Non Categorizzato 21 Maggio 2020

Lorefice (Comm. Affari Sociali): «Destinare alla ricerca quota di risorse scollegata dall’andamento del PIL»

L’emergenza legata al Coronavirus ha messo in luce la gravità dei tagli operati in passato al Sistema sanitario nazionale, pari a circa 37 miliardi di euro, a causa dei quali abbiamo perso 70mila posti letto in 10 anni, in nome di una inutile e pericolosa strategia volta al risparmio, che ci ha esposto a seri […]

di On. Marialucia Lorefice, Presidente Commissione Affari Sociali

L’emergenza legata al Coronavirus ha messo in luce la gravità dei tagli operati in passato al Sistema sanitario nazionale, pari a circa 37 miliardi di euro, a causa dei quali abbiamo perso 70mila posti letto in 10 anni, in nome di una inutile e pericolosa strategia volta al risparmio, che ci ha esposto a seri rischi.

Adesso per ripartire c’è solo un modo, tornare ad investire sulla sanità per tutelare la salute di milioni di cittadini e di tutti coloro, medici, infermieri e personale sanitario, che ogni giorno si prendono cura di noi, ai quali è stato richiesto uno sforzo enorme durante questa delicatissima fase emergenziale.

La linea degli “investimenti nella sanità pubblica” è quella che abbiamo adottato da subito con il nostro governo: in Legge di Bilancio avevamo già previsto 4.5 miliardi di euro in più per il triennio 2019-2021, a questi abbiamo aggiunto 3.5 miliardi per rafforzare il Sistema sanitario e la Protezione civile nel Decreto Cura Italia ed ora nel Decreto Rilancio abbiamo stanziato ulteriori 3.2 miliardi per il 2020.

Le risorse investite serviranno per creare 3500 posti letto in più in terapia intensiva, potenziando la rete ospedaliera, ma anche a incrementare le borse di specializzazione per superare l’imbuto formativo e dare il dovuto riconoscimento a una categoria di professionisti fondamentali per rilanciare il nostro sistema sanitario.

Un’altra nostra priorità è l’incremento delle Reti territoriali, con l’introduzione, ad esempio, della figura dell’infermiere di famiglia o di comunità, per una più efficace presa in carico dei pazienti, che eviti di congestionare ospedali e pronto soccorso. A tal fine nel decreto rilancio abbiamo previsto l’assunzione di oltre 9mila infermieri.

Altri temi a me molto cari sono gli investimenti nella ricerca, a cui deve essere dedicata una quota di risorse che prescinda dall’andamento del PIL, la lotta alle inefficienze e il superamento delle differenze territoriali nell’accesso alle cure. A tutti i cittadini deve essere garantito lo stesso diritto alla salute, come sancito dalla Costituzione. Ora che stiamo uscendo dalla fase più acuta della gestione della pandemia, è fondamentale investire nella prevenzione.

Da parte della Commissione Affari Sociali e del Governo registro poi una grande attenzione al tema della disabilità; tre segnali importanti arrivano nel Decreto Rilancio con l’incremento di 90 milioni di euro del Fondo per le non autosufficienze, di 20 milioni per l’assistenza di persone con disabilità gravi e con la creazione di un fondo per le strutture semiresidenziali per le persone con disabilità. È per noi un sostegno doveroso nei confronti dei più fragili e di chi si prende cura della loro salute.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

 

Articoli correlati
NADEF, ok dalla Commissione Affari Sociali che però chiede più risorse per liste d’attesa e borse di specializzazione
Nella relazione elaborata da Elena Carnevali si sottolinea l’aumento della spesa sanitaria, che nel 2020 raggiunge il 7,7% del Pil. Tra le richieste, misure di sostegno economico per le strutture residenziali e semiresidenziali e aiuti alla domiciliarità dei pazienti cronici, fragili e non autosufficienti
Recovery Fund, Commissione Affari Sociali: «Puntare su prevenzione, equipe multidisciplinari e strutture anti-pandemie»
I rilievi della Commissione allo "Schema di relazione sull’individuazione delle priorità nell’utilizzo del Recovery Fund". Il relatore Nicola Provenza: «Sapremo essere all'altezza di questa nuova fase, dopo un periodo così difficile, se metteremo in campo emozione, passione e capacità di innovare»
Il Ddl aggressioni è legge. Cosa prevede il testo approvato all’unanimità dal Senato
Sanzioni da 500 a 5mila euro e dai 4 ai 16 anni di reclusione per chi aggredisce gli operatori della sanità. Le reazioni
Marialucia Lorefice (Affari Sociali): «Covid ci serva da lezione, tagli alla sanità un errore. Ora attenzione al sociale»
Colloquio con la presidente della Commissione Affari Sociali Marialucia Lorefice (M5S) all’indomani della rielezione. Tra le priorità dei prossimi mesi il budget di salute per la presa in carico delle persone con disabilità e la legge sul fine vita
Rinnovo commissioni parlamentari: Lorefice (M5S) confermata alla guida della Affari Sociali, la senatrice Parente (Iv) alla Sanità
Il voto è arrivato dopo tre settimane di serrate trattative che avevano fatto slittare più volte l’elezione. L’esponente siciliana del M5S Marialucia Lorefice è in carica dal 2018. Al Senato invece terzo cambio alla guida della Commissione Sanità: Parente subentra a Collina, a suo volta succeduto a Pierpaolo Sileri
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 28 ottobre, sono 43.979.777 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.167.124 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 28 ottobre: Ad oggi in I...
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare
Salute

Covid-19, il virologo Palù: «Vi spiego perché non sempre gli asintomatici sono da considerare malati»

Il virologo veneto, già Presidente della Società Europea di Virologia, spiega dove si può intervenire per contenere i contagi: «Stop alla movida, contingentare gli ingressi nei supermercati e ridu...