Dalla Redazione 21 Maggio 2020 14:02

Lorefice (Comm. Affari Sociali): «Destinare alla ricerca quota di risorse scollegata dall’andamento del PIL»

L’emergenza legata al Coronavirus ha messo in luce la gravità dei tagli operati in passato al Sistema sanitario nazionale, pari a circa 37 miliardi di euro, a causa dei quali abbiamo perso 70mila posti letto in 10 anni, in nome di una inutile e pericolosa strategia volta al risparmio, che ci ha esposto a seri […]

di On. Marialucia Lorefice, Presidente Commissione Affari Sociali

L’emergenza legata al Coronavirus ha messo in luce la gravità dei tagli operati in passato al Sistema sanitario nazionale, pari a circa 37 miliardi di euro, a causa dei quali abbiamo perso 70mila posti letto in 10 anni, in nome di una inutile e pericolosa strategia volta al risparmio, che ci ha esposto a seri rischi.

Adesso per ripartire c’è solo un modo, tornare ad investire sulla sanità per tutelare la salute di milioni di cittadini e di tutti coloro, medici, infermieri e personale sanitario, che ogni giorno si prendono cura di noi, ai quali è stato richiesto uno sforzo enorme durante questa delicatissima fase emergenziale.

La linea degli “investimenti nella sanità pubblica” è quella che abbiamo adottato da subito con il nostro governo: in Legge di Bilancio avevamo già previsto 4.5 miliardi di euro in più per il triennio 2019-2021, a questi abbiamo aggiunto 3.5 miliardi per rafforzare il Sistema sanitario e la Protezione civile nel Decreto Cura Italia ed ora nel Decreto Rilancio abbiamo stanziato ulteriori 3.2 miliardi per il 2020.

Le risorse investite serviranno per creare 3500 posti letto in più in terapia intensiva, potenziando la rete ospedaliera, ma anche a incrementare le borse di specializzazione per superare l’imbuto formativo e dare il dovuto riconoscimento a una categoria di professionisti fondamentali per rilanciare il nostro sistema sanitario.

Un’altra nostra priorità è l’incremento delle Reti territoriali, con l’introduzione, ad esempio, della figura dell’infermiere di famiglia o di comunità, per una più efficace presa in carico dei pazienti, che eviti di congestionare ospedali e pronto soccorso. A tal fine nel decreto rilancio abbiamo previsto l’assunzione di oltre 9mila infermieri.

Altri temi a me molto cari sono gli investimenti nella ricerca, a cui deve essere dedicata una quota di risorse che prescinda dall’andamento del PIL, la lotta alle inefficienze e il superamento delle differenze territoriali nell’accesso alle cure. A tutti i cittadini deve essere garantito lo stesso diritto alla salute, come sancito dalla Costituzione. Ora che stiamo uscendo dalla fase più acuta della gestione della pandemia, è fondamentale investire nella prevenzione.

Da parte della Commissione Affari Sociali e del Governo registro poi una grande attenzione al tema della disabilità; tre segnali importanti arrivano nel Decreto Rilancio con l’incremento di 90 milioni di euro del Fondo per le non autosufficienze, di 20 milioni per l’assistenza di persone con disabilità gravi e con la creazione di un fondo per le strutture semiresidenziali per le persone con disabilità. È per noi un sostegno doveroso nei confronti dei più fragili e di chi si prende cura della loro salute.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

 

Articoli correlati
Decreto Milleproroghe, l’esame entra nel vivo. La settimana in Parlamento
Diversi appuntamenti nella settimana dal 30 gennaio al 4 febbraio: in commissione Lavoro e Sanità del Senato audizione di rappresentanti del Ministero della Salute e dell’Agenzia delle Entrate nell’ambito dell'indagine conoscitiva sulle forme integrative di previdenza e di assistenza sanitaria
DEF, commissione Affari sociali chiede di mantenere invariato il livello di spesa rispetto al PIL
Nel parere si sottolinea l’assenza di un riferimento al rinnovo dei contratti del personale sanitario. I deputati chiedono, inoltre, di superare le disparità territoriali nell’erogazione dei servizi, soprattutto in riferimento alle liste di attesa
di Francesco Torre
Giornata del Servizio Sociale, Lorefice (M5S): «Assistenti sociali fondamentali per preservare dignità dei più fragili»
«Negli anni in Parlamento ho promosso l’approvazione di alcuni emendamenti volti a rafforzare la presenza degli assistenti sociali negli enti locali, rimuovendo i vincoli per le assunzioni» spiega la presidente della commissione Affari sociali della Camera
Manovra, Lorefice (M5S): «Bene assunzione nuovi assistenti sociali, in pandemia disagio aumentato»
L'emendamento approvato alla legge di Bilancio 2022 consentirà a ogni Comune italiano di fare assunzioni per raggiungere la soglia di un professionista ogni 6.500 abitanti entro il 2026
Super Green Pass, manovra e fine vita nella settimana parlamentare
Entra nel vivo l’esame della Legge di Bilancio 2022: si punta a chiudere al Senato entro Natale. In commissione Affari sociali esame del decreto legislativo sull’assegno unico, mentre in commissione Sanità continuano le audizioni sulla riforma della medicina territoriale. Il premier Draghi atteso per le comunicazioni in vista del consiglio europeo
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Approvato in Consiglio dei Ministri il “decreto anziani”. Normata anche la figura del Caregiver

Approvato in via preliminare il Decreto Legislativo sulle politiche in favore delle persone anziane in attuazione della Legge Delega n. 53 del 23 marzo 2023. Stanziamenti per 500 milioni di euro nel b...
di CdRR
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...