è proprio quella di lavorare insieme alle apparecchiature, dunque dobbiamo studiarne gli sviluppi».

«Per quanto riguarda il discorso sanzionatorio – ci tiene a specificare Tedeschi – io lo trasformerei più che altro in un concetto premiante. Noi che oltre ad essere medici, ci occupiamo specificatamente di formazione, dobbiamo essere più propositivi e sostituire al concetto sanzionatorio l’aspetto premiante per chi completa la propria formazione». Ed è in effetti proprio questa la direzione che sta assumendo l’ECM, come confermato nel corso del convegno nazionale  del Consorzio Cogeaps (gestisce i crediti formativi delle 30 professioni sanitarie) a poche settimane dalla ravvicinata scadenza del 31 dicembre del triennio 2014.-2016. Nell’occasione dal tavolo di confronto tra i principali stakeholder del settore sono stati annunciati bonus per gli operatori sanitari più virtuosi. Nella stessa occasione è stato anche ribadito che sono previste (in base alla legge 148/2011) sanzioni disciplinari, demandate agli Ordini, per chi non è in regola. Inoltre è stato ricordato che la certificazione ECM resta un requisito fondamentale per scatti contributivi e opportunità di carriera.

Nell’ottica dell’importanza della formazione medica, Tedeschi aggiunge: «Vorrei inoltre fare un piccolo accenno a quello che è uno sviluppo particolare dell’Educazione continua in Medicina, il dossier formativo che sta prendendo piede proprio in previsione del prossimo triennio formativo 2017-2019». Il dossier che finora è rimasto in via di sperimentazione, rappresenta uno strumento a disposizione del professionista e del Sistema Sanitario, per una pianificazione del percorso che risponda sia alle esigenze del singolo in termini di aggiornamento professionale, che a quelle derivanti dai Piani Sanitari Nazionali, Regionali e dell’Organizzazione nella quale presta la propria opera lo stesso professionista.

«Attraverso la costruzione di un dossier formativo, il professionista definisce quello che è il suo progetto d’informazione di tre anni – ci tiene a precisare Tedeschi -. Io lavoro in radiologia tradizionale, di conseguenza, avrò un mio progetto di formazione che sarà diverso dal percorso di un collega che lavora in altro campo. Io posso diventare un formatore di me stesso e finalizzo il mio aggiornamento al completamento di tutti quei corsi che mi portano a rendere più specifica e completa la mia formazione».

Articoli correlati
Tumori femminili, la rivoluzione dei test genetici. L’incontro al Fatebenefratelli
Pochi sanno che per prevenire i tumori femminili, e quindi intervenire precocemente, può bastare un semplice test genetico. Il 14% dei tumori alla mammella e il 10% dei tumori ovarici sono, infatti, ereditari, causati dalla mutazione dei geni BRCA1 e BRCA2. Di questo si parlerà lunedì 25 giugno (alle ore 16.30 nella Sala Assunta del […]
MMG in formazione: «Voglio essere il medico di tutti, ma manca un Erasmus in camice bianco»
Dai motivi che li hanno spinti verso questa strada alle prospettive future, Francesca Tomei, Rocco Santarone e Marco Lombardi raccontano a Sanità Informazione cosa significa essere un medico in formazione specifica in medicina generale. E non risparmiano critiche ad un corso che potrebbe migliorare sotto diversi punti di vista…
Matricola e laureanda a confronto: sogni e incubi dello studente di medicina | GUARDA L’INTERVISTA DOPPIA
Come cambia la concezione della facoltà negli anni? Le paure e le speranze degli studenti del primo anno e di quelli dell’ultimo sono le stesse? Lo abbiamo chiesto direttamente a loro
Vuoi studiare medicina? Inizia dal liceo. Il 98% degli studenti dell’indirizzo biomedico supera il test d’ingresso
L'indirizzo, ideato dal liceo Leonardo Da Vinci di Reggio Calabria, da settembre sarà replicato in cento licei scientifici e classici. Delle 150 ore del triennio dedicate alla formazione biomedica, 60 sono gestite da medici. Ce ne ha parlato la dirigente scolastica del liceo capofila Giuseppina Princi
Zanzara tigre, Alessio d’Amato (Regione Lazio): «Una task force per una prevenzione in rete»
«I casi di Chikungunya verificatisi l’anno scorso hanno evidenziato l’importanza della prevenzione e del controllo dell’insetto che trasmette questa malattia: la  zanzare tigre». Lo ha dichiarato l’Assessore alla Sanità e Integrazione Socio-sanitaria della Regione Lazio, Alessio D’Amato, presentando il tavolo di esperti del settore che ha come obiettivo quello di creare una task force per rafforzare […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

È Giulia Grillo il nuovo Ministro della Salute: ecco come la pensa su vaccini, liste d’attesa e intramoenia

Il medico, nato a Catania il 30 maggio di 43 anni fa, è stata indicata per il dicastero della Salute del Governo Conte. Spesso presente in prima linea alle iniziative sindacali unitarie dei medici, t...
Politica

Corruzione in sanità, Sileri (M5S): «Toglie risorse a pazienti, combatterla sarà priorità del governo Conte»

«La lotta alla corruzione fa parte del contratto di governo. Io come medico vivo la corruzione in sanità che mangia gran parte del fabbisogno destinato ad i pazienti» così il chirurgo e senatore d...
Salute

Contratto medici, Quici (CIMO): «Aran ci propone copia e incolla del comparto sanità. Ma noi non firmeremo testi peggiorativi»

Il Presidente del sindacato si dice ‘arrabbiato’ per l’andamento delle trattative sul rinnovo contrattuale. E spiega: «Lo Stato ha incluso le risorse nel Fondo sanitario nazionale mentre le reg...