La Sanità del futuro 23 Marzo 2017

Sanità territoriale, futuro antico? Emiliano (Puglia): «Innovazione contro multinazionali»

Il Presidente della Regione Puglia e candidato alla Segreteria PD: «Strutture che devono essere più efficienti perché la scusa per distruggerle è il costo. Quando una cosa costa troppo, la distruggiamo…»

«Le farmacie sono l’unico presidio di salute assieme ai medici di famiglia. Quindi la modernizzazione di queste strutture serve per opporsi al grande monopolio delle multinazionali» Scandisce queste parole con convinzione Michele Emiliano, Presidente Regione Puglia al convegno “Il futuro della farmacia: scenari, obiettivi, soluzioni” organizzato da Federfarma Roma.

«Le multinazionali vogliono realizzare un monopolio non solo sulla produzione dei farmaci ma anche sulla loro distribuzione», prosegue Emiliano.

«Quindi le farmacie sono, farà strano concepirle così, presidi anche di libertà e democrazia. Ovviamente queste strutture devono essere più efficienti perché la scusa per distruggerle è il costo. Quando una cosa costa troppo, la distruggiamo per poi trasferirla ad altri soggetti».

«Non bisogna arrivare a questo punto – ribadisce il Presidente -, questo va assolutamente evitato anche con l’aiuto della collaborazione del pubblico che ha interesse a favorire una distribuzione libera. D’altronde l’appropriatezza non è solo un compito del medico. E’ chiaro che il medico fa la prestazione però il farmacista ha il suo ruolo perché influenza l’opinione del cliente. Infatti così facendo il cittadino quando va dal medico, è più disponibile ad una discussione con il medico sull’appropriatezza del farmaco. Una discussione più intelligente, più coerente anche con gli obiettivi di risparmio della spesa pubblica».

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone