Stop Ingiustizie Bancarie 29 Settembre 2015 17:25

Banche, indagine shock: anomalie nel 99% dei conti

Non solo mutui irregolari, in 71 casi su cento imposti ai correntisti tassi di interesse superiori a quelli consentiti dalla legge

Banche, indagine shock: anomalie nel 99% dei conti

Non solo mutui irregolari, il 99% dei conti correnti presenta anomalie ed è a rischio usura. È questo il dato shock che emerge dal primo rapporto nazionale sull’usura praticata dagli istituti bancari.


Secondo gli autori dello studio, ciò che è emerso negli ultimi anni in maniera sempre più forte è un fenomeno imponente e devastante, ancora troppo poco conosciuto in Italia. La ricerca infatti dimostra come il 71% dei conti correnti presenti tassi di interesse superiori a quelli consentiti dalla legge. In particolare, di ogni 100 euro pagati alla banca per “commissioni, remunerazioni a qualsiasi titolo e spese, escluse quelle per imposte e tasse, collegate alla erogazione del credito”, una grande percentuale non è dovuta. Le fenomenologie studiate riguardano l’usura oggettiva, l’usura soggettiva e l’anatocismo nei valori trimestrali.

Questo studio segue quello diffuso nei giorni scorsi, questa volta incentrato sulla categoria degli operatori sanitari, che ha evidenziato come l’86% dei camici bianchi operanti in Italia abbia chiesto almeno un mutuo o un prestito per l’attività lavorativa o la vita privata, contro un povero 28% degli intervistati che si dichiara a conoscenza del fatto che tre mutui su quattro risultano irregolari. Dall’indagine è emerso anche che il 31% dei medici non è a conoscenza della possibilità di recuperare (o risparmiare) tutte le somme indebitamente date alla propria banca per i mutui o i finanziamenti erogati. In aggiunta, dal sondaggio appare chiaro come una maggioranza schiacciante (il 92% degli intervistati) non è a conoscenza della possibilità di poter ricorrere alla magistratura per ottenere la restituzione di quanto ingiustamente sottratto. In particolare, non sanno che è possibile recuperare, in caso di vittoria, fino ad 80mila euro per ogni 200mila erogati.

Ed in effetti, secondo un altro recente studio, i casi di irregolarità registrati negli ultimi anni sono numerosi: nove conti correnti su dieci che hanno concesso lo scoperto bancario (dal 2001 ad oggi) hanno fatto e fanno registrare episodi di usura, mentre in oltre la metà dei mutui (circa il 60%) sono state riscontrate clausole non regolari.

Tornando alla ricerca relativa al mondo medico, è emerso altresì che il 93% del campione si dichiara all’oscuro del fatto che, stando ai più recenti dati diffusi dal Ministero della Giustizia, nel caso di contenzioso tra correntista e banca, nel 45,8% dei casi si evita di andare in tribunale perché gli istituti cercano un accordo stragiudiziale che si risolve in media tra i 6 e gli 8 mesi. il 72% dei camici bianchi intervistati, infine, vorrebbe ricevere una consulenza relativa alla propria situazione, in modo da poter valutare con cognizione di causa l’eventualità di un ricorso contro la propria banca.

Articoli correlati
Crollo intramoenia, CIMO-FESMED: «A perderci sono medici, strutture e pazienti. Rendiamola più attrattiva»
«L’intramoenia viene ancora considerata erroneamente e da più parti la causa delle liste d’attesa - sostiene la Federazione CIMO-FESMED -. Ogni iniziativa adottata contro la libera professione dei medici dipendenti del SSN si tramuta di fatto in un vantaggio per la sanità privata. E forse, viene quindi da chiedersi, è proprio questo l’obiettivo ultimo per qualcuno»
Malattie croniche e pandemia, per 1 paziente su 3 terapie a rischio. L’indagine degli Psicologi Lazio
Durante la pandemia da Covid circa un terzo dei pazienti con malattie croniche ha faticato a comunicare con il proprio medico curante. Quasi uno su dieci ha addirittura smesso di contattarlo, mettendo seriamente a rischio la propria aderenza alle terapie. A rivelarlo è un’indagine realizzata dall’Osservatorio di Psicologia in cronicità in collaborazione con la Regione […]
Covid, Fondazione Italia in Salute: «Visite cancellate o rimandate per il 52% degli italiani»
Il 64% della popolazione ha timore degli ospedali. Dalla ricerca sui risvolti sanitari e psicologici della pandemia in Italia emerge anche il cambio di abitudini di vita: 2 persone su 3 hanno smesso di prendere i mezzi pubblici
FederAnziani: «Un terzo delle pensioni a figli e nipoti»
Messina: nonni fondamentali, vanno protetti ma non rinchiusi. Garantire l’accesso alle cure e il supporto psicologico
Vaccino antinfluenzale, Gimbe: «Raccomandato per tutti, ma per 2 persone su 3 nessuna disponibilità in farmacia»
L’analisi della Fondazione Gimbe sul vaccino antinfluenzale dimostra che nella maggior parte delle regioni non ci sono scorte adeguate a soddisfare la domanda. Alcune non possono garantire il 75% di copertura alle categorie a rischio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 7 dicembre 2022, sono 646.415.951 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.644.903 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa
Covid-19, che fare se...?

Che differenze ci sono tra i sintomi del Covid e quelli dell’influenza?

Da quando Omicron è diventata la variante dominante è più difficile riuscire a distinguere l'infezione Covid-19 da una normale influenza. Ci sono solo lievi differenze fra le due ...